Articolo

15 consigli per sopravvivere ai terribili bambini di 3 anni

15 consigli per affrontare i capricci dei bambini e crescere figli emotivamente sani. Articolo tradotto da: American Academy of Pediatrics

15 consigli per sopravvivere ai terribili bambini di 3 anni

Li chiamano i “terribili 2”, “i fiduciosi 3” e “i piacevoli 4”, ma in realtà, avere a che fare con i bambini di 3 anni può essere più difficile di quanto lo sia stato quando avevano 2 anni.

Qui ci sono 15 consigli per aiutarvi ad amare nuovamente il vostro ruolo di genitore (o almeno per arrivare a fine giornata).

 

1. Urlare meno, amare di più

Urlare è un meccanismo di difesa, una tecnica che usiamo quando niente altro funziona. Ma urlare può ferire i bambini più di quanto crediamo - potrebbe determinare un cambiamento di comportamento immediato, ma a lungo andare può causare reali danni psicologici. Invece di urla e punizioni dure, i bambini hanno bisogno di una genitorialità positiva per lo sviluppo di un cervello sano. Il Dr. Joan Luby è un professore di psichiatria infantile e direttore del Early Emotional Development Program alla Washington University School of Medicine di St. Louis. La sua ricerca dimostra che ricorrere ad una genitorialità positiva per i bambini in situazioni di stress, piuttosto che a rimproveri o punizioni corporali, è in realtà associata ad un aumento delle dimensioni di alcune aree del cervello. Perciò, se vi trovate a urlare con i vostri figli troppo spesso, avete bisogno di altre opzioni per mantenere la disciplina. Continuate a leggere.

 

2. Etichettare (dare un nome) i comportamenti

Invece di arrabbiarsi, etichettate i comportamenti. Ho tratto questo insegnamento da Sesame Street (vedi nota 1. a fine articolo) - c'è una scena in cui Cookie Monster è accusato di mentire sul rubare i biscotti. Frustrato e sconvolto, Cookie Monster dice: “Io sono un ghiottone, non un bugiardo”. Se Sesame Street può usare parole come “gola” per etichettare un comportamento, allora posso farlo anche io. Così possiamo usare parole come “gola”, “pazienza”, “gentilezza” e “diligenza”. Sembrava strano in un primo momento, ma ora mi piace quando il mio bimbo di 6 anni, risponde al fratello che lo prende in giro: “Questo non è gentile”.

 

3. Essere in sintonia con i vostri bambini

La chiave per crescere figli emotivamente sani è la sintonia, intesa come quanto bene si riconoscono le esigenze del vostro bambino in ogni momento. La sintonia, in pratica, consiste nel mettersi nei panni del vostro bambino e quindi soddisfare le sue esigenze con la saggezza di un genitore. Cercate di individuare la radice del suo comportamento - perché vostra figlia non vuole mettere le scarpe o perché vostro figlio sta facendo i capricci - poi personalizzate le conseguenze in modo appropriato. Quando si è in sintonia con i bambini, non ci limitiamo a dare time-out (vedi nota 2. a fine articolo) come risposta ad un comportamento scorretto. Invece, dovremmo chiedere “perché” un bambino ha un comportamento anomalo. Quando capiamo la radice di un comportamento scorretto di un bambino, siamo in grado di soddisfare al meglio le sue esigenze, amarlo e ottenerte comportamenti sani a lungo termine.

 

4. Dare al bambino la massima attenzione frequentemente e in piccole dosi

Se il vostro bambino di 3 anni vi sta tirando il cellulare dalle mani, batte sulla tastiera del computer mentre lavorate, o rovescia la pila di abiti appena lavati, questo consiglio è per voi. So che il vostro bambino vuole la massima attenzione per tutto il tempo, ma questo semplicemente non è possibile se state cercando fare il bucato, fare commissioni, leggere la vostra e-mail, o in altro modo, di avere una vita. Così, non appena ci si rende conto vostro figlio sta cercando di ottenere la vostra attenzione, dategli qualche secondo di completa attenzione. Guardatelo diritto negli occhi, ponetegli qualche domanda e ascoltate la risposta. Utilizzate il linguaggio del corpo per mostrare tutta la vostra attenzione, mettendo giù il telefono, ad esempio. Mentre si ascoltano le sue risposte, pensate a come reindirizzare il suo interesse. 

 

5. Reindirizzare con la creatività

Provate a reindirizzare il suo comportamento presto e con una voce amorevole. Chiedetevi: “Perché il mio bambino si comporta così? Di che cosa ha veramente bisogno?”. I comportamenti aggressivi di solito richiedono un re-indirizzamento fisico. Ad esempio, se un bambino sta lanciando giocattoli o urlando, potrebbero aver bisogno di andare in bicicletta fuori per un po'. Se, invece, è sdraiato sul pavimento e piagnucola, potrebbe aver bisogno di un po' di attenzione e di un’attività tranquilla - provate a leggere loro un libro.

 

6. Toccate il vostro bambino molte volte al giorno

La maggior parte dei bambini di 3 anni ha bisogno di un sacco di abbracci e coccole, anche quando non siete pronti. Perciò, mettete  da parte il vostro lavoro per un po’ e abbracciate il vostro bambino, più volte al giorno. Non dimenticate  ma di dire “Ti amo”, specialmente quando si comporta male.

 

7. Anticipate il ripetersi dei comportamenti ostinati

I bambini, come gli adulti, hanno modelli di comportamento scorretto. Fanno le stesse cose sbagliate ancora e ancora. Lotti ogni mattina per vestirli o farli sedere nel seggiolino per l’auto? Conscendo questi comportamenti puoi intervenire precocemente e incoraggiare il bambino a fare buone scelte. Ho avuto una bambina di tre anni che rifiutava di farsi legare nel seggiolino per l’auto perché sapeva, così, di poter controllare l'intera famiglia - la macchina, infatti, non si sarebbe mossa fino a quando lei non fosse stata legata. Quanto più si rifiutava, più si arrabbiavano gli altri nostri bambini, e più lei si sentiva potente. Così un giorno, sulla strada per la macchina, ho detto, “Se tutti dicono, 'Vi vogliamo bene!' tre volte, posso legarti nel seggiolino per auto? ” Lei ha detto, “Ok, ma bisogna dirlo cinque volte.” Così abbiamo fatto e tutti ridevano. Dandole il controllo su un piccolo problema, ho guadagnato il controllo di tutta la situazione.

 

8. Impostare aspettative chiare

Scrivere una lista di regole familiari. Per i bambini di 3 anni, fate una lista breve e semplice. Ad esempio, 1) Utilizzare voci amorose, 2) Obbedire a mamma e papà, e 3) non fare male ad altre persone. Discutete le regole tutti i giorni, e lodate i successi a cena o prima di andare a dormire.

 

9. Insegnate l'obbedienza

I bambini non nascono obbedienti. Dobbiamo insegnarglielo. I bambini di 3 anni sono naturalmente alla ricerca di autonomia e combatteranno l’obbedienza. Il trucco è quello di insegnargli che loro vogliono essere obbedienti, che ottengono un sacco di lodi e di incoraggiamenti quando fanno quello che dici. Per insegnargli ad essere obbedienti, giocate al gioco “Simon Dice” (vedi nota 3. a fine articolo), cambiandolo in “ Mamma dice”, o “Papà dice.” Iniziate con cose tipiche come accarezzare la testa e battere le mani, poi passate a mettere via i giocattoli.

 

10. Sforzo per elogi, nessun risultato

Cercate di fare elogi al vostro bambino dieci volte in più di quanto lo correggete, ma fatelo nel modo giusto. Troppi elogi possono effettivamente avere un risutato inverso sui bambini - si rischia di impostare aspettative troppo alte e di portarli a temere il fallimento. La rivista New York Times offre un'eccellente sintesi di una ricerca alla base di questo effetto paradossale.

 

11. Fare un grafico del comportamento con gli adesivi

Gli adesivi non saranno mai più potenti di quando lo sono per un bambino di 3 anni. Godetevela. Fate un grafico adesivo e iniziate a tenere traccia dei giorni in cui il bambino rimane a letto, mantiene la biancheria intima asciutta per tutto il giorno, ecc

 

12. Essere coerenti

Coerenza non significa dure punizioni o urlare, significa affrontare costantemente gli stessi comportamenti problematici. Se lasciare le scarpe sul pavimento non è OK il Lunedi, non si possono raccogliere per il vostro bambino il Martedì. Ciò però non significa che il bambino ha bisogno di una sgridata.

 

13. Essere d’accordo con gli altri che si prendono cura del bambino

Quali sistemi di ricompensa positiva sono in atto nell’aula prescolare del vostro bambino? Che cosa accade a casa della nonna? Le regole a scuola e a casa devono essere il più simili possibile.

 

14. Quando tutto il resto fallisce, ricorrete al time-out

Non siate arrabbiati, basta chiedere al vostro piccolo di andare in time-out (vedi nota 2. a fine articolo), e portarcelo se non va. Assicuratevi di identificare un luogo preciso per il time-out in anticipo e cercate di essere coerenti su questa posizione. Date un minuto di time-out per ogni anno di vita, o ditegli che dovrà rimanerci fino a quando non avrà smesso di piangere, ma siate dolci. Se il vostro bambino tira calci e urla, portatelo nella posizione del time-out, ma ditegli che lo amate. Resistete alla tentazione di discutere e chiedergli ragione. È un bambino di 3 anni. Non sarà ragionevole.

 

15. Prendetevi cura di voi: chiedete aiuto

Parlate della situazione. Fate una pausa. E ricordate che i 4 anni arriveranno presto.

 

Fonte: 15 Tips to Survive the Terrible 3’s di Kathleen Berchelmann, M.D., FAAP

 

NOTE

1. Sesame Street è un programma televisivo educativo americano per bambini famoso per la presenza dei Muppet Jim Henson

2. Il Time-out (noto anche come esclusione sociale) è una tecnica educativa pediatrica che prevede la separazione temporanea del bambino da un ambiente in cui ha manifestato un comportamento inaccettabile. 

3. Simon Says è un gioco ad eliminazione per bambini e ragazzi con più giocatori. Uno assume il ruolo di Simon e fornisce delle istruzioni agli altri giocatori, come ad esempio azioni da compiere. Gli altri giocatori dovrebbero eseguire i comandi solo se sono preceduti dalla frase “Simon dice” o, in caso contrario, verranno eliminati dal gioco. Il vincitore del gioco è l'ultimo giocatore rimasto che ha seguito con successo tutti i comandi impartiti.