Ritenzione idrica e cattiva circolazione: ruscoven o ippocastano?

Sto finendo il secondo mese di capsule ruscoven (a base di rusco, vite rossa, centella e amamelide), ma siccome mi è stato detto di non andare avanti oltre con le stesse piante, potrebbe andare bene l'ippocastano come alternativa? Per cattiva circolaz. /ritenzione idrica ? Grazie a chi avrà voglia di consigliarmi.

Risposte di salute

Le consiglio una miscela di gemmoderivati di castagno e sorbo, 50 gocce x 2 volte al giorno 15 minuti prima dei pasti in acqua naturale per 3 mesi. Cordiali saluti.

di Redazione Redazione

Sebastiano Sessa
Credo che l'ippocastano potrà andar bene. Il mio consiglio è quello di bere anche molto, almeno 1,5 - 2 litri di acqua al giorno. Un consiglio di curare il regime alimentare, molta frutta e verdura ricca di potassio, minerale che contrasta la ritenzione idrica e frutta contenente i bioflavonoidi, sostanze utili per il trofismo del microcircolo e i capillari. Eliminare il sale da cucina, e sostituirlo con quello iposodico. Un programma di attività fisica moderato tre volte la settimana. Cordiali saluti. PT Sebastiano Sessa

di Sebastiano Sessa

Dott.ssa Alessandra Romeo
L'ippocastano in gemmoderivato (Aesculus Ippocastanum) insieme a quello del sorbo (Sorbus Domestica) e a quello del Castagno (Castanea Vesca) sono i rimedi più indicati in gemmoterapia per la cattiva circolazione in quanto fluidificano i sangue e proteggono le pareti venose. Anche assumere le singole piante, vite rossa, rusco, centella (questa non d'estate perché provoca le macchie scure della pelle, se ci si espone al sole) può essere un modo di mantenere la rotazione dei rimedi

di Dott.ssa Alessandra Romeo