Nutrizione e latte vegetale per bambini

Buona sera, avrei una domanda riguardo l alimentazione infantile. Ho due figli maschi, uno di 5 anni (risultato allergico al latte vaccino fino ai 3 anni) e uno di 2, allergico invece all'uovo, sia al rosso che al bianco. Loro non assumono latte vaccino, bensi' latte di soia o di riso o di orzo...due volte al giorno...puo' andare bene per il loro fabbisogno nutrizionale? Ci tengo a precisare che non consumiamo carne (eccetto mio figlio piu' grande alla mensa dell asilo due volte a settimana ma fra il resto poco gradita). Mangiamo pero' pesce, verdure, legumi, diversi tipi di cereali (non raffinati), yoghurt e talvolta formaggio...di ogni tipo pero' la quantita' e' sempre ridotta, non mangiano cioè grandi quantita', eccetto per la frutta..Puo' andare bene come alimentazione?? E' necessario introdurre integratori?? Grazie mille, Jessica

Risposte di salute

Cara Jessica, facciamo un po' di chiarezza: il latte vaccino non dev'essere dato prima dei 12 mesi, poichè ha un alto contenuto di proteine e sali minerali (in particolare sodio) che possono portare a un sovraccarico di lavoro renale nel lattante; inoltre contiene pochissimo ferro che è fondamentale per lo sviluppo psicomotorio e comportamentale del bambino. Anche dopo l'anno di vita, quando il bambino ha un'alimentazione più varia rispetto a prima, il latte vaccino non soddisfa le esigenze nutrizionali, poichè troppo ricco di proteine e povero di ferro. Il latte di soia, in realtà non è un latte ma una bevanda vegetale a base di soia, utilizzato in caso di allergie, ipercolesterolemia o in diete vegetariane estreme. Contiene meno proteine, meno grassi e meno zuccheri. Anche se contiene più ferro, questo può essere assorbito meno a livello intestinale, per la presenza di acido fitico nel prodotto; inoltre può contenere una discreta quantità di fitoestrogeni ed allergeni. Per queste sue caratteristiche quindi, non può essere un sostituto, soprattutto in caso di bambini in fase di crescita. Anche il latte di riso, non è un latte, ma una bevanda ottenuta industrialmente facendo macerare i chicchi di riso in acqua e filtrando il liquido ottenuto. In seguito viene arricchito di calcio, ferro, varie vitamine. Sia per il latte di soia che per quello di riso, esistono formule specifiche per lattanti, in cui le proteine vegetali vengono frazionate per renderle più semplici e meno allergiche. Da tenere presente che il comune latte di riso in commercio, non esiste in natura e dovrebbe essere preso in considerazione solo in casi estremi. Il consiglio quindi, oltre a quello di affidarsi al proprio pediatra di fiducia ed al buon senso, è quello di scegliere un latte delattosato (con sigla HD), che conserva tutte le altre caratteristiche nutrizionali del latte vaccino. Per quanto riguarda l'alimentazione in generale, è bene consumare frutta e verdura in grandi quantità, ma anche cereali come pane, pasta, riso e patate. Le proteine animali e i legumi, hanno proprietà nutrizionali specifiche e dovrebbero essere assunti settimanalmente. Se lo desidera resto a disposizione per ulteriori informazioni, consigli ed incontri di educazione alimentare. Mi faccia eventualmente sapere come si evolve la situazione. Un cordiale saluto, Dr.ssa Manuela Gravante, Salute e Benessere Psicosomatico

di Salute e Benessere Psicosomatico, Dr.ssa Manuela Gravante

Cinzia zedda - equilibra studio
Cara Jessica, è mia opinione che i bambini sappiano perfettamente, contrariamente a noi adulti, quale sia la quantità giusta di cibo e quali cibi non siano adatti a loro. Di fronte al rifiuto di un cibo o a quella che viene chiamata inappetenza non c'è sempre un capriccio. Se i suoi cuccioli hanno poco appetito, ma godono di buona salute e sono vivaci e sereni, non c'è motivo di forzarli. Se gradiscono il latte vegetale perché non darglielo? Eviterei quelli arricchiti di vitamine e minerali perché di sintesi e opterei per frutta e verdura di stagione e prodotti biologici o di campagna. Un'alimentazione quotidiana varia che sia completa di proteine, carboidrati e fibre è la dieta migliore. Non esistono parametri specifici, ogni bambino come ogni adulto ha esigenze costituzionali diverse. Monitori piuttosto il peso e la crescita con la pediatra. Solo un ultimo appunto: il latte di soia è una fonte proteica, quello di riso non lo è (carboidrato). Quello di avena contiene sia carboidrati che una discreta quota di proteina. Dunque, cerchi di roteare i vari tipi di latte. Ad esempio un bicchiere di latte di soia (proteina) con pane e marmellata (carboidrati)casalinghe con un frutto(fibre e vitamine) è un'ottima merenda completa. Una fetta di pane con crema di nocciole fatta in casa (nocciole macinate in polvere con un filo di olio, si lascia riposare, si mescola ogni tanto) minerali e acidi grassi, con latte di riso (carboidrati) o di un altro cereale rappresenta un 'altra ottima soluzione. Pane e olio con un fetta di pomodoro è un'altra sana alternativa alla merendina, oppure frutta cotta con del cacao e uno yogurt vegetale...e così via Tenga presente che il latte di riso può avere un effetto lassativo e spesso non è tollerato. Il latte vaccino non dovrebbe appartenere all'alimentazione umana. Esistono ottime bibliografie in merito. Opti per il consumo di cereali parzialmente integrali perché lo stomaco e l'intestino dei bambini riescono a digerirli e ad assimilarli meglio rispetto al integrale totale. Infine, quando sono così piccini dal mio punto di vista, è meglio far bere loro frullati e centrifugati piuttosto che intossicarli con integratori che possono essere più nocivi che salutari. Cordiali saluti Cinzia Zedda naturopata-scrittrice-iridologa -reflessologa-mindfulness

di Cinzia zedda - equilibra studio