Articolo

Perdite trasparenti e ovulazione

Le perdite trasparenti durante l'ovulazione sono un fenomeno del tutto normale, che non deve preoccupare: approfondiamone le cause.

donna-ovulazione

Credit foto
©Pixabay

A qualsiasi donna è capitato, prima o poi, di notare piccole perdite trasparenti, acquose e inodori in determinati momenti del mese. In realtà, non c'è assolutamente motivo di preoccuparsi: è un fenomeno normale, legato all'ovulazione

 

Ovulazione, cos’è e quando avviene

L’ovulazione, nel ciclo mestruale femminile, corrisponde al periodo in cui l’ovocita viene espulso dalle ovaie. Questo processo avviene grazie ad alcuni cambiamenti ormonali, nello specifico l’aumento di estrogeni che causa un picco dell’ormone luteinizzante (LH). L'ovulazione avviene ogni mese; a può verificarsi due volte in un mese.

 

Il giorno precedente all’ovulazione e il giorno dell’ovulazione corrispondono ai giorni più fertili del ciclo mestruale. In questo periodo, se l’ovulo incontra uno spermatozoo, può essere fecondato e può instaurarsi una gravidanza.

 

Se la fecondazione non avviene, la parete dell’utero si stacca e si verificano le mestruazioni, con cui viene perso anche l’ovulo. Chiaramente, chi ha rapporti sessuali non protetti può ottenere una gravidanza anche tutti gli altri giorni del mese, benché statisticamente le probabilità siano inferiori.

 

Perdite trasparenti durante l'ovulazione, le cause

Durante il ciclo mestruale, quindi nel periodo tra una mestruazione e quella successiva, i livelli ormonali cambiano e si modifica anche la consistenza del muco cervicale. Subito dopo le mestruazioni, infatti, il muco cervicale aumenta e appare biancastro. Con l’avvicinarsi dell’ovulazione, invece, diviene trasparente e più acquoso.

 

Di norma l’ovulazione avviene circa quindici giorni prima della comparsa delle mestruazioni ed è caratterizzata da perdite trasparenti e inodori; a volte il fenomeno dell’ovulazione può comportare anche lievi dolori all’utero.

 

La presenza di perdite trasparenti prima del ciclo non deve quindi spaventare o allarmare, poiché si tratta di un fenomeno assolutamente normale.

 

Perdite, quando bisogna rivolgersi al medico

Come abbiamo visto, quindi, le perdite trasparenti e inodori durante il periodo dell'ovulazione sono la naturale conseguenza dei cambiamenti ormonali. Anche le perdite trasparenti in gravidanza sono un fenomeno comune, che non deve preoccupare.

 

Più raro è invece avere perdite trasparenti in menopausa, quando le secrezioni vaginali diminuiscono fisiologicamente: la menopausa è infatti caratterizzata, tra le altre cose, da secchezza vaginale.

 

Quando invece le perdite  anziché essere trasparenti, inodori e acquose si presentano dense e maleodoranti, oppure hanno un colore grigiastro, giallo, rosso scuro o marrone, è bene rivolgersi al medico per accertarne le cause.

 

Alcune perdite possono infatti rappresentare un sintomo di infezioni batteriche o micotiche, tra cui la candida albicans, infezione fungina molto frequente e facilmente diagnosticabile e curabile.

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio