Articolo

Occhio di pernice o verruca

L'occhio di pernice è diverso dalla verruca e dal callo. Scopriamo di cosa si tratta e come riconoscerlo, prevenirlo e curarlo.

Occhio di pernice o verruca

L’occhio di pernice è un ispessimento di una zona circoscritta del piede, diverso dal callo e dalla verruca. Vediamo come riconoscere l’occhio di pernice, quali sono le cause della sua formazione e come prevenirne la comparsa.

 

Come riconoscere l’occhio di pernice

L’occhio di pernice, o tiloma, è un ispessimento circoscritto della pelle che può formarsi sulle dita dei piedi, tra un dito e l'altro o sulla pianta.

L’occhio di pernice provoca fastidio e dolore, difficoltà a camminare, rimanere in piedi a lungo e indossare calzature.

Le cause della sua formazione sono l’attrito e la pressione su punti precisi del piede, come avviene per i calli. Il ripetuto sfregamento della pelle, provocato da una postura scorretta o da calzature non adeguate, è la causa scatenante più comune.

A differenza del callo, però, l’occhio di pernice si sviluppa più in profondità e interessa anche il derma oltre allo strato corneo (cioè quello più esterno, costituito da cellule morte).

Un'altra differenza tra occhio di pernice e callo sta nel fatto che quest'ultimo può interessare anche le mani, mentre l’occhio di pernice si forma solo sui piedi.

Le verruche invece sono provocate dal Papilloma virus, possono comparire su mani e piedi, generalmente sono più piccole e non provocano dolore.

 

Leggi anche Il pediluvio naturale >>

 

Come prevenire l’occhio di pernice

Per prevenire l’occhio di pernice è importante indossare calzature adeguate. Le scarpe troppo strette infatti causano pressione in determinati punti del piede, mentre quelle più larghe comportano frequenti sfregamenti. Entrambi i fenomeni sono ugualmente responsabili della formazione dell’occhio di pernice.

In alcuni casi si può ricorrere a solette o cuscinetti, che limitino le conseguenze di calzature scomode.

Se invece l’occhio di pernice si è già formato e causa dolore, è possibile rivolgersi al medico. La diagnosi avviene con un semplice esame obiettivo e la cura può prevedere l'applicazione di prodotti esfolianti.

In alcuni casi l’occhio di pernice viene rimosso dal medico: è assolutamente sconsigliato cercare di toglierlo da soli, perché così facendo si rischiano ferite e infezioni.

 

Leggi anche Occhio di pernice: come curarlo con rimedi naturali >>

 

Foto: Piyapong Thongcharoen / 123rf.com

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio