Articolo

Spugna konjac: cos'è e come si usa

Cos’è, come scegliere e come utilizzare la spugna konjac.

Spugna konjac: cos'è e come si usa

La spunga konjac è una spugna naturale utile per l’esfolazione e la pulizia della pelle del viso e del collo: vediamo cos’è, come sceglierla e come utilizzarla.

Cos'è la spugna konjac

La spugna kojac è una spugna naturale ricavata dal tubero dell’Amorphophallus Konjac, pianta originaria del Giappone.

L’amorphophallus è noto per il suo contenuto in glucomannano, utilizzato nella formulazione di integratori alimentari per la perdita di peso, la riduzione dei sintomi della stipsi e il mantenimento di livelli normali di colesterolo.

Il glucomannano è infatti un polisaccaride in grado di assorbire grandi quantità di acqua favorendo così il senso di sazietà e agendo a livello intestinale, dove aumenta la massa fecale e di conseguenza la peristalsi e dove rallenta il transito intestinale e dunque l’assorbimento.

Oltre che per l’estrazione di glucomannano, l’amorphophallus è impiegato per ricavare la spugna koonjac, una spugna naturale che può essere utilizzata per la pulizia del viso.
In commercio esistono diverse varianti della spugna konjac: nella lavorazione delle spugne, infatti, le fibre dell’amorphophallus possono essere arricchite con altri ingredienti naturali per conferire alla spugna proprietà differenti.

Sono ad esempio disponibili spugne ricavate dall’amorphophallus e lavorate con aggiunta di argille, carbone vegetale o altri estratti naturali.

Le spugne konjac si trovano in vendita nelle erboristerie, nei negozi di prodotti naturali e on-line e il loro prezzo è in genere inferiore ai 10 euro.


Leggi anche Caratteristiche delle spugne vegetali >>

 

Come si usa la spugna konjac

La spugna konjac è una spugna completamente naturale che si utilizza per la detersione e per la pulizia del viso e del collo.

In base al proprio tipo di pelle è possibile scegliere tra varie tipologie di spugne konjac: le spugne al naturale sono consigliate a tutti i tipi di pelle, quelle addizionate con argilla verde, oppure con carbone di bambù o estratti piante essenziere sono più indicate per le pelli grasse e impure, mentre le spugne lavorate con argilla rosa o rossa sembrano essere più adatte alle pelli normali.

L’uso della spugna konjac è simile a quello della luffa, un’altra spugna naturale più adatta invece per il corpo.

Dopo averla ammorbidita immergendola in acqua per qualche minuto, la spugna konjac può essere usata massaggiandola sul viso con movimenti circolari, anche senza l’impiego di detergenti: la spugna konjac permette così di ottenere un’esfoliazione meccanica dell’epidermide rimuovendo le cellule morte e di pulire in modo efficace ma delicato la pelle, senza necessità di utilizzare altri prodotti per la detersione.

Dopo l’utilizzo, la spugna konjac va risciacquata e lasciata asciugare evitando i ristagni d’acqua.

 

Leggi anche I detergenti naturali per il viso >>

 

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio