Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

ERBE E PIANTE OFFICINALI

ERBE E PIANTE OFFICINALI

Liquirizia, proprietà e uso

La liquirizia (Glycyrrhiza glabra) è una pianta della famiglia delle Leguminose. Oltre alle prorietà lassative, la liquirizia è utile anche in caso di diabete e contro tosse e asma. Scopriamola meglio.

>  Proprietà della liquirizia

>  Modalità d'uso

>  Controindicazioni della liquirizia

>  Descrizione della pianta

>  Habitat della liquirizia

>  Cenni storici

Liquirizia

 

Proprietà della liquirizia

I principi attivi della liquirizia sono principalmente composti triterpenici e loro derivati, specialmente glicirrizina (sostanza cinquanta volte più dolce del saccarosio), flavonoidi (liquiritina), fitosteroli, saponine, mannite, amidi e vitamine. Il principio attivo più importante è rappresentato dalla glicirrizina, concentrata principalmente nelle parti legnose della pianta e nelle radici.

La liquirizia possiede proprietà digestive e antinfiammatorie e protettiva per le mucose; è usata perciò, contro gastriti e bruciori di stomaco, previene e cura le ulcere gastriche e duodenali, causate da farmaci e alcool, e le ulcerazioni da chemioterapici.

Studi condotti sulla pianta hanno evidenziato che la glicirrizina, che le conferisce un'azione antinfiammatoria e antivirale, ha la capacità di impedire la crescita dell'herpes; ed é in grado di bloccare l'ingresso e la replicazione dei virus nelle cellule in alcune patologie polmonari; in parole povere, di frenare l'infezione.

Il meccanismo d'azione non è ancora ben chiaro. Si ipotizza che questo componente andrebbe ad interferire con il percorso di comunicazione cellulare, inducendo anche la produzione di ossido nitrico, fattore di attivazione ben conosciuto per i macrofagi e linfociti, cellule che allertano e potenziano una risposta più globale del sistema immunitario.

Per questa ragione la liquirizia può essere utilizzata nella lotta alle tossinfezioni alimentari, infatti, l'estratto derivato dalla radice è efficace per contrastare i microrganismi che si trovano nel cibo. Secondo gli studiosi giapponesi, che stanno portando avanti le ricerche in tal senso, i composti biologicamente attivi, che la liquirizia possiede, sono in grado di contrastare molti ceppi di microrganismi che rendono il cibo pericoloso.

La proprietà antinfiammatoria e protettiva delle mucose la rende inoltre un ottimo rimedio contro la tosse, conferendole azione emolliente ed espettorante, utile nel trattamento delle affezioni alle basse vie respiratorie, in caso di asma e bronchite e tosse secca.

La liquirizia è anche leggermente lassativa, grazie alla presenza di mannite, principio attivo della manna. La mannite (mannitolo) è uno zucchero naturale che agisce contro la stipsi, attirando acqua nel colon e facilitandone lo svuotamento.
 Per questa ragione il decotto è molto efficace in caso di stitichezza e nei disturbi legati alla sindrome dell’intestino irritabile. Puoi trovare 

 

Modalità d'uso

DECOTTO: 1 cucchiaio raso di liquirizia radice, 1 tazza d’acqua 

Versare la radice sminuzzata nell’acqua fredda, accendere il fuoco e portare a ebollizione. Far bollire qualche minuto e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 10 min. Filtrare l’infuso e berlo dopo i pasti per usufruire dell’azione digestiva, o al momento del bisogno in caso di tosse.

 

Le proprietà e l'uso della tintura madre di liquirizia

 

Controindicazioni della liquirizia

L'acido glicirizzico ha un’azione ipertensiva, poiché produce ritenzione d'acqua e accumulo di sodio, oltre a provocare una perdita di potassio; per questi motivi ha effetti collaterali sull'equilibrio dei sali minerali. 

Quindi un abuso di liquirizia può indurre ritenzione idrica, aumento della pressione, gonfiore al viso e alle caviglie e mal di testa. E' quindi controindicata agli ipertesi, e alle persone predisposte a edemi, e a chi soffre di diabete; alle donne in gravidanza e in allattamento.

 

Scopri come coltivare la liquirizia in casa

Liquirizia


Descrizione della pianta

Pianta erbacea perenne alta fino a un metro, rustica, cioè resistente al gelo, sviluppa un grosso rizoma da cui si estendono stoloni lunghi fino due metri e radici legnose altrettanto lunghe. Il rizoma e le radici hanno una corteccia marrone e all'interno la parte legnosa si presenta di color giallo e ha un gusto dolce.

La parti che vengono utilizzate sono proprio le radici della pianta con almeno tre o quattro anni di vita, raccolte durante la stagione autunnale ed essiccate.

Le foglie sono composte da quattro-otto paia di foglioline e da una terminale. I fiori sono di colore azzurro-violaceo, hanno un peduncolo corto e sono riuniti in racemi inseriti nell'ascella delle foglie.

I frutti sono dei legumi coriacei allungati, con poche setole, contenenti da due a sei semi, di colore bruno.

 

L'habitat della liquirizia

Originaria dell'Asia sudoccidentale e dell’Europa meridionale; cresce spontanea nelle regioni del bacino mediterraneo principalmente su terreni calcarei e/o argillosi. È coltivata in Lucania, Sicilia e Calabria, che ancora oggi ne produce il 70%.

 

Cenni storici

Il suo nome deriva dal greco glucosdolce” e rizaradice”. Conosciuta in Asia già 5000 anni fa, viene menzionata in uno dei primi erbari cinesi ed era prescritta nella medicina tradizionale per curare il catarro, i disturbi del fegato e le intossicazioni alimentari.

La liquirizia era molto usata nell'antico Egitto e in Assiria e nota nell'antica medicina greca, tanto che già Ippocrate la consigliava contro la tosse; ma solo nel XV secolo è stata introdotta dai frati domenicani in Europa. La pianta è utilizzata in fitoterapia sottoforma di tisane e in cucina per la preparazione di dolci, caramelle.

In commercio la radice può essere trovata in bastoncini da masticare, tagliuzzata per decotti e, in confetti preparati con estratto di liquirizia pura, ridotta in polvere e in succo (estratto nero).

 

Scopri come preparare un'ottima tisana depurativa alla liquirizia

 

Altri articoli sulla liquirizia:

>  La liquiriza: rimedio naturale per la pressione bassa

Liquore alla liquirizia: la ricetta per farlo a casa

Salmiakki, la liquirizia salata

>  Ricetta del gelato alla liquirizia

 

Immagine | Wikimedia 

In collaborazione con Erboristeria del Pigneto

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy