Articolo

La riflessologia plantare per la sciatica

Come agisce la riflessologia plantare per risolvere i disturbi legati alla sciatica

La riflessologia plantare per la sciatica

Secondo la riflessologia podalica olistica®, i nervi si riflettono sul piede specularmente a come sono posizionati sul corpo.

Il segmento percorso, in riflessologia, è pertanto nella parte mediale del piede, nell'ultimo tratto riflesso della schiena.

L'epicentro si trova nella parte interna del malleolo, a metà strada tra l'apice del malleolo e l'angolo posteriore del calcagno.

Come per ogni altra zona riflessa le aree danno indicazioni sull'aspetto strettamente fisico e quindi “meccanico” di di questa zona, mentre gli epicentri indicano la dimensione più sottile legata alle funzioni che questa porzione del nostro corpo riveste.

Il nervo sciatico, essendo così lungo e andando a coprire tutto l'arto inferiore, si può collegare a problemi riguardanti altre sezioni: quando il dolore è più concentrato verso il coccige è di questa zona che ci parla, mentre via via che scenderà riguarderà aspetti specifici della motilità e della postura, funzioni più strettamente legate agli arti inferiori.

 

 

Trattamento di riflessologia per i dolori al nervo sciatico

Ogni trattamento riflessologico indaga prima di tutto l'origine del dolore. Nel caso di sciatica si va pertanto ad esplorare l'equilibrio e lo stato di salute della schiena, sia dal punto di vista muscolare che osseo, e dell'osso sacro, zona da cui si irradia il nervo sciatico.

Dopo una prima analisi generale dello stato del piede si possono poi trarre collegamenti di concorrenza e concause: spesso problemi alla schiena sono dovuti a problemi muscolari o a disequilibrio degli organi interni in prossimità delle aree colpite dal dolore.

Così per la sciatica si procede per macro aree andando sempre di più nello specifico.

Il trattamento riflessologico in caso di sciatica permette di indagare le cause e redarre un programma riabilitativo che prenda in considerazione la connessione del particolare con il tutto.

Il trattamento diretto dell'area e degli epicentri può sollecitare una risposta dolorosa o meno, ma la conseguenza, quando è ben eseguita da operatori esperti, potrebbe portare ad un primo aggravarsi con poi veloce recupero dal dolore.

Oltre alla zona riflessa diretta della sciatica è utile trattare anche le aree e gli epicentri corrispondenti alle zone di maggior dolore: se ad esempio il dolore colpisce più il coccige e i glutei si tratteranno le aree interessate, mentre se il dolore è più a valle, verso cioè la gamba, si tratterà la parte riflessa di coscia, cavo poplite, ginocchio e polpaccio.

 

Il nervo sciatico in riflessologia plantare

Il nervo sciatico è il nervo più lungo, e quindi più voluminoso, di tutto il corpo. Parte dall'osso sacro per percorrere tutta la lunghezza della gamba, in posizione posteriore, lungo la coscia, il cavo popliteo, il polpaccio e diramandosi nei rami plantari.

Quella che normalmente viete chiamata “sciatica”, e che si riconosce per la presenza di sintomi dolorosi che si irradiano dal gluteo fino a tutta la gamba, è una manifestazione di problematiche a monte, a carico cioè delle vertebre sacrali o della schiena.

Le cause principali della sciatica possono essere, infatti, problemi di compressione o di traumi ai dischi tra le vertebre della schiena che comprimono uno o più nervi che si irradiano dalla zona interessata.

 

Quale legame c'è tra sciativa e vitamina B12

 

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio