Ansia: cosa posso fare per vivere in maniera più serena?

Buonasera, sono una ragazza di 32 anni e da molti anni che soffro di ansia. Mi sono sempre curata con i metodi omeopatici perché ho paura di prendere medicinali. E, sono sincera, non voglio prenderli. In questa settimana non mi sono sentita molto bene, ho giramenti di testa, mi sento debole ho paura, ho il fiato corto, mi sento sempre una pressione sul petto. Al momento uso il contagocce dei fiori di Bach, ma c'è anche un altro fatto: ho anche problemi di stomaco e sono microcitemica e già al cambio stagione faccio una cura con folidex. Vorrei un consiglio su come posso curare quest'ansia in modo naturale, che mi fa stare male ogni volta che mi viene. Grazie, attendo vostra risposta.

Risposte di salute

Simona  Vizzinisi
Salve , da quello che lei descrive mi sembra che questa ansia sia dovuta ad una fattore da stress emozionale tanto che ha problemi anche di stomaco ,in quanto quando assorbiamo molte emozioni pesanti ci sentiamo stanchi, senza forze , e con mal di testa , inoltre lo stomaco assorbe le nostre emozioni , quindi le consiglierei di fare meditazione, tecniche di repisrazione e rilassamento, rivolgersi ad un pranoterapeuta e Pranich Healer Certificato o avanzato ,fare passeggiate all'aria aperta e prendere un composto di vitamina B e di vitamina D che trova tranquillamente in farmacia o erboristeria ; lavorare molto con il respiro in quanto è molto importante.Per lo stomaco indicherei intanto dei probiotici, poi anche l'uso di aloe vera , inoltre le chiedo la sua alimentazione per aiutarla a togliere i problemi di stomaco , sicuramente lavorando con meditazione e rilassamento ne trarrà beneficio anche il suo stomaco . Rimango a disposizione

di Simona Vizzinisi

Simona  Vizzinisi
Salve , da quello che lei descrive mi sembra che questa ansia sia dovuta ad una fattore da stress emozionale tanto che ha problemi anche di stomaco ,in quanto quando assorbiamo molte emozioni pesanti ci sentiamo stanchi, senza forze , e con mal di testa , inoltre lo stomaco assorbe le nostre emozioni , quindi le consiglierei di fare meditazione, tecniche di repisrazione e rilassamento, rivolgersi ad un pranoterapeuta e Pranich Healer Certificato o avanzato ,fare passeggiate all'aria aperta e prendere un composto di vitamina B e di vitamina D che trova tranquillamente in farmacia o erboristeria ; lavorare molto con il respiro in quanto è molto importante.Per lo stomaco indicherei intanto dei probiotici, poi anche l'uso di aloe vera , inoltre le chiedo la sua alimentazione per aiutarla a togliere i problemi di stomaco , sicuramente lavorando con meditazione e rilassamento ne trarrà beneficio anche il suo stomaco . Rimango a disposizione

di Simona Vizzinisi

Buongiorno. L'ansia è una reazione naturale che nasce in risposta al senso di paura che un soggetto avverte. Spesso arriva quando non si riesce ad esprimere la propria personalità o a seguito di un trauma emotivo intenso (lutto, separazione, perdita del lavoro ecc.). Vi è quindi la tendenza a somatizzare a livello fisico, nella maggior parte dei casi lo stomaco è il più colpito, ma anche il cuore con tachicardia, sudorazione eccessiva ecc. Risolvere questo disturbo si può. Il mio metodo di lavoro esclude l'assunzione di qualsiasi rimedio naturale, poiché la persona ha l'opportunità di effettuare un percorso di crescita e consapevolezza personale che permette il raggiungimento di un equilibrio psicofisico, volto anche ad una corretta alimentazione. Per maggiori informazioni, può consultare il mio sito www.psicosomaticamilano.it e se lo desidera contattarmi in privato. Un cordiale saluto dr.ssa Manuela Gravante

di Salute e Benessere Psicosomatico, Dr.ssa Manuela Gravante

Laura Marconi
Buonasera, le consiglio di assumere, oltre ai fiori di Bach, degli oligoelementi, fiale orali il cui contenuto va versato e trattenuto per un paio di minuti sotto la lingua. Sono minerali naturalmente presenti nel nostro organismo, in dosi fisiologiche, non fanno interferenza con altri farmaci e non c'è rischio di sovradosaggio. Prenda Manganese-cobalto, 1 ampolla al giorno lontano dai pasti nel pomeriggio e 3 fiale di Litio, di cui una prima di adare a dormire, tutto per un mese. Dovrebbe risolvere anche il problema della gastrite. Laura Marconi, Naturopata

di Laura Marconi

centro italiano di bioenergetica
Oltre al magnesio, come ho consigliato oggi stesso su questo sito a Cristina, e quindi noci, infuso di ortica e legumi, anche le "non ginnastiche" sui meridiani energetici consigliate a Cristina sono particolarmente indicate dato il senso di paura che descrive. Per le abitudini alimentari e gastrite abolisca il cappuccino e faccia colazione con crema di riso integrale, e se ne ha voglia, anche, verdura cotta a vapore e frutta dolce. Per le eventuali lesioni prodotte da gastrite, a scopo curativo, per un mese al mattino un centrifugato di qualche foglia di cavolo verza con una mela. La sera un pò di malva aiuterà ulteriormente, qualche volta a settimana, a ridurre lo stato infiammatorio della mucosa gastrica. Ovviamente ridurre, meglio eliminare, i cibi fritti, fumo e alcol, i 3 pasti a ore fisse e equidistanti tra loro. Dott. Giorgio Bianciardi, www.centroitalianobioenergetica.it, info@centroitalianobioenergetica.it

di centro italiano di bioenergetica