Articolo

Lo yoga e lo sport

Yoga e sport sono oggi una combinazione vincente, un binomio molto stretto ed efficace, destinato a migliorare e diffondersi ulteriormente. Sempre più sportivi, amatoriali e professionisti, si rivolgono allo yoga per migliorare le proprie performance. Scopriamone i motivi.

Lo yoga e lo sport

Tutte le forme di yoga applicate al corpo, a partire dallo hatha yoga, fanno parte di quel grande movimento che sta prendendo piede ovunque nel mondo, un crescente entusiasmo per il fitness che lo ha portato a raffinarsi includendo in nuovi metodi di allenamento sempre completi, varie forme di sport, varie forme di fitness e varie forme di yoga.

Lo yoga ha un grande potenziale nell’aumentare la salute e le performance sia dei muscoli, che dei tendini, che delle articolazioni, attraverso un’innumerevole serie di differenti esercizi e combinazioni.

Anche gli atleti professionisti si rivolgono sempre maggiormente allo yoga e a tutti i suoi esercizi che possono adattarsi al fitness e allo sport.

In origine lo yoga fu una disciplina olistica che includeva un preciso e metodico lavoro sul corpo.

Lo scopo di questa disciplina era l’unione della coscienza individuale con quella divina, l’illuminazione diremmo oggi, e, a conti fatti, una perfetta forma fisica e una maestria sulla materia che compone il nostro fisico potrebbe essere definita come un' illuminazione nel corpo.


Leggi anche La respirazione yoga >>

 

Yoga per migliorare le performance sportive

Quando parliamo di yoga e sport, quindi di atleti che si affacciano a questa disciplina non piu’ esotica come lo era qualche anno fa, parliamo anzitutto di miglioramento di performance sportive e di prevenzione degli infortuni.

Gli sportivi spingono le prestazioni del proprio corpo al limite delle possibilità, anzi, è proprio sorpassare quante più volte possibile questo limite e migliorarsi senza soluzione di continuità il vero scopo dello sport.

Lo yoga non è solo capace di donare elasticità ai muscoli, più importante è il controllo mentale, che avviene tramite la concentrazione e la pratica del pranayama durante le asana.

Introdurre coscienza nei muscoli che di solito agiscono per puro istinto meccanico, dar loro ordini specifici, rilassarli e rilasciare il potere dei tendini e delle articolazioni, puo’ veramente far fare grandi passi avanti agli sportivi.

 

Yoga e prevenzione degli infortuni

Abbiamo menzionato la prevenzione degli infortuni. Tramite lo yoga si impara a lavorare sul corpo rispettando i suoi limiti, riconoscendoli come temporanei ma senza forzarli brutalmente.

A fianco di una dura attività per rendere il corpo più forte, la dolce attività dello yoga controbilancia in modo salutare questo lavoro, dando tempo per riparare i danni dovuti alla fatica, al sovrallenamento, ai normali traumi che fanno parte della vita di un atleta.

Yoga non significa solo stretching, significa bilanciare il corpo e la sua forza, trovare la maestria e l’equilibrio, e lavorare molto più a fondo.

Infatti, una volta raggiunta la soglia della fatica, è possibile rilassarsi, ossigenare correttamente i muscoli, rivolgere i sensi all’interno e controllarli per poter allenarsi ulteriormente in modo molto proficuo.

Corridori, calciatori e tennisti ad esempio subiscono durante la pratica sportiva una grande quantità di contrazioni e shock muscolari, e se non hanno il tempo di allungare i muscoli e recuperare, l’infortunio è dietro l’angolo.

Molti sport sono fatti di movimenti ripetitivi, il che conducono ad un'usura dei tendini, delle articolazioni e dei tessuti muscolari, ecco perché controbilanciare con la yoga è oggigiorno ritenuta unanimamente una pratica raccomandabile per gli sportivi.

 

Il corretto tipo di yoga

Tutto sta adesso ad affidarsi a dei professionisti o farsi una cultura e scegliere il giusto stile di yoga. Oggigiorno esistono vari metodi derivati dall’hatha yoga o della fusione tra hatha yoga e pilates.

Alcuni metodi sono più dinamici del classico hatha yoga, spesso definiti power yoga, specialmente lo ashtanga Vinyasa, dove il cardio e il tono fisico vengono enfatizzati.

L’Anusara yoga incorpora invece elementi di pilates e si focalizza sulla correttezza della posizione, sull’allineamento del corpo e sul bilanciamento tra gli arti.

Lo Iyengar yoga ha un forte potenziale di ristorazione e prevenzione degli infortuni e si avvale spesso di strumenti come cuscini, corde e panni elastici.

Alcuni ottimi metodi dell’ultim’ora che incorporano lo yoga sono focalizzati sul cosiddetto conditioning, nell’aumentare gradualmente ed in maniera sostenibile per il corpo, l’intensita’ degli allenamenti.

Concludiamo con un breve elenco degli sport che fanno maggiur uso di yoga negli allenamenti: arti marziali, tiro con l’arco, nuoto, golf, sci, tennis, ciclismo.

 

Leggi anche Yoga ashtanga e vinyasa, quali differenze >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio