TUTTE LE GUIDE

MINERALI

Ferro, proprietà e benefici

 Il ferro è un minerale che stimola fegato, milza e intestino, favorendo la produzione di emoglobina e di globuli rossi. Scopriamolo meglio.

>  Cos'è il ferro

>  Benefici e proprietà

>  Fabbisogno giornaliero di ferro

>  Effetti del ferro sulla psiche e sullo spirito

>  Modalità d'uso

>  Curiosità e cenni storici

Ferro

 

 

Cos'è il ferro

Simbolo chimico: Fe2+, Fe3+, Fe4+
Il ferro è un metallo ferromagnetico brillante, duttile e malleabile, di colore bianco argenteo, che arrugginisce in aria umida, ma non in aria secca, e si dissolve rapidamente in acidi diluiti.

È il quarto elemento più abbondante sulla terra dopo ossigeno, silicio e alluminio: a causa della sua reattività con l’ossigeno, questo minerale si rinviene in natura soprattutto in vari ossidi di ferro (come l’ematite, la magnetite e la limonite) ed è il più usato in assoluto nella produzione industriale grazie alla combinazione di basso costo ed alta resistenza.

Il ferro rappresenta l’oligoelemento quantitativamente più importante dell’organismo umano (3-5 g), di cui tre quarti si trovano nei miliardi di globuli rossi del sangue, è indispensabile alla vita e interviene nella sintesi di numerosi enzimi, tra cui la catalasi.

 

Proprietà e benefici

Il ferro favorisce la produzione di emoglobina e di globuli rossi: assicurando una corretta ossigenazione delle cellule del corpo, garantisce così la vitalità e la crescita armoniosa dell’intero organismo. Stimola le funzioni del fegato, della milza, dell’intestino e del midollo osseo.

Il ferro è inoltre fondamentale per i neurotrasmettitori come serotonina e dopamina, garantisce resistenza alle malattie, è utile contro lo stress ed è indispensabile per mantenere efficiente il sistema immunitario.

La mancanza di ferro (soprattutto in caso di emorragie, gravidanza e allattamento) provoca anemia, debolezza, esaurimento, confusione mentale, letargia, irritabilità, stipsi, mal di testa, unghie fragili e vulnerabilità alle infezioni.

 

Fabbisogno giornaliero di ferro

L’apporto giornaliero del ferro attraverso l’alimentazione è tra 10 e 18 mg al giorno (30 mg in caso di gravidanza), il suo assorbimento avviene nell’intestino tenue ed è facilitato se assunto insieme ad:

 

Effetto del ferro sulla psiche e sullo spirito

Il ferro stimola il soggetto e accresce la motivazione personale attraverso l’aumento del dinamismo, della costanza, della volontà, dello spirito di affermazione e dell’entusiasmo.

Il ferro infonde calma e sicurezza, libera la coscienza dalle preoccupazioni e permette all’individuo di riflettere con mente aperta. In mancanza di ferro si possono verificare casi di depressione.

 

Quali sono gli alimenti ricchi di ferro?

Legumi ricchi di ferro

 

Modalità d’uso

Secondo l’oligoterapia, la forma catalitica dell’oligoelemento permette all’organismo di ristabilirne l’equilibrio senza carenze o eccessi. Il ferro ha un’azione antianemica ed è usato spesso in caso di emorragia, gravidanza, stress, stanchezza e infezioni, anche in associazione con Manganese-Rame-Cobalto: infatti, la presenza di rame è fondamentale per la sintesi dell’emoglobina e quindi agisce in concomitanza con il ferro in caso di anemia.

In cristalloterapia si usa mettere a contatto diretto con il corpo i minerali ad alto contenuto di ferro, come l’ematite, la magnetite e la pirite, per ottenere i risultati desiderati.

 

Curiosità e cenni storici

Il nome deriva dal latino ferrum, ferro. A causa della sua duttilità, in età preistorica era già utilizzato sia a scopo decorativo che per la produzione di armi e utensili. Le prime prove di uso del ferro vengono dai Sumeri e dagli Ittiti, che già 4000 anni prima di Cristo usavano questo metallo recuperato da meteoriti per ricavare piccoli oggetti come punte di lancia e gioielli. Poiché le meteoriti cadono dal cielo, gli antichi latini chiamarono il ferro sider, cioè “stella”, e da ciò è derivato l’aggettivo siderurgico.

Durante l'età del Ferro, nel I millennio a.C., le tecniche di lavorazione divennero sempre più raffinate e questo metallo sostituì quasi completamente il bronzo, segnando l'inizio della moderna metallurgia.

In alchimia, il ferro è associato a Marte, all’elemento fuoco e al colore rosso. Secondo la tradizione popolare possiede virtù protettive contro gli spiriti maligni e i demoni della malattia: i ferri di cavallo e i chiodi di ferro di cavallo sono antichi strumenti magici e propiziatori e furono usati per la prima volta nell’antica Grecia.

 

LEGGI ANCHE
Gli integratori naturali di ferro: quali sono e quando assumerli

 

Altri articoli sul ferro:
>  Un metallo contro l'anemia: il ferro
>  La carenza di ferro nella dieta
>  L'anemia da carenza di ferro
>  Quanto ferro è bene introdurre nella nostra alimentazione?

Ferro, effetti della carenza e dell'eccesso

Sai come assimilare il ferro?

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy