TUTTE LE GUIDE

NUTRACEUTICA

Triptofano

A cura di Veronica Pacella, Nutrizionista

 

Il triptofano è un aminoacido essenziale, non sintetizzato dal corpo umano, precursore della serotonina, coinvolta nella modulazione dell’umore, della melatonina, coinvolta nella regolazione dei ritmi del sonno, e della niacina o vitamina B6. Scopriamolo meglio.

>  A cosa serve il triptofano

>  Dove si trova

>  Controindicazioni del triptofano

 

Struttura 3D della molecola di triptofano

Molecola di triptofano

 

A cosa serve il triptofano

Bassi livelli di triptofano sono associati a insonnia, depressione e altre problematiche dell’umore, irritabilità e aggressività. E’ utile per favorire il ripristino dei meccanismi fisiologici che regolano il sonno e l’umore. 

Il triptofano, non potendo essere sintetizzato dall’organismo, va introdotto con l’alimentazione o con integratori specifici. 

Come amminoacido è assorbito in modo inferiore rispetto alle proteine che lo contengono, in quanto deve utilizzare dei trasportatori a livello della membrana intestinale che condivide con altri amminoacidi. La stessa cosa accade nella barriera emato-encefalica. Sembra tuttavia che l’assorbimento aumenti quando è associato ad un pasto contenente carboidrati.

In caso di disturbi dell’umore,  studi sull’assorbimento del triptofano e sulla sua conversione in serotonina dimostrano che è necessaria la somministrazione con integratori contenenti elevate quantità di questo amminoacido. La dose giornaliera consigliata è di 1-3 grammi/die.

 

Dove si trova il triptofano

Le fonti principali sono: germe di grano, formaggi, legumi, pesce, carne (tacchino e carne di maiale), uova, semi

 

Puoi approfondire tutte le proprietà curative degli alimenti

Proprietà curative degli alimenti

 

Controindicazioni

L’uso di integratori a base di triptofano è controindicato quando il disturbo dell’umore è più evidente al mattino che alla sera, in caso di cirrosi epatica e durante l’uso di farmaci antidepressivi della classe degli inibitori delle mono-ammino-ossidasi.

Gli effetti collaterali, in caso di dosi superiori a quelle consigliate, sono: irritazione gastrica, nausea con vomito e capogiro.

 

LEGGI ANCHE
Le proprietà e i benefici del radicchio, fonte di triptofano

 


Altri articoli sul triptofano:

> I cibi con triptofano per combattere l'insonnia estiva

 

Immagine | Wikipedia

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy