Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

SONNO

Sonno dei bambini

Il sonno dei bambini è privo di strutture complesse ed è regolato essenzialmente da condizioni istintive primarie. La sua qualità può dipendere da diversi fattori. Scopriamolo meglio.

>  1. Sonno a singhiozzo

>  2. Fisiologia del sonno dei bambini

>  3. Disturbi del sonno dei bambini

>  4. Sonno per i bambini

>  5. Posizioni del sonno dei bambini

Sonno dei bambini, posizioni e disturbi

 


Sonno a singhiozzo

“Si sveglia a tutte le ore della notte!” Spesso i neo-genitori si lamentano in questi termini, preoccupandosi eccessivamente della condizione di salute dei loro bambini. In realtà i numerosi risvegli, soprattutto dei bambini molto piccoli, sono un fenomeno normale: è la regola!

A volte fino ai tre anni di età il ritmo sonno-veglia fatica a trovare il suo equilibrio.

 

Fisiologia del sonno dei bambini

In generale il sonno si articola in fasi REM, caratterizzate da un sonno leggero e più agitato, durante il quale si sogna, e in fasi NREM, nelle le quali il sonno è più profondo.

Questi cicli si alternano ogni 90 minuti circa e nei soggetti adulti il sonno più leggero è pari a circa il 20% dell’intero sonno. Nei bambini invece la percentuale di sonno leggero spazia dal 50 all’ 80% e l’alternanza dei cicli di sonno NREM e REM avviene ogni 60 minuti circa.

Il sonno dei neonati non segue ancora i ritmi circadiani scanditi da buio e luce, poiché si deve ancora completare lo sviluppo fisiologico dell’epifisi e la sua funzione di rilascio della melatonina.

Generalmente dormono circa 16 ore, frazionate nell’arco delle 24 ore. Nella fase più vulnerabile al risveglio, quella del passaggio da sonno NREM a REM, i bambini fino ai tre anni non hanno ancora sviluppato filtri che li proteggano da elementi disturbanti interni o esterni, di conseguenza è molto facile che si possano svegliare “a tutte le ore”.

 

Rimedi efficaci contro l'insonnia dei bambini

 

Disturbi del sonno dei bambini

Perché un bambino si sveglia? Cosa disturba il sonno di un bimbo? Come sopra descritto, il sonno di un bambino è privo di strutture complesse ed è regolato essenzialmente da condizioni istintive primarie, come la fame e la sete. Il ciclo sonno-veglia è spesso direttamente collegato a quello fame-sazietà: soddisfatte le esigenze primarie, il ritmo biologico del sonno riprende per circa 4 o 5 ore.

Nell’adulto sono presenti i complessi K e i fusi del sonno, che tra le altre cose, hanno la funzione di inibire le eccitazioni corticali e di proteggere il sonno da sollecitazioni leggere.

Nei bambini piccoli, questo tipo di schermo non è ancora sviluppato e di conseguenza input esterni come rumori, freddo o input interni come appetito, minzione, doloretti vari interrompono il sonno e svegliano anche i genitori!

 

Scopri i fiori di Bach per curare i disturbi dei bambini

Fiori di Bach per bambini

 

Sonno per i bambini

Da quanto detto sopra “dormire come un bimbo” non è propriamente sinonimo di sonno prolungato catatonico, ma solo di sonno senza pensieri, senza sovrastrutture.

Ma per i bambini andare a dormire non è sempre facile; spesso tendono a sforzarsi a rimanere svegli, si innervosiscono e diventano irascibili, ma non cedono. Generalmente devono poi intervenire i genitori per accompagnarli tra le braccia di Morfeo. Il momento del sonno è infatti vissuto diversamente da un bambino rispetto ad un adulto.

Non è sentito come necessità vera e propria ma ha una valenza più traumatica: un distacco affettivo dall’attività quotidiana e dai propri cari. È quindi importante trasmettere fin dai primi anni un’accezione positiva al sonno e sottolinearne l’importanza; associare ad esso un momento di attenzioni esclusive accompagnando il bambino a dormire, raccontandogli una fiaba, cullandolo e accarezzandolo.

Queste semplici cure introducono ad un sonno tranquillo, disteso e sereno, che ne garantisce un’ottima qualità e ben predispone al risveglio.

 

Posizioni 

È importante assicurarsi che i neonati non dormano in posizione prona, appoggiati sullo stomaco, ma possibilmente in quella supina. Questa attenzione può essere un accorgimento preventivo verso la Sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). A tal proposito si consiglia che il neonato dorma in un lettino proprio e non con i genitori.

L’ambiente deve essere confortevole e non troppo caldo. Per sollecitare il ritmo sonno-veglia è bene differenziare le condizioni del sonno notturno da quelle del diurno: per la notte l’ambiente deve essere buio e ovattato da rumori, mentre di giorno è meglio non schermare la luce naturale: in questo modo la ghiandola pineale riceve il messaggio corretto e la melatonina porterà il giusto equilibrio.

 

LEGGI ANCHE

Migliora la qualità del sonno di bambini e adulti con Stress Stop, rimedio floreale australiano

 

Altri articoli sul sonno dei bambini

>  Come favorire il sonno dei bambini
Il Tuina pediatrico contro i disturbi del sonno
Tutti i bambini fanno la nanna

Insonnia nei bambini: la melatonina è un valido rimedio?

Come aiutare il bambino a dormire bene?

Quali sono le cause dell'insonnia nei bambini?

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy