Articolo

Gelsi bianchi e neri: proprietà benefici e ricette

Le more di gelso si stanno ormai dimenticando, ma un tempo erano parte della alimentazione tradizionale dell'uomo. Il gelso produce abbondanti frutti con ottime qualità e molti benefici per il nostro corpo. Scopriamo le more di gelso bianco e nero e come usarle in qualche ricetta

Gelsi bianchi e neri: proprietà benefici e ricette

Il gelso è un albero che può raggiungere i 15 metri d’altezza e viene conosciuto con il nome scientifico di Morus celsa.

Esistono almeno 15 diverse varietà di gelsi ma le più conosciute e coltivate sono la Morus nigra e la Morus alba che si differenziano per il colore nero o bianco dei loro frutti.

Il gelso appartiene alla famiglia delle moraceae ed il suo clima ideale di crescita è quello delle zone tropicali e temperate.

La sua origine sembra sia cinese tanto che anche Marco Polo ne annovera la presenza già nel 1270 durante le descrizioni del suo viaggio nella terra d’Oriente. Non a caso in Oriente questa pianta viene coltivata oltre che per i suoi frutti anche e soprattutto per le sue foglie, nutrimento dei bachi da seta.

Il gelso oggi cresce ed è diffuso in tutta l’Asia, in Nord America, in Africa e dal 1500 in Europa, anche se attualmente questa pianta non viene più utilizzata per i suoi frutti e sta pian piano scomparendo dai giardini e dai frutteti, quando in realtà è un'ottima fonte di sostanze nutrienti e benefiche, oltre ad avere un eccellente sapore.

Andiamo a conoscere meglio le more di gelso e gli usi in cucina.

 

Composizione e proprietà delle more di gelso

Le more di gelso contengono un importante antiossidante, il resveratrolo dalla potente azione antinvecchiamento che combattei radicali liberi responsabili dell’ossidazione del corpo; inoltre, questa sostanza promuove la circolazione del sangue e migliora notevolmente la funzionalità di tutto l’apparato cardiovascolare. Secondo gli ultimi studi medici il resveratrolo è infatti un principio attivo capace di fluidificare il sangue così da avere un’azione antitrombotica e un effetto antitumorale.

Le more di gelso contengono vitamine quali la A, la C, la E, la K e molti minerali quali il ferro, il calcio, il magnesio, il sodio, il potassio, il selenio e lo zinco; questa sua composizione le rende degli ottimi integratori naturali

La presenza di fibre permette di migliorare la funzionalità intestinale regolarizzandola e in più purifica sia il sangue che il fegato. Le more di gelso contengono zuccheri naturali quali fruttosio e glucosio che insieme alle fibre danno un senso di sazietà molto veloce e molta carica energetica da spendere sul momento senza la conseguenza però di aumentare di peso.

Infine le more di gelso contengono un altro principio attivo, la morusina, un flavonoide dalle proprietà analgesiche: allevia infatti i dolori alle terminazione dei nervi, dai muscoli alla cute, dalle articolazioni al sistema vascolare.

In sintesi le proprietà delle more di gelso sono quindi: analgesiche, antibatteriche, leggermente lassative, ipoglicemizzanti, diuretiche, purificanti, vasoprotrettrici, antinfiammatorie, antianemiche e antiossidanti.

more gelso nere


Leggi anche 3 ricette con il rabarbaro >>

 

Le more di gelso in cucina

Le more di gelso sono ottime mangiate fresche o trasformate in frullati, marmellate o semplicemente mangiate essiccate.

Il sapore della mora di gelso è dolce e ricorda quello delle altre bacche simili comi i mirtilli, le more di rovo o l’uva.

Nei mesi tra luglio e settembre le more di gelso raggiungono la loro maturazione e possono essere mangiate al naturale o mescolate nelle macedonie miste di frutta di stagione.

Se avete la fortuna di avere un albero di gelso potrete mettere da parte una abbondante quantità di more per essiccarle e conservarle. Durante l’anno potrete quindi avere more di gelso da gustare come snack o da aggiungere nei frullati o nelle preparazioni di dolci.

Le more essiccate sono molto più dolci perché lo zucchero è maggiormente concentrato essendo evaporata l’acqua e questo permette di utilizzarle per rendere densi e cremosi frullati e le creme di frutta. Inoltre le bacche di gelso essiccate sono speciali se vengono aggiunte allo yogurt, ai gelati, alle macedonie, nel muesli della colazione, nei budini di frutta o nelle ricette dei dolci e dei biscotti.

Le more di gelso bianche sono state riconosciute come le migliori, coltivate in Turchia in regime di agricoltura biologica; questo perché sono di ottima consistenza, grandi dimensioni e sapore dolce veramente eccellente.

Anche la preparazione di marmellate con le more di gelso è una tradizione antica che però stava scomparendo perché questo frutto cominciava a non essere più utilizzato. Infatti è attualmente considerato un frutto dimentico e la sua riscoperta porta nuovamente sulle nostre tavole una dolcezza veramente incantevole e proprietà salutari eccellenti per la nostra salute.

 

Che differenza c'è tra peponidi, pomi e frutti composti?

<more gelso bianche

 

Ricetta classica della marmellata di gelso

Per ogni preparazione di marmellata serve una quantità di zucchero (da agricoltura biologica e di canna grezzo) e il doppio di quantità di frutta quindi nel nostro caso di more di gelso.

In alcune ricette vengono aggiunte delle mele per aiutare la consistenza della marmellata oppure vengono utilizzate speciali sostanze per aggregare meglio il composto.

Inoltre è possibile aggiungere succo di limone che ritarda l’ossidazione e stabilizzala il sapore oltre che allungare il tempo di conservazione.

La marmellata viene poi preparata frullando la frutta insieme allo zucchero e ponendo tutto in una pentola con doppio fondo a fuoco basso.

Il segreto di una buona marmellata è la consistenza che potremo verificare corretta quando posizionato un cucchiaio di marmellata calda su di un piatto e ruotato in verticale questo rimarrà quasi fermo.

Ricordiamo che i vasetti di vetro andranno puliti e sterilizzati e la marmellata andrà invasata bollente in modo da creare il sottovuoto nel barattolo.

 

Liquore alle more di gelso

Questa preparazione veniva utilizzata più a scopo curativo che alimentare ma il suo sapore ne faceva comunque apprezzare il prodotto.

Le ricette sono differenti a seconda delle zone, comunque vengono indicati percentuali di alcool non superiori al 40%.

Solitamente la proporzione degli ingredienti è:
> 500 gr di alcool a 90 gradi,
> 300 di zucchero 
> 600 di more di gelso.

Preparazione: la polpa di more di gelso viene unita al alcool alimentare e allo zucchero  per poi lasciare il tutto a macerare per 4 giorni.

Una volta al giorno è necessario agitare la bottiglia per permettere allo zucchero di sciogliersi. Inoltre per far maturare il liquore ed avere l’estrazione delle sostanze dalle bacche di gelso dovremo aspettare almeno 40 giorni. Le bottiglie vengono lasciate al buio anche sino a 2 mesi e successivamente sono pronte per essere gustate.

Sorbetto alle more di gelso

Molto semplice da realizzare avendo a disposizione un macchina per fare il gelato oppure un frullatore ad immersione.

Ingredienti:
> 550gr di more
> 250ml di acqua
> 100gr di zucchero di canna grezzo

Preparaizone: primo passo mettere le more di gelso fresche e lavate nel passaverdure e poi aggiungere il succo di mezzo limone.

A parte preparare uno sciroppo composto dai 250 ml di acqua e dai 100 gr di zucchero di canna grezzo biologico.

Lo sciroppo dovrà essere freddo e potrà essere aggiunto alla purea di more di gelso nella gelatiera o frullato con il robot ad immersione.

Dopo averlo riposto per almeno 1 ora in frigorifero potremo servirlo gustando il delizioso sapore, la sua freschezza e apportando inoltre al nostro corpo tutti i benefici delle more di gelso.

 

Scopri proprietà e ricette degli altri frutti di bosco

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio