Agopuntura e bruxismo

Buona sera a tutti. Scrivo perché vorrei sapere se provare una terapia di agopuntura per combattere il bruxismo può essere efficace o se è meglio provare subito con un bite da indossare la notte.

Ringrazio quanti mi risponderanno.

Risposte di salute

Buongiorno, prima di partire con l'agopuntura penso che sarebbe meglio cominciare con delle sedute di shiatsu abbinato alla moxibustione che sono molto più rilassanti e piacevoli, ma che vanno comunque ad agire sui punti riflessi dell'agopuntura. Inoltre indagherei sulle cause del suo stress per poi affrontarle con i Fiori di Bach.

Il BRUXISMO , cioè l'azione di serramento o digrignamento dei denti legata all'attività dei muscoli della masticazione, è la forma più frequente e dannosa delle cosiddette ATTIVITA' PARAFUNZIONALI DIURNE, che consistono nel mordersi le guance, la lingua, le dita, nel portare la mandibola in posizioni insolite serrando o meno i denti, nel succhiare le unghie o nel mordicchiare oggetti, quali matite o altro. Possono avere un ruolo scatenante i problemi d’occlusione dentaria, ma la causa più frequente è psichica, legata allo stress. Quando queste attività superano la cosiddetta "tolleranza strutturale" dei tessuti si determinano danni a livello dell'anello più debole del sistema masticatorio del soggetto, anello costituito da: articolazione temporo mandibolare, muscoli del volto, denti, paraodonto. Abbiamo anche le ATTIVITA'PARAFUNZIONALI NOTTURNE quali il serramento e digrignamento dei denti durante il sonno; si tratta di forme inconsce e non è possibile portarle, come le diurne, a livello di coscienza. Il bruxismo, solitamente, compare nella fase REM del sonno, la fase dei sogni, in questi casi il paziente riferisce dolore muscolare al risveglio, contrariamente ai casi in cui si manifesta in altre fasi del sonno. La terapia con agopuntura si affianca alle terapie odontoiatriche, infatti il serramento comporta un continuo danneggiamento dei denti con impossibilità d’effettuare trattamenti risolutivi, se non si trattano le cause psichiche. L'agopuntura, accanto anche alle terapie PNEI (psiconeruendocrinoimmunologia) serve per tratttare lo stress alla base del bruxismo. Io sono un'agopuntore e ovviamnte consiglio l'agopuntura anche come primo approccio, perchè l'agopuntura non fa male e, al contrario di quello che molti credono, è rilassante e molti pazienti di addormentano durante la seduta.

di Giuseppina Di Stefano

Io ho 23 anni e soffro di bruxismo occasionale (nel senso che per alcuni lunghi mesi non digrigno mai, poi per due mesi ne soffro prevalentemente il fine settimana) da quando ne avevo 17, quando i miei genitori si separarono. Adesso una fonte di grande stress per me è l'università che spero di concludere a breve. Che Fiori di Bach potrei assumere?

Anna Maria Pisano
Credo che siano diversi gli approcci terapeutici efficaci per curare questo disturbo funzionale notturno che esita in indolenzimento diffuso al risveglio. Le cause si fanno risalire a una malocclusione dentale o a una tensione emotiva inconscia dovuta alla repressione dell'aggressività. Io nella mia professione di naturopata ricorro alla Cromopuntura che attraverso la proiezione di fasci di luce colorata sui punti lungo i meridiani cinesi (terapia dolce e indolore) può curare la tensione retromolare, permettendo il deflusso della linfa di questa zona e di tutta la testa. Inoltre con questa terapia è possibile lavorare anche sulla componente emotiva-conflittuale del bruxismo.

di Anna Maria Pisano

Dott.ssa Carmela Stella
La causa del bruxismo è fondamentalmente psichica. Il fattore psichico si ripercuote inevitabilmente sul corpo. Il trattamento deve essere olistico, mirato alla risoluzione dei conflitti e a favorire il rilassamento del corpo e della muscolatura coinvolta. Ritengo utile il trattamento di agopuntura combinato ad omeopatia. Può essere utile una visita odontoiatrica per verificare se le arcate dentarie necessitano di trattamento o se occorre un trattamento posturale. La postura scorretta si ripercuote sulle articolazioni temporomandibolari nonchè sulla occlusione dentaria.

di Dott.ssa Carmela Stella

Daniele Grazioli
Buongiorno, concordo con chi mi ha preceduto che la causa spesso e di natura emotiva. Ritendo che terapie come la riflessologia (meglio facciale visto la localizzazione del problema) lo shiattsu e la moxa siano ottime soluzioni. Mi permetto di aggiungere un uso perticolare di questi cerotti non trasdermici ( funzionano anche sui vestiti) e non medicali (non contengono farmaci) per ottenere una riduzione dello stato nervoso e dello stress che sono alla base probabilmente di questo disturbo. questo è il sito dove poter avere migliori informazioni: http://www.lifewave.com/italian/yage-aeon.asp Per ulteriori domande non esiti a scrivere a danielegrazioli@libero.it o a visitare il blog www.benessere-blog.com

di Daniele Grazioli

Marialetizia Nigro
Buongiorno, concordo con i colleghi sul fatto che le terapie naturali possano essere un buon aiuto. Personalmente proporrei un approccio completo che comprenda sicuramente anche l'uso del bite notturno, se consigliato da un professionista. E' importante che lei eviti di consumarsi i denti e di stressare troppo la muscolatura della mandibola. Parallelamente, come consulente di Fiori di Bach, le suggerirei una consulenza per capire quali siano le cause dello stress che la porta a bruxare e l'impiego un mix personalizzo contenente i Fiori di Bach adatti. Resto a sua disposizione per ulteriori informazioni

di Marialetizia Nigro

Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo Viterbo
Gentile Utente, esistono delle correlazioni molto forti tra bruxismo e difficoltà nella gestione dello stress e ansia. Credo sia opportuno consultare uno psicologo per una consulenza psicologica. Cordiali saluti.

di Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo Viterbo