Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

VITAMINE

Eccesso di vitamina C

L'eccesso di vitamina C può causare calcoli ai reni e aumentare il ferro in circolo nell'organismo. Scopriamo quali sono i sintomi, le cause e l'alimentazione per curarlo.

>  I sintomi dell'eccesso di vitamina C

>  Le cause

>  Eccesso di vitamina C e alimentazione

Eccesso vitamina C

 

I sintomi dell’eccesso di vitamina C

L'apporto di vitamina C a dosi elevate, ovvero intorno alla soglia del 100 mg, sembra sufficientemente sicuro per una persona sana e adulta, ma con dosi superiori si riscontrano effetti indesiderati.

Tra i sintomi dell’eccesso di vitamina C si riscontra anzitutto un’aumentata produzione di ossalati, quindi un aumento di calcoli ai reni. Più vitamina C è in circolo nell’organismo, maggiore è l’assorbimento intestinale del ferro, quindi un altro dei rischi possibili è un’overdose del minerale.

Altri sintomi ed effetti indesiderati sono nausea, mal di testa, bruciori e mal di stomaco, gastrite, diarrea, vomito, crampi addominali. Più raramente si riscontrano sintomi quali debolezza, vertigini, stanchezza e vampate di calore. L’erosione dentale si può verificare masticando frequentemente compresse che la contengono.

Elevate dosi di vitamina C possono interferire con l’ assorbimento e il metabolismo della vitamina B12 e possono anche interagire con erbe o prodotti dall’azione ormonale, antibatterica e anticoagulante.

 

Le cause dell’eccesso di vitamina C

L’eccesso di vitamina C può essere causato da un abuso di integratori o da una dieta sbilanciata, oltre che da un cattivo funzionamento degli organi preposti all’assorbimento e all’assimilazione.

La maggior parte della vitamina C viene infatti assorbita attraverso la membrana della mucosa della bocca, dello stomaco e della parte superiore dell’intestino tenue. Il corpo umano sano contiene circa 5000 mg di vitamina C, di cui 30 mg si trovano nelle ghiandole surrenali, 200 mg nei fluidi extracellulari e il resto distribuito variabilmente in tutte le cellule del corpo.

Alcune persone che, per predisposizione genetica o per assorbimento alterato, assumono grandi quantità di vitamina C possono andare incontro a formazione di calcoli renali. In questi casi c’è necessità di ridurre l’assunzione di vitamina C.

 

Scopri anche gli integratori naturali alimentari di vitamina C

 

Eccesso di vitamina C e alimentazione

La dose quotidiana di vitamina C raccomandata è di circa 90 mg/giorno per gli uomini e 75 mg/giorno per le donne.

Per correggere un eccesso di vitamina C è anzitutto fondamentale bilanciare la dieta, riducendo per un certo periodo il consumo di frutta e verdura che ne contengono in grandi quantità, soprattutto peperoni, cavolfiori, frutti rossi, kiwi e agrumi.

La cottura degli alimenti è preferibile, invece che il consumo crudo, in quanto riduce la quantità di vitamina C che vi è contenuta. Bere molta acqua ne aiuta l’eliminazione per via urinaria.

 

Quali sono gli alimenti ricchi di vitamina C?

 

Immagine | Rubyrockets.com

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy