Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

SPEZIE

Sale marino, proprietà e uso

Il sale marino è una spezia indispensabile come conduttore neurologico utile contro la cellulite, malattie della pelle e bronchiti. Scopriamolo meglio.

>  Descrizione

>  Proprietà e benefici del sale marino

>  Uso in cucina

>  Curiosità sul sale marino

Sale marino

Descrizione

Il sale marino è una spezia composta da cloruro di sodio (NaCl) disciolto in acqua marina insieme ad altre sostanze. Il cloruro di sodio è il sale di sodio dell’acido cloridrico. A temperatura ambiente è un solido cristallino incolore e con un odore e sapore caratteristici. Il sale marino viene ottenuto per evaporazione spontanea e frazionata dell’acqua di mare.

L’evaporazione solare permette l’estrazione del sale marino, fatta in stabilimenti chiamati saline. L’acqua di mare viene raccolta in grandi vasche poco profonde; l’acqua evapora e resta la salamoia, che si concentra e viene trasferita, via via che si concentra, in vasche diverse, per arrivare infine nelle vasche cristallizzanti, dove il cloruro di sodio “precipita” e viene poi raccolto.

Esistono due tipi di sale marino: raffinato o integrale, che mantiene intatte le proprietà di altre sostanze, come iodio, magnesio, potassio e altri microelementi. Il sale marino è usato come esaltatore di sapidità, conosciuto e commercializzato sin da tempi antichi, ampiamente usato in cucina, per la conservazione e la cottura dei cibi (carni, formaggi, verdure, spezie). Il sale marino è utilizzato anche per prevenire alcune malattie, come il gozzo o l’ipertensione.

Viene poi utilizzato nell’industria chimica, un tempo per la concia di pelli e tessuti, ora per la saponificazione, per esempio, o come anti-gelo naturale.

 

Proprietà e benefici del sale marino

Il cloruro di sodio è un conduttore, non solo di elettricità, ma anche di trasmissione neurologica. Il sale è infatti una sostanza fondamentale per lo svolgersi di meccanismi fisiologici vitali, come la trasmissione degli impulsi nervosi, lo scambio dei liquidi e la regolazione della pressione. Il cloruro di sodio è infatti essenziale per la vita sulla Terra: la maggior parte dei tessuti e dei fluidi degli esseri viventi contiene infatti una certa quantità di sale.

La soluzione fisiologica che si usa in medicina, che contiene una certa percentuale di cloruro di sodio, è usata per curare la disidratazione; ma se si consumano più di 5 grammi di sale al giorno si può andare incontro a malattie come ictus, problemi ai reni e disturbi cardiaci.

Se usato esternamente invece, può essere un valido alleato per combattere edemi, cellulite e per depurare i tessuti: bagni, impacchi, bendaggi di sale sgonfiano, riducono i ristagni idrici, disintossicano i tessuti. Meglio è se si usa il sale marino integrale: la raffinazione priva il sale di numerosi elementi utili all’organismo.

I trattamenti salini sono utili anche per combattere la bronchite, asma, raffreddore, micosi e psoriasi.

 

Sale e alimentazione consapevole

 

 

Uso in cucina

Il sale marino viene utilizzato da sempre per aromatizzare e conservare i cibi, come carne e pesce, e le spezie, ma anche per cuocerli. Bisogna prestare attenzione a come utilizzare il sale marino in cucina: i legumi devono essere salati solo a fine cottura, altrimenti induriscono, così anche le verdure lessate o al vapore, per non fare perdere loro le sostanze nutritive.

La carne alla griglia va salata prima, mentre quella in padella dopo la cottura. Spolverizzare e lasciare a riposo zucchine e melanzane con il sale fa perdere loro acqua e così il gusto amarognolo delle melanzane.

In Italia il sale di Cervia è considerato un sale speciale, in quanto “sale dolce” perché contiene una ridotta percentuale di sostanze amare. Le saline di Cervia vendono anche una mattonella di puro sale dolce di Cervia per cuocere direttamente le pietanze: i cibi assorbono la giusta quantità di sale di cui hanno bisogno, salandosi autonomamente. I tempi di cottura sono ridotti e la cucina è assolutamente dietetica.

La fleur de sel, il fiore di sale, è un tipo di sale grezzo marino francese, caratteristico della Bretagna meridionale, molto delicato, che non copre i sapori ma li esalta.

 

Curiosità sul sale marino

In Italia le saline più grandi si trovano a Margherita di Savoia, in Puglia; in Sardegna, vicino a Cagliari e in Sicilia, vicino a Trapani; in Romagna, a Cervia. In tempi antichi il sale era così importante da essere anche una moneta di scambio, ecco perché l’ltalia è piena di “vie del sale”: la via Salaria, per esempio, che portava al porto di Ostia; la Via del Sale che collegava le coste liguri alla pianura lombarda; e ancora le vie del sale piemontesi ed emiliane. La parola salario deriva proprio da salarium, la quantità di sale che veniva data ai soldati che partivano per avamposti all’estero. Il libro di riferimento è “Il miracoloso sale marino” di Giuseppe Maffeis.

 

LEGGI ANCHE

7 ricette con i vari tipi di sale

 

Altri articoli sul sale:
>  Quali sono i diversi tipi di sale
>  Le varietà di sale e i loro usi

>  L'uso del sale in cucina

>  Sali da bagno: benefici e come usarli

 

Immagine | Shop.thespicelab.com

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy