Articolo

Cucina portoghese: caratteristiche e alimenti principali

I portoghesi sono persone che amano la natura, il tempo libero, godersi la vita... eppure sono anche attivi viaggiatori, esploratori e sperimentatori. Questi due caratteri archetipi si possono rintracciare nella gustosissima cucina locale.

Cucina portoghese: caratteristiche e alimenti principali

Portogallo

Poche nazioni hanno una storia ed una cultura tanto interessanti quanto quelle portoghesi. Parliamo di uno dei primi veri stati al mondo, che dopo la Reconquista guadagno’ l’indipendenza dai re spagnoli e definendosi come una vera nazione.

Anticamente abitato da popoli di origine celtica, il Portogallo ha subito influenze romane, ispaniche e mussulmane, fin quando ebbe abbastanza forza per stabilire il primo vero impero coloniale della storia, attraverso più continenti.

Infatti, l’essere completamente affacciato sull’Atlantico, ha reso il carattere portoghese molto avventuriero e propenso ai viaggi: possiamo trovare ex colonie portoghesi ovunque, basti citare il Brasile, alcune aree marocchine, l’Angola e il Mozambico in Africa, Goa in India, Macau in Cina.

Questo elemento ha apportato una freschezza unica nella cucina nazionale ed una tendenza irripetibile a mischiare con gioia gli elementi della tradizione a quelli dei paesi lontani.

 

Leggi anche Cucina brasilizna, piatti e alimenti principali >>

 

La cucina portoghese: piatti tipici

Per capire i piatti tipici portoghesi dobbiamo capire la geografia portoghese: in cucina qui si usano ingredienti freschi sia della montagna, delle colline, e infine del mare.

Molto pesce, ma anche carne e tante verdure mediterranee. Cominciamo con un salume tipico locale, l’alheira, una salsiccia di faraona tipica delle alture portoghesi e trovabile un po’ ovunque.

Scendendo in pianura verso il mare troviamo il tamboril, una curiosa e gustosissima zuppa simile ad un risotto di gamberi, cotti assieme ad alloro, aglio, un po' di pomodoro e riso.

Rimanendo sul pesce è impossibile non citare il bacalhau, ovvero il merluzzo, vera e propria ossessione nazionale, specie sotto le feste natalizie, spesso mangiato con patate e cipolle fritte, olive nere, uovo e prezzemolo.

Spesso viene fritto con gli stessi ingredienti sotto forma di bolinhos de bacalhau, tortini di baccalà.

Per chi ama la cucina pesante, ecco la francesinha, pane ripieno di bistecca, salsiccia e salame piccante, ricoperto di formaggio fuso e bagnato in salsa piccante, accompagnato infine da patate o uovo.

Capita anche di poter trovare lo squalo nel nostro menù, col nome di cação, cotto in zuppa con coriandolo e mais. Concludiamo, come si conviene, con un bel bicchiere di vino Porto locale.


Dove mangiare in Portogallo (in strada o al ristorante)

Non esistono molti ristoranti portoghesi in giro per il mondo, anche se nelle ex colonie e nei paesi visitati dai navigatori portoghesi, non e’ raro mangiare cibo di origine lusitana.

In Portogallo, oltre che in ristoranti di vari livelli, dove possiamo bene o male mangiare tutti i piatti tipici locali, possiamo trovare anche bar che servono piatti pronti tipici dello street food, specialmente lungo il mare, dove il pesce è freschissimo, e festival del cibo, dove quest’ultimo viene spesso servito direttamente dal furgoncino come da noi si fa per gli hot dog.

 

Da non perdere in Portogallo

Tutti i piatti a base di pesce sono magnifici, un’unica combiazione di cultura atlantica, cultura mediterranea, ed infine elementi esotici che per via delle epoche coloniali sono entrati a far parte della cucina locale: peperoncino, vaniglia, pepe nero, cannella, zafferano e via dicendo. 

Se passate dal Lisbona dovete provare la pastel del Belem, uno strepitoso dolcetto all’uovo che si puo’ trovare solo qui.

 

Cosa evitare in Portogallo

Sarà difficile trovare piatti totalmente vegani, carne e pesce sono un po’ ovunque. L’alcool è vario e buno ma molto forte. Il continuo uso di molte spezie può rendere la vita difficile a chi ha intolleranze alimentari.

Chiedere sempre prima. Molluschi e strani crostacei come i pedunculata, chiamati localmente percebes, non si confanno al gusti di tutti.

 

Consigli e curiosità

Il Portogallo è uno di quei luoghi dove ci si può rilassare ed andare sicuri quando si tratta di cibo: tutto è fresco, ben cotto e saporito.

Molti piatti in giro per il mondo hanno influenze portoghesi, dalla feijoada brasiliana, alla tempura (tempora, in portoghese) giapponese, passando per il vindhaloo (vinha d’alhos in portoghese) indiano.

 

Leggi anche Cucina spagnola, piatti e alimenti principali >>