Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

SEMI OLEOSI

Arachidi, proprietà e uso

Le arachidi sono i frutti di una pianta erbacee ipogea (Arachis hypogaea) appartenente alla famiglia delle Fabacee. I semi sono un'importante fonte di vitamine e sali minerali, utili per la salute della pelle e del sistema nervoso. Scopriamole meglio.

>  Principali nutrienti delle arachidi

>  Le proprietà

>  Le arachidi in cucina

Arachidi, proprietà e uso

 

Principali nutrienti delle arachidi

Le arachidi, conosciute anche come noccioline americane, sono semi molto proteici (composte per circa il 28% da proteine) e una preziosa fonte naturale di diverse sostanze utili alla salute come le vitamine E e PP, l'acido folico, l'arginina e il coenzima Q10 (presente in pochi altri alimenti).
Forniscono all'organismo un buon apporto di fibre e sali minerali, tra cui zinco, potassio, fosforo, manganese, magnesio e rame.

 

Proprietà

Le arachidi sono antiossidanti naturali molto potenti, al pari di fragole, more e carote. Mantengono giovane l'organismo e preservano la bellezza della pelle.
Il loro contenuto di arginina le rende preziose per i bambini in fase di crescita, mentre quello di  vitamina PP è  importante per la circolazione sanguigna e la salute del sistema nervoso.
L'ottima concentrazione di acido folico rende le arachidi un alimento che stimola la fertilità ed è fondamentale durante la gravidanza.
Da alcuni studi è emerso che le arachidi, grazie al coenzima Q10, sono un valido aiuto per chi soffre di mal di testa.

 

Funghi medicinali per l'infertilità

 

Le arachidi in cucina

La coltivazione delle arachidi nel nostro Paese è concentrata soprattutto in Veneto e in Emilia Romagna.
Le arachidi in Italia sono molto utilizzate come snack, soprattutto nella versione caramellata... chi non ne ha mai sgranocchiate durante fiere e sagre di paese?
Dalla spremitura delle arachidi si ottiene un olio dal sapore delicato e molto più economico rispetto all'olio d'oliva che viene utilizzato per le fritture.

In America è di uso comune il burro d'arachidi, una pasta composta dalle arachidi macinate, olio di palma, sale e zucchero. L'origine di questo burro sembra risalire alla fine del 1800, epoca in cui la povertà precludeva a molte famiglie la carne e  si cercò un alimento sostitutivo che avesse un importante apporto proteico ma un prezzo accessibile.

Sfiziosi semi da consumare con attenzione!
Questi semi, seppur molto salutari e nutrienti, vanno consumati con moderazione visto l'elevato apporto calorico e considerato che vengono spesso commercializzati con l'aggiunta di sale.
Le arachidi sono inoltre un alimento a rischio alfatossine, bisogna perciò prestare molta attenzione all'aspetto di questi semi prima di consumarli: se appaiono alterati, scuri o ricoperti da una polverina grigia è bene evitare di mangiarli.
Possono essere anche causa di allergia alimentare (al terzo posto dopo latte e uova) e in soggetti allergici possono provocare sintomi come asma e shock anafilattico.

 

Di Stefania Puma

 

LEGGI ANCHE
Tutti i benefici e le proprietà dell'olio di arachidi

 

Altri articoli sulle arachidi:
>  Le arachidi tra gli ingredienti delle ricette vegan
>  Arachidi e pistacchi tra la frutta secca che fa bene

Arachidi, coltivazione della pianta

 

Immagine | OhNuts

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy