Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

FITOTERAPIA E DISTURBI

Come dimagrire con la fitoterapia

Per dimagrire, in fitoterapia, si utilizzano piante officinali ad azione coadiuvante, nell'ambito di diete ipocaloriche controllate, per la riduzione del peso corporeo. Alcune di queste svolgono un'attività stimolante sul metabolismo basale, altre favoriscono il fisiologico processo della termogenesi, altre ancora intervengono per sintesi enzimatica o perché in grado di limitare l'assorbimento di grassi e zuccheri. Vediamo i vari rimedi fitoterapici per dimagrire.

1. Le piante officinali

2. I minerali utili per dimagrire

Dimagrire

Il tessuto adiposo ha diverse importanti funzioni nel corpo umano: costituisce una notevole riserva di sostanze energetiche e di acqua; agisce come isolante, limitando la dispersione di calore dalla superficie corporea; e facilita l’adattamento delle diverse parti dell’organismo fra di loro.

In condizioni normali esso costituisce circa il 10% del peso totale, mentre accumuli patologici si hanno nell’obesità e in alcuni disturbi ormonali, in quanto il tessuto adiposo ed è strettamente collegato al metabolismo basale (definito come il minimo dispendio energetico necessario a mantenere le funzioni vitali e lo stato di veglia) di cui segue le oscillazioni.

Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia impiegata in condizioni di neutralità termica, dal soggetto sveglio, ma in uno stato di totale rilassamento fisico e psichico, a digiuno da almeno 12 ore; ed è influenzato dallo stato nutrizionale e dal tipo di dieta; fattori ormonali; gravidanza e allattamento (aumenta soprattutto nella fase finale della gestazione); stati di ansietà; e utilizzo di farmaci (i sedativi lo rallentano, mentre gli stimolanti lo aumentano).

In un individuo sano e sedentario rappresenta circa il 65-75% del dispendio energetico totale. Per queste ragioni, il tessuto adiposo aumenta quando la quantità di alimenti introdotta supera il fabbisogno, in rapporto al consumo di energia.

 

Lo sapevi che alcuni integratori aiutano a dimagrire? Scopri quali!

 

Le piante officinali per dimagrire

  • Citrus aurantium: il fitocomplesso contenuto nella scorza del frutto acerbo e disseccato dell'arancio amaro è capace di far diminuire sensibilmente il grasso in eccesso, attraverso un aumento della cosiddetta termogenesi. La termogenesi è un particolare processo metabolico, che consiste nello stimolare l'organismo nella produzione di calore, per sciogliere l'adipe depositato. Questo estratto contiene una rara composizione di amine simpaticomimetiche, responsabili della sua azione termogenetica selettiva sui recettori adrenergici beta-3, presenti principalmente nel tessuto adiposo e nel fegato, responsabili dei processi di demolizione dei grassi (lipolisi). 
  • Fucus: conosciuto anche col nome di quercia marina, è impiegato in fitoterapia per dimagrire, perché costituisce una grande fonte naturale di iodio. Questo minerale è un nutriente essenziale per la ghiandola tiroidea. Essendo il componente principale del fucus, lo iodio può aiutare in una condizione di aumento di peso dovuto a un metabolismo lento o a un malfunzionamento della tiroide. Per questa ragione è ottimo starter nelle diete per ridurre il sovrappeso, in quanto accelera il metabolismo basale così da utilizzare le riserve di grasso più velocemente, e di conseguenza a portare gradualmente ad un maggior controllo del peso. La presenza degli alginati nel fitocomplesso gli conferiscono anche una leggera azione lassativa simile a quella delle fibre alimentari. 
  • Chitosano: è un polimero della D-glucosamminache che si ottiene dalla chitina, un componente dello scheletro dei crostacei. Questa molecola possiede la capacità di catturare il grasso per essere poi eliminata attraverso le feci al livello intestinale. Il chitosano è utile perciò per limitare l'assorbimento dei carboidrati e dei grassi, favorendo così l'equilibrio tra massa grassa e massa magra (o muscolare). crostacei
  • Glucomannano: la sua radice contiene una fibra alimentare non assimilabile, capace di gonfiarsi a contatto con l'acqua e aumentare fino a 80 volte il suo volume, rispetto alla droga. Questa capacità conferisce alla pianta un'azione saziante di tipo meccanico a livello gastrico. In quanto fibra, il glucomannano è anche in grado di ridurre l'assorbimento intestinale dei grassi e degli zuccheri, interferendo beneficamente col loro processo di assimilazione.
  • Garcinia: in fitoterapia è utilizzata la garcinia per perdere peso e abbassare il tasso di colesterolo dal sangue. L'idrossicitrato contenuto nella buccia del frutto aiuta a sintetizzare ed eliminare i grassi, riducendo l'ipercolesterolemia e i trigliceridi. Questa sostanza è naturalmente presente nel nostro corpo con la funzione di sciogliere il tessuto adiposo, dove si accumulano le sostanze degli alimenti assimilati, non ancora utilizzate dall'organismo per produrre energia. 
  • Gymnema: l'acido gymnemico contenuto nelle foglie svolge un'azione ipoglicemizzante attraverso l'inibizione dell'assorbimento degli zuccheri e la trasformazione metabolica a livello cellulare. In altre parole rende disponibile le riserve del glucosio, impedendo per il 50% l'assorbimento degli zuccheri semplici e di quelli complessi (carboidrati). La pianta ha anche un’azione “anti-dolce”, infatti, mettendo sulla lingua una piccola quantità di gymnema, entro pochi istanti è annullata la percezione del dolce e dell'amaro (lasciando inalterata invece la percezione del gusto salato, acido e metallico), e si ha appunto meno voglia di “dolce”. La capacità della gymnema di sintetizzare e agevolare lo smaltimento degli zuccheri le conferisce anche un’azione dimagrante, favorendo la perdita di peso, in presenza di un’alimentazione ricca di zuccheri e carboidrati come dolci, pane e pasta.

 

Dimagrire con i minerali

Il cromo è un minerale che potenzia la funzione dell’insulina e influenza il metabolismo dei carboidrati, delle proteine e dei grassi.

L'uso del cromo negli integratori alimentari dimagranti come additivo per perdere peso e per migliorare il controllo degli zuccheri nel sangue nelle persone diabetiche è giustifiucato dal fatto che, potenziando l'effetto dell'insulina, apporta un effetto benefico sull'anabolismo proteico a livello muscolare.

Un aumento della massa muscolare, a sua volta, accelerando il metabolismo basale favorirebbe anche la diminuzione del grasso corporeo

 

I rimedi omeopatici per dimagrire

 

Altri articoli sui metodi per dimagrire:
>  La natura e l'ago della bilancia: la fitoterapia per dimagrire
>  Dimagrire in modo naturale con i prodotti fitoterapici per l'estate
>  Dimagrire con il fucus

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy