Articolo

I sali di epsom: proprietà, uso e dove comprarli

Cosa sono, come si usano e dove si acquistano i sali di Epsom

I sali di epsom: proprietà, uso e dove comprarli

I sali di Epsom, o sali inglesi, devono il nome alla loro città d'origine, in Inghilterra. Questi sali vengono somministrati per l'azione fortemente purgante e, a dosaggi inferiori, come lassativi.

I sali di Epsom trovano anche impiego come rimedio per la bellezza di pelle e capelli e forniscono un aiuto nella cura dell'orto e del giardino.

 

Cosa sono e dove si acquistano i sali di Epsom

L'epsomite, conosciuta anche come sali di Epsom, sale inglese o sale amaro, è magnesio solfato eptaidrato, un minerale naturale che può essere prodotto anche artificialmente.

Il loro nome è dovuto al luogo di origine di questi sali, poiché i depositi dei sali inglesi furono scoperti a Epsom, in Gran Bretagna.

Il sapore dei sali di Epson è abbastanza caratteristico, poiché oltre ad essere salati, questi sali possiedono anche un gusto amaro. L'aspetto dei sali di Epson è quello dei cristalli e il colore può variare dal bianco, al verde, al rosa a seconda della presenza di metalli. 

I sali di Epsom sono solubili in acqua, vanno conservati in barattoli ben chiusi e si possono acquistare in farmacia, nelle erboristerie e nei negozi online.

 

Utilizzi dei sali di Epsom per la bellezza e per la salute

I sali di Epsom possono essere usati per effettuare bagni caldi rilassanti e drenanti: grazie al contenuto in magnesio, infatti, i sali inglesi sono in grado di apportare benefici all'apparato muscolo scheletrico e sgonfiare eventuali edemi.

Aggiungendo due tazze di sali di Epsom nella vasca da bagno, è quindi possibile favorire il rilassamento muscolare e combattere la ritenzione idrica.

I sali inglesi possono essere aggiungi anche all'acqua del pediluvio per alleviare le tensioni, ammorbidire la pelle ruvida dei talloni ed eliminare i cattivi odori e gonfiori.

I sali di Epsom sono in grado di ridurre anche i gonfiori dovuti a lividi e distorsioni o alleviare il prurito dovuto alle punture di insetti: basta sciogliere un cucchiaio di sali inglesi in acqua e applicare sulla zona da trattare una garza imbevuta nella soluzione per un sollievo quasi immediato.

Aggiunti all'acqua del risciacquo dopo lo shampoo, aiutano a combattere la produzione di sebo in eccesso e la forfora, lasciando i capelli più puliti, voluminosi e lucidi; anche la pelle grassa del viso può trarre beneficio da un risciacquo effettuato con acqua e sali di Epsom.

Risciacquare la pelle con una soluzione di acqua e sali inglese dà inoltre sollievo in caso di scottature dovute al sole.

Sembra poi che i sali di Epsom siano miracolosi per rimuovere le schegge: immergete la parte colpita dalla scheggia nei sali di Epsom disciolti in acqua e la scheggia si sfilerà da sola.

Infine, come per il comune sale da cucina, anche i sali di Epsom possono essere usati per realizzare scrub esfolianti per il corpo utili a eliminare cellule morte e callosità.

 

Ecco come depurarsi con acqua e sale

 

Sali di Espom per uso interno

I sali di Epsom, sebbene contengano magnesio, non trovano un grande impiego nell'integrazione per via orale di questo minerale. In caso di carenze di magnesio si preferisce ricorrere al cloruro di magnesio, anziché ai sali di Epsom.

Sembrano avere effetti benefici in caso di alcuni disturbi tra cui calcoli al fegato e al dotto biliare, digestione lenta e stitichezza; pare infatti che, ad uso interno, i sali di Epsom siano in grado di depurare il fegato e combattere in modo naturale la stipsi senza irritare la mucosa dell'intestino.

Riguardo all'utilizzo come integratore, innanzitutto va detto che se assunto in eccesso o per periodi prolungati, il magnesio solfato può provare squilibri elettrolitici e danni ai reni; inoltre, se è vero che a bassi dosaggi i sali di Epsom hanno un effetto lassativo, ne bastano 10 grammi per un'azione purgante molto potente. I sali di Epsom vengono infatti prescritti in caso di serie intossicazioni, proprio per il loro effetto purgante ed è bene non ricorrere a questo rimedio se non dietro consiglio o prescrizione medica.

 

Utilizzo dei sali di Epsom per le piante

I sali di Epom vengono utilizzati per integrare il magnesio nelle piante e favorire così la sintesi clorofilliana. Per fertilizzare le piante in vaso, in giardino e nell'orto, aggiungete un cucchiaio di sali inglesi per ogni litro d'acqua e utilizzate questa soluzione per irrigare una volta ogni due settimane.

La stessa soluzione può essere impiegata per combattere i parassiti da numerose piante, in particolare dalle rose, se spruzzata sulle foglie una volta alla settimana.

 

Magnesio, scopri gli effetti della carenza e dell'eccesso

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio