Logo

TUTTI GLI SPECIALI

Cachi, proprietà e benefici

Cachi: nome di battesimo

Diaspyros kaki, appartiene al genere delle Ebenacee.

 

Cachi: dicono di loro

Simbolo dell’autunno, l’albero del cachi ha una tradizione antichissima. La sua coltivazione risale a circa 2.000 fa ed è stata avviata in Cina. I cachi italiani più pregiati sono quelli coltivati in Sicilia.

 

Cachi, alleati di

Intestino tenue, pelle, prostata, fegato, milza, pancreas, stomaco.

 

Proprietà dei cachi

Il frutto del cachi è ricchissimo di potassio, ma contiene anche altri sali minerali tra cui magnesio, fosforo, calcio e sodio. Ha, inoltre, un'elevata percentuale di zuccheri (circa il 12%) ed è piuttosto ricco di fibre alimentari. Vanta anche una buona quota di vitamine, in particolare vitamina C.

Essendo molto ricco di zuccheri dà molta energia e non è certo dietetico; apporta infatti circa 70 calorie per 100 grammi di frutto. Non è quindi adatto a chi soffre di diabete e a chi deve seguire diete ipocaloriche, ma è ottimo per chi ha bisogno di combattere lo stress psicofisico.

Contiene zuccheri semplici, che quindi vengono assorbiti facilmente dall’organismo; per questo motivo è adatto a chi ha bisogno di energia immediata, per esempio a chi pratica attività sportive.

Grazie al contenuto di fibre, è un buon rimedio contro la stitichezza.

Ha virtù epatoprotettrici ed è consigliato in caso di cure antibiotiche, in quanto aiuta a mantenere in salute la flora intestinale.

 

Sapevate che

  • Il legno della pianta del cachi viene usato per la produzione di mazze da golf perché è molto duro e resistente.
  • Dopo l’esplosione atomica di Nagasaki sopravvissero solo alcuni alberi di cachi, per questo motivo venne considerato un simbolo di pace.
  • Si dice che il primo albero di cachi italiano fu coltivato nel giardino di Boboli a Firenze.

 

Una ricetta nella manica

Per beneficiare di tutte le proprietà, il frutto del cachi va mangiato crudo. Con la cottura si perde molto in termini di nutrienti. Quindi, l’ideale è mangiarlo con un cucchiaino, oppure nei centrifugati di frutta e nella macedonia. Si può poi frullare e realizzare un composto per insaporire lo yogurt o per condire una crepe dolce. È ottimo per la colazione dell'autunno.

 

Vedi anche

Le virtù della frutta d'autunno

CONTENUTI SU CACHI PAGINA SUCCESSIVA