Articolo

Zenzero e diabete

Viene dall'Oriente, ma ormai è di uso comune anche alle nostre latitudini. Scopriamo i benefici dello zenzero contro un problema di salute molto diffuso: il diabete.

Zenzero e diabete

C'è una spezia, originaria del sud-est asiatico, che ormai da tempo è diventata di uso comune anche in Europa: è lo zenzero (Zingiber officinale).

Nelle nostre cucine può entrare già polverizzato oppure fresco, sotto forma di rizoma – una sorta di radice tuberiforme che possiamo grattugiare o tagliare in fette più o meno sottili, da utilizzare per insaporire i cibi o per preparare infusi.

Il suo impiego non si è diffuso solo per ragioni di gusto: allo zenzero, infatti, vengono attribuite diverse proprietà salutari.

Può darsi, ad esempio, che ne abbiate sentito parlare come di un efficace rimedio contro la nausea; inoltre viene a volte utilizzato contro i disturbi intestinali e le sindromi da raffreddamento.

Più recentemente questo rimedio naturale è stato studiato anche come antinfiammatorio e antidolorifico; c'è addirittura chi gli attribuisce proprietà antitumorali.

In diversi casi i suoi effetti non sono stati ancora del tutto dimostrati, ma in quello del diabete i dati a disposizione sembrano piuttosto promettenti.

 

Gli effetti dello zenzero sul diabete

Per chi convive con il diabete, i benefici dello zenzero riguardano:

> la glicemia (cioè i livelli di zucchero nel sangue) a digiuno;

> i livelli di emoglobina glicata, un parametro comunemente utilizzato per valutare quanto la glicemia sia rimasta sotto controllo nei 2-3 mesi precedenti l'analisi.

Ma non solo: lo zenzero aiuta a ridurre anche il colesterolo totale, quello “cattivo” e i trigliceridi, tutti valori che possono aumentare a causa del diabete. Infine, lo zenzero può contribuire ad aumentare il colesterolo “buono”, che in caso di diabete può scendere al di sotto dei valori desiderabili.

 

Leggi anche Zenzero e pressione alta >>

 

Zenzero contro il diabete: perché è efficace?

Al momento è difficile spiegare con certezza perché lo zenzero eserciti questi effetti positivi contro il diabete.

Studi preliminari suggeriscono che a entrare in gioco sia la sua azione sul metabolismo dei carboidrati, sulla sensibilità all'insulina e sui lipidi.

In particolare, il gingerolo e lo shogaolo presenti nell'estratto di zenzero sembrano inibire l'attività dell'α-amilasi e dell'α-glucosidasi, enzimi che controllano il metabolismo dei carboidrati.

Inoltre, l'estratto di zenzero e il gingerolo possono aumentare la capacità di assumere glucosio delle cellule muscolari e adipose, un effetto che potrebbe contrastare problemi nella secrezione di insulina o nella sensibilità a questo ormone.

Sono stati osservati, inoltre:

> un aumento dei livelli di insulina nel sangue, associato a una riduzione della glicemia;

> un effetto protettivo dello zenzero sulle cellule produttrici di insulina, associato a un ripristino dei livelli attesi di questo ormone.

Attenzione, però: molti di questi studi non sono stati condotti su pazienti diabetici ma in laboratorio, quindi i loro risultati devono essere considerati preliminari.

Gli studi condotti sui pazienti spesso hanno previsto l'assunzione di zenzero in polvere a vari dosaggi; in alcuni casi è invece stata analizzata l'assunzione di infusi preparati con il rizoma.

Per il momento, però, non esiste una terapia a base di capsule o infusi allo zenzero che possa sostituire le classiche cure contro il diabete. Queste ultime non devono essere in alcun caso modificate senza l'approvazione del proprio medico.

 

Leggi anche

Zenzero, quanto assumerne ogni giorno
> Cannella e diabete

 

Foto: elenathewise / 123rf.com

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio