Come migliorare le difese immunitarie dei gatti?

Buongiorno, gestisco la colonia felina aziendale e con grande mio dispiacere abbiamo riscontrato che un gatto di recente deceduto aveva la FeLV (detta anche leucemia felina). I gatti sembrano in buono stato di salute (tranne due) e sarebbe opportuno innalzare le difese immunitarie. Gli animali che manifestano infezione da questo retrovirus sono anemici, hanno insufficienza renale, problemi di masticazione (a causa di linfonodi o ghiandole che si gonfiano provocando stomatite), problemi alle vie respiratorie superiori. Sto pensando di somministrare nell'alimentazione olio di cumino nero. Potete gentilmente indicare se va bene e le eventuali dosi da somministrare (abitualmente vengono fornite, in vari luoghi, scatolette da gr 400). Altresì, a casa, ho gatti non affetti da questo problema ma alcuni colpiti da rinite cronica. Potete indicarmi anche per loro qualche prodotto specifico? Grazie Alberto

Risposte di salute

Elena Angelucci
Buongiorno Alberto, purtroppo non esistono terapie farmacologiche per guarire la FELV, ma solo sintomatiche e con importanti effetti collaterali, perciò non possono essere somministrate per lungo periodo; il veterinario potrà aiutarla in questo caso. La natura fortunatamente ci viene in soccorso! Ecco alcuni tra i rimedi naturali più appropriati in questo caso ed in generale per attivare le difese immunitarie aspecifiche del gatto e quindi migliorare la resistenza alle malattie : Uncaria Tomentosa, pianta originaria del sud America utile per modulare le difese immunitarie agisce come antinfiammatorio e antinfettivo (potenzia l'attività delle cellule NK Natural killer e dei linfociti T in grado di distruggere le cellule di tumori e virus). Nel gatto si utilizza il macerato glicerico oppure la forma omeopatica, non va usato insieme ad immunosoppressori e neppure durante la gravidanza e l'allattamento. Astragalo, molto efficace per raffreddori e forme virali (questo andrà bene per i Suoi gatti di casa), arriva dalla Cina ed è un rimedio molto antico, se ne utilizza la radice ed è un tonico-adattogeno, di solito in sinergia con Uncaria ed Echinacea, come rimedio di terreno per evitare la proliferazione di funghi, virus e batteri. Ribes Nigrum è il "cortisone naturale", agisce a livello delle ghiandole surrenali, dove aumenta la produzione di cortisolo ematico abbassando la risposta allergica (diminuisce la produzione di IgE anticorpi /immunoglobuline), ottimo gemmoterapico in forma di macerato glicerico come antinfiammatorio in caso di flogosi acute o croniche. Non ho notizie, invece sull'utilizzo dell'olio di Cumino nero, come Lei chiede. Tutti questi rimedi utilizzati a cicli, insieme ad una sana e molto digeribile alimentazione, niente antiparassitari chimici ed un ambiente di vita sereno, consentono anche ai gatti affetti da FELV una buona qualità di vita. Elena Angelucci Naturopata

di Elena Angelucci