Articolo

Lucuma, proprietà e benefici

Un frutto d'oro lo è per davvero la lucuma: antiossidante e dolcificante naturale, questa delizia arancione andina è specialmente indicata per chi desidera nutrire e ringiovanire l'organismo, vediamone insieme proprietà e benefici di questo nuovo superfood

 Lucuma, proprietà e benefici

Cos'è la lucuma

La lucuma è scientificamente il frutto dell’albero sudamericano Pouteria lucuma o Pouteria obovata; questa pianta dall'alto fusto appartiene alla famiglia delle Sapotaceae e viene dal Perù, dall'Ecuador e dal Cile, soprattutto dalle zone delle valli andine; qui il suo frutto cresce ed è consumato da moltissimo tempo, già dall'epoca degli Inca. Localmente è noto anche come logma o lucma.

Di forma tondeggiante, la lucuma ha una buccia verde sottile, che quando è matura tende al marrone, e una dolce polpa arancione, soda e farinosa. All'interno vi troviamo uno o due grossi semi marroni e brillanti, lisci e tondeggianti. Spesso la si confonde l' "Eggfruit", "fruta-huevo", uovo-frutto sempre sudamericano, ma viene chiamato canistel ed è della stessa famiglia.

La lucuma ha un gusto tutto particolare, il suo sapore può ricordare infatti la zucca arancione e secondo altri una via di mezzo tra il mango e l'albicocca, ma è ancora più dolce e intenso.

Localmente, soprattutto i peruviani, la usano per arricchire gelati, torte, frullati o altri prodotti dolci e rappresenta un ottimo dolcificante naturale alternativo allo zucchero.

 

Proprietà e benefici della lucuma

Per sfizio di dire di averla assaggiata, o per una vera passione per i frutti tropicali, la lucuma merita di essere provata almeno una volta nella vita.

La sua polpa, oltre ad essere buonissima, presenta anche una serie di benefici considerevoli per la salute: è ricca di betacarotene, vitamina A, vitamina B2, sali minerali e ferro, cosa che la rendono un futto speciale, anzi un vero superfood, dal potere antiossidante e altamente nutriente.

La lucuma contiene anche carboidrati, grassi, similmente all'avocado, e una sostanza chiamata niacina che serve a regolarizzare i livelli di colesterolo nel sangue. La scienza ha indagato anche le sue proprietà antinfiammatorie e di rigenerazione cellulare, com'è riportato su Wiley online Library

 

Leggi anche Superfruit a confronto >>

 

Come si usa la lucuma 

La lucuma si può consumare cruda, naturale e pura, così com'è, ma si può anche cuocere, cosa che le conferisce una consistenza decisamente cremosa e omogenea.

Ultimamente la si trova sfarinata in molti preparati per la prima colazione, come "Il risveglio del Buddha" e si può anche acquistare disidratata e in polvere, ottima da sciogliere nelle bevande e da usare come dolcificante naturale.

La lucuma non si trova così facilmente: oltre a vari siti che la vendono on line, si è fortunati se si riesce a reperirla nelle grandi città e in qualche negozietto etnico di prodotti sudamericani. 

Curiosità: Attenzione perché, come visto prima, esiste anche l'albero della Pouteria campechiana, che dà un frutto denominato "canistel" che non è la lucuma e ha un sapore che ricorda la batata o patata americana e patata dolce. Ecco il sito Cookpad che offre una serie di Recetas de Lucuma, ricette in lingua per impartichirvi anche con lo spagnolo!

Lettura consigliata: "El arbol al servicio del agricultor: guía de especies", di Frans Geilfus.

 

Leggi anche Superfood, cosa sono >>

 

Foto: kaiskynet / 123RF Archivio Fotografico

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio