Articolo

Pennello kabuki: origini e caratteristiche

Cos'è il pennello kabuki, quali origini ha e come si utilizza per il trucco naturale.

Pennello kabuki: origini e caratteristiche

Il pennello kabuki è un pennello utile per applicare il make up minerale in polvere: vediamo quali sono le caratteristiche e come si utilizza il pennello kabuki per il trucco di tutti i giorni.

 

Origine e caratteristiche del pennello kabuki

Il pennello kabuki è un pennello molto morbido utilizzato per il make up del viso che deve il suo nome al teatro kabuki, una forma di teatro giapponese caratterizzata da un trucco pesante e particolare che esalta l’espressività del volto: nel teatro kabuki la pelle del viso è completamente bianca e vengono accentuati occhi, labbra e sopracciglia attraverso un trucco pesante e marcato.


Il pennello kabuki ha spesso setole sintetiche e cruelty free, quidi adatte a chi ha scelto uno stile di vita vegan, e può avere forme diverse: esistono infatti pennelli kabuki con le setole arrotondate oppure piatte o anche ad angolo o affusolate e le varie forme servono ad adattarsi meglio al viso, agli zigomi e al contorno occhi per facilitare l’applicazione del trucco.

Anche per quanto riguarda il manico, il pennello kabuki può avere un manico corto e tozzo oppure medio o lungo e, a seconda della forma e della lunghezza del manico, è più o meno maneggevole: la scelta del modello di kabuki è soggettiva, ma tendenzialmente per il viso risultano più comodi i pennelli kabuki con il manico corto, mentre per il trucco degli occhi sono più pratici i pennelli kabuki con il manico più affusolato.


L’uso del pennello kabuki ha iniziato a diffondersi in seguito al successo del make up minerale perché questa tipologia di pennello per il trucco rende più semplice l’applicazione di make up in polvere.

 

Leggi anche Tutti i vantaggi del Make up minerale >>

 

Come utilizzare il pennello kabuki

Il pennello kabuki è un pennello per il make up dalle setole particolarmente morbide e possiamo sceglierlo nella forma più adatta al tipo di prodotto che dobbiamo applicare.

Il kabuki può essere usato con le setole asciutte o leggermente umide ed è adatto all’applicazione di fondotinta, blush, ombretti e correttori sia in crema sia minerali.

Nel caso di fondotinta liquidi e in crema il pennello kabuki più indicato è quello con le setole piatte, poiché permette di stendere il prodotto sfumandolo in modo molto più efficace rispetto a quanto si riesca a fare con atri tipi di applicatori garantendo un’ottima coprenza senza effetto maschera.

Il pennello kabuki è indispensabile per stendere sulla pelle i trucchi minerali: in questo caso, dopo aver sporcato il pennello con la polvere minerale, si elimina l’eccesso di prodotto e si applica sul viso.

Per il fondotinta, il kabuki più indicato risulta quello con le setole arrotondate, che si adatta alla forma e al contorno del viso.

Altri modelli di kabuki possono essere impiegati anche per applicare blush, rossetti, correttori e ombretti in polvere: in particolare il kabuki con le setole tagliate in diagonale è perfetto per applicare blush e terre da sfumare sugli zigomi per un effetto naturale.


Leggi anche 8 consigli per far durare il trucco sulla pelle grassa >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio