Articolo

Come sostituire la pellicola per alimenti

Si può conservare il cibo senza ricorrere alla plastica? Sì, ecco alcune alternative sostenibili e igieniche all'utilizzo della pellicola trasparente.

dispensa-conservazione-cibo

Credit foto
©Steven Cukrov / 123rf.com

imballaggio-plastica-frutta

Credit foto
©Валентин Агапов / 123rf.com

Circa l'80% dei materiali per la conservazione dei cibi presenti nelle nostre dispense è in palstica di cui gran parte non è recuperabile e costituisce un rifiuto.

 

Le microplastiche sono ormai stati individuati nei nostri mari, nel suolo e - attraverso gli alimenti di cui ci nutriamo - anche nel nostro organismo. 

 

Ormai sappiamo, anche grazie a battaglie ambientaliste per un mondo più sostenibile, che riciclare non è più sufficiente: è necessario eliminare la plstica ilcui uso è superfluo dalla nostra vita quotidiana. 

 

Sono molte le strategie per fare la differenza. Ad esempio possiamo sostituire la pellicola per alimenti: tramite coperchi in silicone riutilizzabili e adattabili ai contenitori in ceramica e vetro, quali piatti, tazze, pentolame e ciotole di comune uso, con il beeopack, un panno per alimenti riutilizzabile e 100% ecologico, oppure creando home made dei panni cerati

 

beeopak-alimenti-packaging

Credit foto
©FB Beeopak

Beeopack: il packging ecologico made in Italy

Semplice ed ecologico, riutilizzabile e made in Italy: si chiama Beeopack ed è il risultato dell'amore per la natura di due donne italiane che, reduci da un viaggio in nord Europa, hanno deciso di avviare la produzione di questo speciale panno. 

 

Si tratta di tessuti in fibra naturale, di diverse dimensioni e fantasie, trattati con prodotti 100% ecologici e non tossici, che diventano una valida e durevole alternativa alla pellicola per alimenti.  

 

A contatto con gli alimenti non ne alterano la composizione chimica e non rilasciano sostanze tossiche, permettondo ai cibi di “respirare” naturalmente e conservarsi. 

 

Si possono usare direttamente come imballaggio: formaggi, frutta, verdura, alimenti cotti e crudi. Oppure come coperchi per piatti e contenitori. 

 

Il semplice trattamento a cui sono sottoposte le stoffe le rende sagomabili e riutilizzabili: basta lavarle con acqua e prodotti naturali e garantiscono una durata di molti mesi

 

coperchi-silicone-packaging

Credit foto
© heinteh / 123rf.com

Eco-coperchi adattabili

I contenitori di plastica riutilizzabili non sono più sostenibili, quindi dobbiamo trovare una alternativa. Cosa meglio della ceramica e del vetro può contenere i nostri alimenti? Se tutti abbiamo piatti, ciotole e tazze di questi materiali, ci poniamo però il problema di come chiuderli.

 

La pellicola trasparente è dannosa per noi e per tutto l'ambiente e quanto lo abita, ma è ormai facile da sostituire acquistando particolari coperchi adattabili

 

Sono molto diffusi coperchi di varie dimensioni, rigidi, ma quelli che funzionano meglio sono quelli in lattice o silicone, lo stesso materiale utilizzato per tettarelle e ciucci dei bambini. 

 

In questo modo si possono usare le stoviglie di ceramica, e chiudere agevolmente il contenitore.  Quando scegliete i coperchi prestate attenzione che siano marcati CE

 

panno-packaging-fai-da-te

Credit foto
©Iuliia Raikhel / 123rf.com

Panno cerato fai da te

Un ulteriore modo per sostituire la pellicola trasparente è usare panni cerati homemade. In questo modo si possono controllare esattamente tutti i materiali utilizzati. 

 

Provate a farne una: ve ne innamorerete e non potrete farne a meno. 

 

Occorrente:  

 

panno di stoffa: cotone o lino al 100% non tinto, privo di cuciture;

 

> cera d'api da agricoltura biologica italiana, in scaglie o panetto;

 

> un ferro da stiro;

 

> due pezzi di carta forno di dimensioni superiori rispetto a quelle del panno di stoffa al panno di stoffa: il tessuto deve essere quindi più piccolo e contenuto all'interno del perimetro della carta forno.

 

Lavate e asciugate il panno: non usate additivi né ammorbidenti, lavatelo in acqua e sapone di Marsiglia, avendo cura di sciacquarlo bene. 

 

Stiratelo e adagiatelo su uno dei due pezzi di carta forno. Cospargetelo uniformemente di cera d'api, coprite con il secondo foglio di carta da forno, e passate con il ferro da stiro. Lasciate raffreddare, togliete la carta forno, girate il panno e se via accorgete che la cera non è passata anche dall'altro lato tramite le maglie del tessuto, ripetete sull'altro lato. Lasciate raffreddare e usatelo per avvolgere i cibi o chiudere i contenitori.

 

Lavatelo delicatamente in acqua fredda e riutilizzatelo più volte. Se vi accorgete che perde cera e affiora il tessuto potete rifare il trattamento con nuova cera d'api dove si è staccata.  

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio