Articolo

Colore della lingua: come interpretarlo

Come leggere i segnali che ci manda la nostra lingua, quali sono le caratteristiche che rivelano lo stato degli organi interni e come imparare a interpretarle

Colore della lingua: come interpretarlo

Nella medicina cinese e in molte altre discipline tradizionali la lingua ha un valore pari all'iride, al polso, all'orecchio ed è un vero e proprio strumento di diagnosi.

L'indagine della superficie linguale ha un valore importante nella lettura di tutto il corpo umano. Vediamo cosa indicano i vari colori che può assumere al superficie linguale e come interpretarli.

 

Interpretare i colori della lingua 

Cosa stanno a significare i vari colori che la lingua può assumere? Innanzitutto, lo stato della bionenergia e del sangue. In altre parole: il modo in cui il flusso di energia circola nel corpo.

Quando la lingua

  • riporta un colore chiaramente bianco pallido vi è un difetto e un ristagno forte a livello energetico;
  • quando è gonfia si evidenzia una situazione di ristagno a livello dell'apparato idrico del corpo umano;
  • quando presenta delle macchioline rosse vi potrebbe essere uno squilibrio di polmoni o fegato,
  • quando è eccessivamente liscia evidenzia anche carenze nutrizionali e in questo caso si può ricorrere a un apporto maggiore di vitamina C e ferro.

Ma come dovrebbe essere una lingua che evidenzi uno stato di buona salute generale dell'organismo? Dovrebbe presentarsi di colore roseo ai bordi e più chiara solo al centro. L'umidità deve sussistere e i bordi dovrebbero essere lisci.

Quando assume al contrario un colore marroncino può esserci in atto uno sviluppo batterico o infiammazioni a carico dell'apparato digerente. Quando c'è un accumulo eccessivo di proteine la lingua si può ingrossare in eccesso. 

Lo stato di salute della lingua è molto connesso anche allo stato emotivo: ad esempio, quando è molto rossa ci potrebbe essere uno squilibrio nell'energia legata al cuore, alla gestione del porprio coraggio.

Lo stato di salute della lingua - e di conseguenza di tutto il corpo umano - si rintraccia anche nella motilità: una lingua sana dovrebbe potersi estroflettere e sollevare sul palato senza troppi problemi. Quando la lingua è secca ci possono essere dei problemi nel metabolismo degli zuccheri (ad esempio in caso di diabete).

Sia in senso popolare che nelle medicine tradizionali ricorre questo accostamento, ma vediamo meglio nel dettaglio in che modo da sempre la lingua rivela lo stato di salute e in quali modi veniva studiata in passato in oriente.

 

Igiene personale e pulizia interiore nell'ayurveda

 

Il colore della lingua: la medicina occidentale e orientale 

La lingua viene usata come strumento di diagnosi sia nella medicina occidentale che nelle medicine tradizionali. Ad esempio, sia in ayurveda che in medicina cinese, la si suddivide in aree cui corrispondono i vari organi e zone energetiche. In modo molto semplificato si può dire che viene suddivisa in tre parti.

Vicino alla gola troviamo le zone corrispondenti a reni, surreni e intestino; più avanti ci sono milza, fegato, pancreas, stomaco e polmoni e cuore nel terzo distale, proprio sulla punta.

La linea longitudinale mediana viene spesso identificata come la colonna vertebrale. In sintesi, la lingua nelle culture tradizionali che ci hanno lasciato grandi sistemi medici ha un ruolo pari a quello del polso ed evidenzia subito eventuali accumuli di tossine.

Da queste discipline comprendiamo che prima di ricorrere a farmaci o simili possiamo pensare di osservare più spesso la nostra stessa lingua e, nel caso di rossori o pallori di troppo, conviene agire per tre vie principali:

  • Regolare lo stile di vita;
  • Ripristinare il ritmo sonno-veglia;
  • Regolare la dieta
  • Orientarsi verso tecniche di depurazione (attraverso la respirazione, bagni curativi, passeggiate, rituali);
  • Effetturare la pulizia della lingua utilizzando regolarmente il nettalingua, ogni mattina;
  • Avere una corretta igiene dentale.

Seguendo queste pratiche e adottandole nella routine quotidiana ottieniamo una migliore aslute e diventiamo anche responsabili - abili di responso - della nostra stessa salute, senza demandarla ad altri.

Il consiglio è anche quello, nel caso in cui si fosse genitori, di prendersi sempre un piccolo spazio per osservare la lingua dei propri figli in modo da prevenire eventuali patologie. 

 

L'igiene orale secondo l'ayurveda

Immagine | M&R Glasgow