Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

ALIMENTAZIONE BIOLOGICA

Agricoltura sostenibile

Con il termine di agricoltura sostenibile si intende un'agricoltura rispettosa non solo delle risorse naturali ma anche ma anche del lavoratore e produttore. Scopriamola meglio

>  Che cosa è l'agricoltura sostenibile

>  I passi verso una agricoltura sostenibile

>  Le finalità

Agricoltura sostenibile


Che cosa è l'agricoltura sostenibile

Il concetto di agricoltura sostenibile è molto ampio e complesso. Può essere visto dal punto di vista ambientale, intendendo un'agricoltura rispettosa delle risorse naturali quali acqua, fertilità del suolo, biodiversità, e che non utilizzi sostanze chimiche inquinanti.

Si può parlare di agricoltura sostenibile dal punto di vista sociale, cioè la capacità dell'intera produzione agroalimentare mondiale di far fronte alla domanda globale, non solo dei paesi industrializzati, ma anche di quelli in via di sviluppo.

Si può infine intendere l'agricoltura sostenibile dal punto di vista economico, cioè vantaggiosa per l'agricoltore favorendo un reddito equo (commercio equo-solidale), la tutela della salute dell'operatore e il miglioramento della qualità della vita degli agricoltori e dell'intera società.

 

Quali sono i passi verso un'agricoltura sostenibile?

Non esiste un unico modo per fare agricoltura sostenibile. I modelli agricoli che mettono in pratica i principi e le tecniche sostenibili sono diversi:

  • Agricoltura Biologica: è un metodo di produzione effettuato nel rispetto del regolamento europeo CEE 2092/91, ammette solo l'utilizzo di sostanze naturali, evita lo sfruttamento eccessivo delle risorse quali suolo, acqua e aria. Le aziende agricole certificate bio non utilizzano sostanze chimiche di sintesi  (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi), ma si servono di fertilizzanti naturali e della rotazione delle culture. www.aiab.it
  • Agricoltura Biodinamica: è un principio di produzione basato sulla visione antroposofica del mondo, elaborata dal filosofo austriaco Rudolf Steiner nel 1924. La biodinamica ha come fondamento il rispetto dell'ecosistema terrestre tenendo in considerazione le leggi cosmiche (soprattutto le fasi lunari) e l'attivazione della vita nel suolo, in modo che le piante possano autoregolarsi e adattarsi alle condizione esterne. Non si utilizzano concimi chimici, né fitofarmaci ed è prevista la somministrazione in dosi omeopatiche di preparati naturali per favorire la fertilità del suolo e la crescita delle piante. www.agricolturabiodinamica.it
  • Permacultura: è una disciplina ideata da Bruce Charles 'Bill' Mollison (Stanley, 1928), scienziato e naturalista australiano. Con il termine permacultura, non si intende solo l'insieme di pratiche agricole orientate al mantenimento naturale della fertilità del terreno, ma anche un sistema integrato di progettazione che intreccia tematiche proprie dell'architettura, dell'economia, dell'ecologia e dei sistemi giuridici per le imprese e le comunità. La permacultura è un metodo per progettare e gestire paesaggi antropizzati in modo da soddisfare i bisogni della popolazione quali cibo ed energia e permettere la sostenibilità degli ecosistemi naturali. www.permacultura.it
  • Ecovillaggi: è un tipo di comunità che si pone come obbiettivo principale la sostenibilità ambientale, sperimentando stili di vita diversi da quelli imposti dall'attuale sistema socio-economico. L'adesione dei partecipanti è volontaria e prevede la progettazione di nuclei abitativi per ridurre al minimo l'impatto ambientale, l'utilizzo di fonti di energia rinnovabile e l'autosufficienza alimentare basata sulla permacultura o su un'agricoltura biologica. In sintesi  l'ecovillaggio permette di soddisfare molti bisogni fondamentali, come casa, cibo e lavoro , garantendo alla comunità una qualità di vita migliore non legata alle dinamiche di consumo e globalizzazione proposte dalla società odierna. www.ecovillaggi.it
  • Agricoltura solidale: i prodotti da agricoltura solidale e sostenibile crescono su terreni liberi dallo sfruttamento delle persone, liberi da ricatti, estorsioni e mafie. E' un'agricoltura che rispetta l’uomo e l’ambiente, basata su relazioni dirette, solide e di fiducia, per ridurre la distanza tra chi la terra la coltiva e chi ne gode i frutti.

 

Le finalità dell'agricoltura sostenibile e solidale

L'agricoltura solidale propone un modello di economia fondato su un codice etico vincolante per tutti i soggetti che lavorano in questo settore e finalizzato a:

  1. migliorare le condizioni di vita dei produttori aumentandone l’accesso al mercato, pagando le loro merci a un prezzo più equo ed assicurando continuità delle relazioni commerciali,
  2. promuovere opportunità di sviluppo per produttori svantaggiati, specialmente gruppi di donne e popolazioni indigene e proteggere i bambini dallo sfruttamento,
  3. divulgare informazioni sui meccanismi economici di sfruttamento, tramite la vendita dei prodotti, favorendo e stimolando nei consumatori la crescita di un atteggiamento alternativo al modello economico dominante e la ricerca di nuovi modelli di sviluppo, 
  4. proteggere i diritti umani promuovendo giustizia sociale, sostenibilità ambientale, sicurezza economica, promuovere un uso equo e sostenibile delle risorse ambientali. 

 

LEGGI ANCHE

L'agricoltura sostenibile tra le risorse per risolvere l'emergenza fame

Altri articoli sull'agricoltura sostenibile:

Food forest, la foresta commestibile, alternativa all'orto

Scopri quand'è la Giornata internazionale per la biodiversità

Lotta alla desertificazione: difendere la terra dall'uomo

Decrescita, mito o realtà possibile?

Quinoa e sostenibilità

>  Dévelo: un laboratorio di ecologia e solidarietà

 

Immagine | Wno.org

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy