Intervista

Astrologia. Perché funziona?

Abbiamo intervistato Paolo Quagliarella autore del libro: Astrologia. Perché funziona? Un viaggio attraverso alcuni concetti di psicologia junghiana, filosofia, biologia, fisica quantistica

Astrologia. Perché funziona?

La prima cosa che desideriamo evidenziare è che il ricavato del libro sarà devoluto totalmente in beneficenza a un ospedale pediatrico che sarà individuato. Per ogni libro che acquisterete circa 2.20 € saranno devoluti in beneficenza.

 

Qual è il motivo che ti ha spinto a scrivere questo libro?

Da quando mi occupo di Astrologia, ovvero dal 1989, mi sono sempre detto: l’Astrologia funziona, ma perché, per quale motivo? Essendo una persona molto razionale sentivo il bisogno di avere delle spiegazioni scientifiche che poi ho scoperto essere dei modelli interpretativi della realtà.

Ho scritto, quindi, per dare una risposta, prima di tutto, a me e poi mi sono ritrovato a comprendere come l’approccio che ho tenuto nel libro potesse essere fondante anche per tutte quelle discpline definite olistiche o naturali.

 

Leggi anche Caratteristiche del segno del Sagittario >>

 

Nel libro parli, quindi, di un po’ tutte le discipline olistiche e del loro possibile fondamento scientifico?

Assolutamente no. Offro dei modelli interpretativi partendo da teorie biologiche, filosofiche, psicologiche e di fisica quantistica che cercano di dare un fondamento all’Astrologia ma che analogamente possono essere utilizzate per spiegare qualsiasi altra disciplina naturale.

È come quando utilizzi la matematica per capire quanto resto deve darti il panettiere, ma la stessa matematica è utilizzata per mandare le sonde su Marte. In questo esempio la matematica è un modello interpretativo del mondo.

Io ho cercato di fare una cosa analoga con diverse discipline avendo come oggetto non il resto del panettiere o il lancio della sonda su Marte, ma l’Astrologia.

libro astrologia

 

Hai trovato delle risposte alla tua domanda: perché l’Astrologia funziona?

Ho trovato diverse risposte, ma altrettante domande. Federico Carminati, fisico del CERN, che ho intervistato ha, a mio avviso, ben compreso come non vi sia una sola risposta valida o un solo modello interpretativo, ma diversi.

Dunque l’Astrologia, a mio avviso, funziona secondo le teorie illustrate nel libro, ma la mia è soltanto una possibile interpretazione. A proposito di Fisica quantistica e Astrologia, parafrasando Niels Bohr, scrivo a pag. 152 che: “Non esiste alcuna realtà. C’è solo un’astratta descrizione della stessa attraverso i simboli astrologici. È sbagliato pensare che il compito dell’Astrologia sia di scoprire qual è la natura umana. L’Astrologia riguarda, a mio avviso, quello che noi possiamo dire sulla natura umana attraverso l’interpretazione.”.

Inoltre, come segnala Enzo Barillà nella prefazione: “Se l’Astrologia parla un linguaggio simbolico, e se il simbolo ci conduce, junghianamente parlando, all’archetipo, lo sforzo più  foriero di risultati utili alla comprensione e alla ricerca in campo astrologico (ma non solo, com’è intuibile) passa attraverso il tentativo di operare una saldatura tra psiche e materia, ovvero tra archetipi e fisica quantistica. Una strada già pionieristicamente intrapresa da C. G. Jung nel suo rapporto con il Nobel della fisica Wofgang Pauli.

La risposta finale che ho esposto nel libro a pag. 201 è:Come si è avuto modo di leggere, sono numerose e diverse le teorie scientifiche e filosofiche che offrono fondamenta salde all’Astrologia, diritto di esistenza. Io, da persona profondamente razionale, ritengo che qualsiasi linguaggio debba essere degno di essere preso in considerazione quando cerca di spiegare la realtà attraverso delle regole funzionali, coerenti all’interno del sistema, ma soprattutto quando permette di perseguire un fine che sia utile all’umanità.

La domanda iniziale di questo lavoro, perché l’Astrologia funziona? ritengo abbia ricevuto numerose risposte dalle più diverse discipline e altrettante, spero, ne possano aggiungere i lettori poiché desideravo suscitare anche curiosità e libertà interpretative. L’Astrologia resta, comunque e sempre, un’Arte, intesa nel senso più profondo del termine, e come tale comunicherà con gli esseri umani che sapranno leggerla, utilizzarla, interpretarla, indipendentemente dalle spiegazioni che ho cercato di fornire. L’uomo nasce libero in una forma, con dei confini definiti e morbidamente elastici ma, al loro interno, i giardini che si possono realizzare o nascere spontaneamente, sono infiniti.”

 

È un libro che possono leggere tutti anche non addetti ai lavori o astrologi?

Certo. Non è un libro di Astrologia o un manuale, è più un saggio che spazia tra diversi argomenti tenendo uno sguardo sempre rivolto, ma neanche troppo, al pensiero astrologico; può quindi essere letto da tutti. Un motivo in più per acquistarlo è che il ricavato delle vendite effettuate su Amazon sarà totalmente devoluto in beneficenza ad un ospedale pediatrico italiano che identificherò.

Fornirò, online, la copia del bonifico effettuato alla fine del 2016, poiché il ricavo è di circa 2.20 € per copia. Il libro costa circa 11,44 €.

 

Per approfondire:

> Dove acquistare il libro

 

> Un estratto del libro