Articolo

Impacchi per capelli, la ricetta con il karkadè

Impacco al karkadè per avere capelli lucidi e morbidi e per prolungare la colorazione con l'hennè

Impacchi per capelli, la ricetta con il karkadè

Gli impacchi per capelli possono far ritrovare lucentezza e morbidezza alle chiome spente e opache senza ricorrere al taglio: l'impacco al karkadè, fa ritrovare bellezza ai capelli ed è ideale per chiome scure e rosse, poiché dona riflessi mogano.

 

Per quali capelli è indicato il karkadè

Quando i capelli appaiono spenti, opachi e sfibrati non è sempre necessario ricorrere al taglio per vederli tornare in salute: gli impacchi per capelli possono far ritrovare luminosità e idratazione alle nostre chiome senza ricorrere al parrucchiere e senza sfibrarli.

L'impacco a base di karkadè è l'ideale se si vogliono capelli lucidi e morbidi, soprattutto su capelli scuri a cui si vuole dare un riflesso mogano. Il karkadè, infatti, contiene acidi della frutta in grado di dare lucentezza ai capelli, mucillagini e zuccheri che ammorbidiscono e idratano, e antociani dal potere colorante.

L'impacco a base di karkadè è quindi particolarmente indicato per chi ha i capelli scuri o rossi e vuole rendere i capelli lucidi, morbidi e intensificare i riflessi; chi utilizza l'hennè può ricorrere all'impacco al karkadè per prolungare i tempi tra una colorazione e quella successiva.

 

 

Impacco al karkadè: la ricetta

Questa semplice ricetta è utile per realizzare una lozione da utilizzare dopo lo shampoo. Applicata ogni giorno, rende i capelli lucidi e morbidi e intensifica i riflessi mogano dei capelli scuri e rossi.

Ingredienti
> 10 g di karkadè
> 300 ml di acqua

Procedimento
Preparate un decotto portando a ebollizione l'acqua e i fiori essiccati di karkadé; fate bollire per tre/cinque minuti, dopodiché spegnete la fiamma e lasciate in infusione per circa dieci minuti con il coperchio. Filtrate e trasferite l'infuso in uno spruzzino e, se non avete intenzione di utilizzarlo subito, conservatelo in frigorifero per al massimo tre giorni.

Dopo lo shampoo, vaporizzate l'infuso di karkadè sui capelli bagnati, frizionando la cute e distribuendolo bene sulle lunghezze; lasciate in posa per una decina di minuti, risciacquate velocemente e asciugate i capelli.

Durante la posa, proteggete gli indumenti e prestate attenzione a non macchiare abiti e asciugamani.

 

Proprietà del karkadè

L'ibisco (Hibiscus sabdariffa) è un arbusto della famiglia delle Malvacee originario dell'Africa occidentale.

I suoi fiori, commestibili, sono largamente usati nella cucina tradizionale locale, così come le foglie giovani e i germogli, che vengono consumati crudi e cotti.

I fiori essiccati sono utilizzati per preparare un infuso dolciastro e acidulo, tradizionalmente impiegato per le sue proprietà salutari, per esempio contro il mal di gola; il karkadé viene inoltre aggiunto alle tisane per colorare e dare una nota aspra all'infuso.

Il karkadè contiene antociani, polifenoli, vitamina C, zuccheri, mucillagini, oligoelementi e acidi della frutta.

Grazie a queste sostanze, vanta proprietà antiossidanti, coloranti, idratanti e emollienti e trova perciò impiego anche in cosmesi per contrastare l'invecchiamento della pelle, ammorbidire e idratare la cute e rendere brillanti i capelli, regalando riflessi mogano alle chiome scure.

Il karkadè è reperibile senza difficoltà in tutte le erboristerie.

 

Ecco gli integratori naturali per la bellezza e la cura dei capelli

 

Per approfondire:

> Capelli, disturbi e cure naturali