Articolo

Cucina creola: caratteristiche e alimenti principali

La Lousiana, negli Stati Uniti del sud, attira ogni anno ancora molti appassionati che amano la sua cultura, il suo spirito ed il suo cibo. Troviamo pochi ristoranti di cucina creola della Louisiana in giro per il mondo per via degli ingredienti unici. Diamo un’occhiata a qualche piatto invitante.

Cucina creola: caratteristiche e alimenti principali

Cos’è la cucina creola

Cosa si intende col termine “creolo”? Che si parli di etnia, di lingua o di cucina, creolo è tutto ciò che deriva da un mix di europeo ed esotico, spesso riferito alle culture post coloniali caraibiche, dove spagnoli, inglesi e francesi si mischiavano coi locali dando vita ad una generazione intermedia che conservava caratteristiche di entrambi i ceppi.

Le cucine creole al mondo sono tante, spesso interessanti, alcune più famose di altre, colorite ed intriganti. Senza dubbio la cucina creola più famosa, spesso chiamata cucina creola tout-court è la cucina creola delle Louisiana, nel sud degli Stati Uniti.

Oltre che avere un’etnia, una cultura, una musica ed una lingua creola, la Louisiana vanta una cucina creola tutta particolare dove si fondono influene francesi, spagnole, italiane, native americane, sudamericate, caraibiche (soprattutto haitiane), africane ed irlandesi.

E’ senza dubbio la cucina più caratteristica degli Stati Uniti del sud e quella che ha influenzato più di ogni altra il resto delle cucine statunitensi.

Tra coloni, immigrati, schiavi, pirati ed altro, la Louisiana è risultata essere il crocevia ideale per la nascita di questa cucina unica, basata su mais e riso, carni affumicate, anatra, alligatore, pesci di fiume (specie il pescegatto), rana, tartaruga, scoiattolo e altre particolarità locali, condite da slase speciali di derivazione francese.

 

La cucina creola: piatti tipici

Ingredienti unici, carni e pesci particolari, il gusto delle salse e delle spezie, metodi di cucina francesi ed italiani, verdure e frutti semitropicali... tutto questo è ciò che sta alla base della cucina creola della Louisiana, che puo’ essere mangiata quasi esclusivamente in loco. Cosa possiamo mangiare quindi per le vie di New Orleans e delle altre città della Louisiana attorno al Mississipi?

Anzitutto il gumbo, la più tipica delle zuppe creole. Si tratta della versione creola di un piatto tipico occitano, il bouillabasse (bollire a fiamma bassa), una specie di cacciucco francese con patate, aglio e cipolla.

In Louisiana si aggiungono gli okra, che i francesi chiamano gombo, mutuando il nome africano della verdura. Forse il nome vi dira’ qualcosa: jambalaya.

Si tratta di un complesso riso piccante con carne, pesce, pomodori e erbe aromatiche. Altro piatto tipico sono i gamberi alla creola, di ispirazione ispanica: vengono cotti con una sorta di lardo piccante, assieme alle cipolle e ai peperoni. I crostacei sono ovunque: aragoste, gamberi, granchi blu. Il grano è usato solo per il pane e riso e legumi (fagioli rossi in primis) vanno per la maggiore.

 

Leggi anche Spezie, elenco e proprietà >>

 

Dove mangiare la cucina creola (in strada o al ristorante)

Cibo di strada e ristorante sono entrambe opzioni ottime in Lousiana. I piatti tipici del cibo di strada spesso sono più freschi e genuini ma la scelta è ridotta. I piatti più particoari, specie le carni esotiche, li trovate qui.

Ogni ristorante in Lousiana è un mondo a sé, con segreti di famiglia che rendono uniche le varianti dei paitti tipici. I ristoranti sono decisamente da preferire in materia di dessert.

Da non perdere nella cucina creola

La cucina creola merita un viaggio in Lousiana. Da non perdere sono i piatti tipici, il cibo di mare è decisamente squisito, i piatti “poveri” a base di mais sono anch’essi notevoli e tutte le strane varianti con verdure caraibiche semisconosciute meritano attenzione.

Cosa evitare nella cucina creola

Evitare il cibo pensato per il turista medio, come le scatolette di alligatore o i gamberi in salsa precotti.

 

Consigli e curiosità

In Lousiana non si contano le curiosità. Potremmo citare la consistenza di certe carni alle quali un palato europeo è poco abituato. L’alligatore lascia molte bocche interdette, così come la tartaruga. Preparatevi ad una baraonda di spezie nello stesso boccone.

Dedicate tempo ai dessert: un mix inevitabile di franco-ispanico-americano.


Leggi anche Spezie, un mondo da scoprire >>

 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio