Articolo

Parco di San Rossore, l'area protetta sulla riviera toscana

Spiagge e dune, zone umide, paludi: la natura al Parco di San Rossore mostra la ricchezza della macchia lucchese e i percorsi naturalistici e didattici possibili in quest'area sono una scoperta continua.

Parco San Rossore

Credit foto
©panama7 / 123rf.com

San Rossore tra boschi e spiagge

In Toscana, tra le provincie di Pisa e Lucca, troviamo una bellissima area naturale protetta che combina il meglio del verde del parco, con l’azzurro del mare visto dalla spiaggia. Si tratta del Parco di San Rossore, istituito circa 40 anni fa su quella che era in precedenza una tenuta presidenziale, con aree di caccia private e ippodromo. 

 

I motivi per una visita guidata o in forma libera sono numerosi e in alcuni casi, delle vere e proprie curiosità, come la storia dei dromedari che vi vissero per circa tre secoli, prima di venire decimati dalle truppe tedesche durante la Seconda guerra mondiale.
 

Le bellezze del Parco di San Rossore

Tra boschi, tenute, vie d’acqua, spiagge, percorsi per trekking o per la bicicletta e percorsi didattici, sono davero numerose le possibilità offerte dal Parco di San Rossore. 

 

Un esempio è il Vione della Maddalena, un percorso nei boschi umidi con paludi. Nel bellissimo Vione di San Bartolomeo, troviamo ambienti boschivi con carpini bianchi, farnie e pungitopi, dove abbonda la fauna locale. Il Sentiero Culatta è un percorso che attraversa aree anticamente abitate dai dromedari e oggi preferite da cinghiali e daini

 

La visita al Paludetto permette di inoltrarsi nelle aree umide dei boschi, dove è possibile osservare la nidificazione della anatre. La via dell’Idrovora è un percorso più vario, che non prevede solo zone umide ma comprende tomboli e flora dunale e retrodunale. 

 

Gli itinerari LIFE invece mostrano tutta la bellezza della macchia sull’arenile delle spiagge. Grazie all’itinerario della Macchia Lucchese si può procedere oltre le spiagge e godere della vista di bellissimi stagni e zone acquitrinose. E questi rappresentano solo una piccola porzione dei percorsi disponibili. 
 

Qualche prodotto di San Rossore

Il Parco di San Rossore offre inoltre prodotti di ottima qualità. Da segnalare l’alta qualità del latte (e del formaggio pecorino) e della carne ovina e bovina tipica del territorio

 

Il fagiolo noto come piattella pisana e il pinolo tipico di San Rossore sono inoltre molto famosi e ritenuti prodotti anch’essi di alta qualità. Oltre alle verdure biologiche di stagione e i funghi essiccati, il parco di San Rossor è noto per due tipi di miele ricercati, anzitutto il miele di spiaggia, e a seguire il mono conosciuto miele di edera. Note sono anche le lumache raccolte nella stagione giusta all’interno del Parco.
 

Come accedere

Parte del Parco di San Rossore, ovvero l’ex tenuta presidenziale, è aperta tutti i giorni. Il resto delle aree, a eccezione delle spiaggie che sono accessibili solo con tour guidati, sono aperte alla domenica e nei giorni festivi. Sul sito ufficiale è possibile trovare tutti i contatti per prendere informazioni su orari e prezzi dei tour guidati e tutti gli aggiornamenti meteo sapere se mettersi in viaggio o meno verso il Parco di San Rossore.