Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

FITOTERAPIA E DISTURBI

Come curare gli effetti della menopausa con la fitoterapia

La menopausa è l'evento fisiologico che nella donna corrisponde al termine del ciclo mestruale e dell'età fertile. Nella menopausa termina l'attività ovarica: le ovaie non producono più follicoli ed estrogeni, gli ormoni femminili principali.

Tale stato provoca una serie di mutamenti nella donna che riguardano gli aspetti trofici, metabolici, sessuali e psicologici, con una serie di sintomi che variano a seconda della persona. Vediamo i vari rimedi fitoterapici per curarla.

> 1. Le piante officinali per la menopausa

> 2. I gemmoderivati

> 3. Gli oli essenziali per la menopausa

> 4. I fiori di Bach

> 5. I minerali contro i siturbi della menopausa

Menopausa


In fitoterapia si utilizzano piante officinali e minerali, in grado di lenire i sintomi, legati a quei cambiamenti fisiologici che accompagnano il periodo della menopausa

Per quanto riguarda le conseguenze sul piano emotivo è indubbio che durante questo delicato periodo la maggior parte delle donne vada incontro ad un cambiamento profondo della propria identità psichica e della propria sessualità.

La perdita della fertilità, la convinzione di essere meno desiderabili, i primi segni visibili di invecchiamento ed una diversa percezione della propria fisicità possono creare situazioni di sofferenza psicologica dovuta alla improvvisa rottura del delicato equilibrio che la donna ha con il proprio corpo. Su questo aspetto emotivo agiscono molto bene gli olii essenziali e i Fiori di Bach.

La menopausa non è una malattia, ma corrisponde alla cessazione dell'attività delle ovaie, ghiandole endocrine femminili, deputate alla produzioni di ormoni, con conseguente interruzione del ciclo mestruale. Il processo che porta alla scomparsa definitiva delle mestruazioni richiede sempre alcuni anni e comporta una fase di pre-menopausa, che dura 3-5 anni. Dopo l’arresto delle mestruazioni inizia la fase di post-menopausa che persiste per 5-10 anni e sfuma lentamente nella vecchiaia. 

L’insieme di questi momenti costituisce il climaterio, una fase di transizione in cui la donna incontra spesso delle difficoltà per la presenza di vari tipi di disturbi più o meno lievi come: irregolarità del ciclo, "vampate di calore", sbalzi dell'umore, ansia, disturbi del sonno, irritabilità, difficoltà di concentrazione

Una delle conseguenze della fine della produzione di follicoli ed estrogeni da parte delle ovaie è la riduzione della protezione del cuore e dei vasi sanguigni, e l'aumento del rischio di aterosclerosi. La carenza di ormoni ovarici, gli squilibri ormonali e metabolici, influiscono anche su alcune sostanze chimiche del cervello, che influenzano i meccanismi regolatori del tono dell'umore, dell'attenzione e del comportamento.

L'insonnia in particolare trova spiegazione nel ruolo che hanno gli ormoni di regolare fisiologicamente il ritmo sonno-veglia. Durante la menopausa, inoltre, si verifica la perdita del calcio delle ossa, con possibile insorgenza, nei casi più gravi di osteoporosi; e la riduzione del fabbisogno calorico, perché rallenta il metabolismo basale, per cui si tende a ingrassare

 

Lo sapevi che anche una dieta corretta aiuta durante la menopausa? 

 

Le piante officinali durante la menopausa

La moderna ricerca fitoterapica ha individuato in alcune piante l'esistenza di sostanze, i fitoestrogeni, in grado di simulare l'azione degli estrogeni umani; essi hanno un'azione più blanda ma del tutto naturale, in grado di imitare gli effetti degli estrogeni, perché le loro strutture molecolari sono molto simili a quelli umani (biosomiglianza) ed il corpo li accetta come tali.

In altre piante invece sono stati individuati i fitoprogestinici, che sono in grado di normalizzare il rapporto estrogeni-progesterone

  • Soia: contiene un gruppo di sostanze appartenente alla classe dei flavonoidi, gli isoflavoni, che per la loro attività estrogeno-simile sono in grado di influenzare la secrezione e il metabolismo degli ormoni sessuali, oltre ad avere un ruolo attivo nel rallentare i fenomeni di invecchiamento della pelle, per la capacità di stimolare la produzione di collagene e acido ialuronico. I fitoestrogeni si sono rivelati utili contro i disturbi dovuti alla menopausa e le patologie ad essa correlate, come l'osteoporosi e l'ipercolesterolemia; infatti studi clinici hanno evidenziato che gli isoflavoni della soia, inseriti nella dieta, diminuiscono la perdita della massa ossea che insorge in questo periodo e contemporaneamente contribuiscono a ridurre il cosiddetto colesterolo cattivo, o LDL; mentre tendono a far aumentare il colesterolo buono, o HDL. Questo può contribuire a favorire la prevenzione dei danni cardiovascolari. 
  • Cimicifuga: l’azione più nota di questa pianta è quella sui disturbi neurovegetativi connessi alla menopausa, in particolare sulle vampate di calore.  I glicosidi triterpenici contenuti nelle radici sono in grado di legarsi ai recettori per la serotonina posti nell’ipotalamo (un nucleo di cellule nervose situato nella parte bassa del cervello), svolgendo così un’azione simile a quella della serotonina
  • Maca delle Ande: grazie alle sue proprietà adattogene, stimola le ghiandole nella produzione di estrogeni, ripristinando l’equilibrio ormonale. Le radici della pianta non contengono ormoni vegetali, ma principi attivi ricostituenti che rafforzano il sistema endocrino, e inducono il corpo nella secrezione dei suoi ormoni, nella proporzione giusta. Questi effetti modulanti sul sistema endocrino agiscono tramite l’ipotalamo, migliorando il sistema immunitario e riproduttivo. Contemporaneamente la pianta promuove una dilatazione dei vasi sanguigni e quindi una migliore irrorazione degli organi sessuali. Questo impedisce, tra l’altro, la cosiddetta secchezza vaginale, un sintomo ricorrente della menopausa. 

 

I gemmoderivati

  • Rubus idaeusil gemmoderivato del lampone, agisce sull’apparato ormonale femminile, come regolatore dell’asse ipotalamo-ipofiso-gonadico e della secrezione ovarica, e trova impiego in tutti gli squilibri della sfera sessuale della donna, nell’amenorrea, ossia la mancanza di mestruazioni, e nelle irregolarità del ciclo mestruale; e per tutti i disturbi che accompagnano il periodo della menopausa, come vampate, sbalzi d’umore e depressione. La sua assunzione è anche indicata in caso di ansia, nervosismo, perché esercita un’azione riequilibrante del sistema neurovegetativo.
  • Pinus Montana: il gemmoderivato del pino mugo ha la proprietà di ristrutturare i tessuti duri del corpo in caso di steoporosi, in particolare quella che subentra in menopausa, in quanto esercita un’azione rigenerativa sulle cartilagini articolari e sul tessuto osseo.
  • Sequoia Gigantea: il gemmoderivato della sequoia, ricavato dai giovani getti, esercita un’azione rigenerante e antinvecchiamento. È uno dei rimedi più indicati per l’osteoporosi insorta dopo la menopausa.

 

Vuoi saperne di più sui gemmoderivati e il loro utilizzo in menopausa?

 

Gli oli essenziali per la menopausa

  • Olio essenziale di Neroli: riequilibrante sul sistema nervoso, l'olio essenziale di neroli è indicato dopo fatiche mentali e tensioni psichiche, contro paura disturbi d’ansia, depressione e calma i pensieri in momenti di confusione. Porta la pace nel cuore, l'allegria e l'ottimismo consolante. Nelle afflizioni ci aiuta ad alleviarne il peso.
  • Olio essenziale di Rosa: apre e rafforza il cuore, rilassa l’anima e attiva la disposizione per tenerezza e amore, perché sviluppa la pazienzal’autostima. Dona gioia e scaccia i pensieri negativi, equilibrando emozioni alterate provocate da collera, gelosia e stress. Il profumo dell'essenza è un meraviglioso supporto sia psicologico, che fisico in menopausa in quanto aiuta a lenire tristezzadepressione.
  • Olio essenziale di Salvia: ottimo supporto per superare le crisi di mezza età e la menopausa, per le persone che non osano più, i rassegnati, che si sentono "troppo vecchi" e vivono in uno stato di depressione. Se inalato induce calma e serenità in presenza stress, nervosismo, angoscia, paure.

 

I fiori di Bach utili in menopausa

  • Honeysuckle: è in grado di riattivare l’interesse per il presente, la voglia di fare progetti e la capacità di guardare avanti con fiducia. Questo rimedio floreale si dimostra un utile sostegno per le donne che faticano ad accettare i cambiamenti e vivono con sofferenza e rassegnazione il cambio di taglia conseguente alla menopausa ma anche per tutte le persone rimaste bloccate nella nostalgia del passato e incapaci di attuare un cambiamento
  • Walnut: è il rimedio elettivo per tutti i cambiamenti, perché sostiene e protegge dalle influenze esterne durante i passaggi esistenziali e le tappe della vita. Offre una grande capacità di vedere e seguire il proprio cammino, quindi porta libertà di adeguamento, ai cambiamenti radicali nella vita; facendo rimanere fedeli a sé stessi e apportando la forza sufficiente per proteggersi dall’esterno. Inoltre, questo fiore tira fuori il dono della determinazione e dell’integrità ed al contempo rinforza le condizioni altrui.

 

I minerali

I rimedi catalizzatori utilizzati dalla oligoterapia per la menopausa sono:

  • Zinco-rame come regolatore del sistema endocrino. Si utilizza nel trattamento delle alterazioni della crescita e disturbi ormonali come le cosiddette turbe della menopausa.

Inoltre al livello dell’umore, riequilbra le emozioni, mitiga l’angoscia e l’aggressività, infonde fiducia in se stessi e aiuta a superare la paura, che può provare una donna quando perde la fertilità e inizia a invecchiare.
  • Rame-oro-argento: è il rimedio per la mancanza di vitalità e capacità di adattamento dell´organismo (convalescenza, esiti di trauma recente o remoto, dopo un intervento chirurgico, processi infiammatori e infettivi a ripetizione e a lenta risoluzione, compromissione dello stato generale, depressione). Viene impiegato efficacemente nel trattamento delle sindromi depressive associate alla menopausa caratterizzate da un atteggiamento generale di rinuncia e tendenza all´isolamento e alla depressione e in cui la stanchezza generale non migliora con il riposo.

I minerali e le vitamine impiegate per la menopausa dall’oligoterapia nutrizionale sono rivolti all’integrazione di quelle sostanze che potrebbero assumersi anche dalla dieta, ma che spesso un’alimentazione povera e scorretta e uno stile di vita inadeguato portano inevitabilmente alla loro carenza.

  • Magnesio: il magnesio è utilizzato per le numerose proprietà terapeutiche: rilassa il sistema nervoso; agisce come antidepressivocura le patologie cardiovascolari; migliora la rigenerazione cellulare; aumenta l'elasticità dei tessuti ed elimina le calcificazioni dannose dei tessuti molli e delle articolazioni. Questo prezioso minerale tra le tante funzioni esercitate, stimola la produzione di serotonina, un’endorfina che agisce su recettori specifici del cervello, svolgendo azione analgesica, antidepressiva e stabilizzante del tono dell'umore. Infatti una sua carenza produce depressione nervosismo, ansia, tic nervosi e insonnia. In menopausa, a causa degli squilibri ormonali, si sono riscontrati notevoli abbassamenti dei livelli di magnesio, con conseguente stato depressivosenso di inadeguatezza e irritabilità.
  • Calcio: Il calcio è indispensabile alla crescita e alla salute di ossa e denti, poiché ne assicura la densità e l’elasticità. Combatte l’osteoporosi e la decalcificazione che possono manifestarsi in seguito alla menopausa. Il calcio stimola il metabolismo cellulare, l’assimilazione delle sostanze nutritive e la produzione di energia. 
Fondamentale per l’equilibrio del sistema nervoso, questo prezioso minerale abbassa il colesterolo, stabilizza il ritmo cardiaco e regolarizza la coagulazione e il PH del sangue. 

 

Scopri anche i rimedi omoepatici contro i disturbi della menopausa

 

Altri articoli sulla menopausa:
>  La riflessologia plantare contro i disturbi della menopausa

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy