Articolo

Aiutare la concentrazione: i rimedi per evitare i cali di attenzione

Durante i periodi di intensa attività nello studio e nel lavoro si possono avere cali dell’attenzione per l’eccessiva stanchezza. Ecco come migliorare la concentrazione, anche con i rimedi naturali.

concentrazione

Credit foto
©fizkes -123rf

Come aumentare la concentrazione

Riuscire a concentrarsi e mantenere l’attenzione durante lo studio e il lavoro è fondamentale per riuscire ad affrontare le sfide quotidiane e ottenere buoni risultati.

L’eccessivo carico mentale può però portare a stanchezza e a conseguenti difficoltà a concentrarsi.

Aiutare il nostro cervello a rimanere focalizzato è però possibile, innanzitutto curando l’alimentazione e il riposo e, in secondo luogo grazie a tecniche e rimedi naturali.

L’alimentazione è essenziale per mantenere efficienti le funzioni cognitive, incluse la concentrazione e la memoria. Una dieta sana ed equilibrata è infatti la base da cui partire per assicurare al nostro cervello l’energia di cui ha bisogno per lavorare al meglio.

Non bisogna poi sottovalutare il riposo, sia durante la notte sia mentre si studia o si lavora. Dormire male mina sicuramente la nostra capacità di concentrazione nel corso della giornata, ma anche non concedersi le giuste pause porta a cali di attenzione. Brevi pause di dieci-quindici minuti aiutano invece a rilassare la mente, riordinare le idee e ripartire con più carica.
​​​​​​​

Tecniche per la concentrazione

Preoccupazioni, ansia, stress sono nemici della concentrazione, così come i pensieri che affollano la mente quando stiamo lavorando a un progetto o preparando un esame importante.

Rimedi utili per allontanare emozioni e pensieri negativi, focalizzarsi sul momento presente e riuscire a mantenere alta l’attenzione sono la meditazione e le tecniche di respirazione.

Prestare attenzione per qualche minuto sul proprio respiro e dedicarsi a una respirazione profonda è di grande aiuto sia per liberare la mente da pensieri che distraggono sia per allenare la concentrazione.

Per ottenere benefici dalle tecniche di respirazione e di meditazione è sufficiente praticarle con costanza, anche solo cinque-dieci minuti al giorno.
 

Rimedi naturali per la concentrazione

Alcune piante e rimedi naturali possono favorire la concentrazione stimolando e sostenendo il sistema nervoso centrale e l’attività cerebrale.

 

Nei periodi particolarmente impegnativi si può ad esempio ricorrere a piante dall’azione adattogena come la Withania somnifera, rimedio noto anche come ashwagandha o ginseng indiano.

La withania è in grado di migliorare la resistenza fisica e mentale in situazioni stressanti dal punto di vista fisico e mentali, migliorando le prestazioni nello studio e nel lavoro.

Altre piante utili per migliorare la concentrazione sono quelle a base di caffeina, dall’azione stimolante. Ne è un esempio il tè verde, che unisce alle proprietà toniche quelle antiossidanti, in grado dunque di prevenire lo stress ossidativo cellulare.

Oltre ai rimedi adattogeni e stimolanti, per aumentare la capacità di concentrazione e si può fare ricorso a sostanze naturali in grado di sostenere l’attività cerebrale e proteggere le cellule dallo stress, come

L’N-acetilcisteina - aminoacido precursore del glutatione, importante antiossidante presente nel nostro organismo – e sali minerali come il manganese e il selenio.

In commercio è possibile trovare integratori formulati con questi ingredienti naturali: Gunabrain di GUNA è un integratore formulato con i rimedi elencati e la sua somministrazione, abbinata a un’alimentazione equilibrata e a uno stile di vita sano, è utile a migliorare la concentrazione e a fronteggiare lo stress.
 

Credit video
Montaggio: Claudio Lucca

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio