Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

BIANCOSPINO E PRESSIONE ALTA

Il biancospino è un rimedio naturale contro la pressione alta. Infatti questa pianta ha molte proprietà attive sulla regolazione della pressione sanguigna. Scopriamo come usare il biancospino per contrastare l'ipertensione.

Pressione alta

La pressione alta viene chiamata in gergo medico "ipertensione" e consiste appunto nel avere una pressione troppo alta nel circolo sanguigno. Solitamente la pressione sanguigna normale è compresa tra 100 e 140 mmHg per la sistolica e tra 60 e 90 mmHg per la diastolica.

Quando i parametri sono pari o superano i 140/90 mmHg possiamo parlare di pressione alta.

Nel 90% dei soggetti che soffrono di pressione alta la causa non è dipendente da condizioni patologiche e quindi non viene correlata a particolari situazioni fisiche. Ovviamente il restante 10% è invece causato da malattie che indeboliscono il cuore, i reni, le arterie o il sistema endocrino.

Quando abbiamo la pressione alta il nostro cuore è sotto sforzo perché la troppa pressione porta a tensione su tutte le pareti dei vasi sanguigni.

Questo può provocare delle micro lesioni nei vasi sanguigni con conseguenti cicatrici che possono con il tempo irrigidire l'elasticità dei vasi sanguigni.

Inoltre il colesterolo circolante potrebbe fermarsi nelle piccole anse di queste cicatrici vascolari e cominciare a formare coaguli di sangue molto pericolosi perché aumentano il rischio di ictus a infarto.

Le persone che hanno la pressione alta spesso riscontrano anche un temperamento ansioso e nervoso dovuto proprio dalla tensione continua all'interno del proprio corpo. Aiutare a distendere, rilassare evitando le situazioni stressogene è sicuramente un'ottima soluzione per i soggetti con ipertensione.

 

Il biancospino: rimedio per l'ipertensione

Il biancospino è uno dei rimedi erboristici più utilizzati per aiutare a contrastare la pressione alta e l'uso dei rimedi ottenuto dalle sue foglie e dai suoi fiori aiuta anche come ansiolitico naturale e come ipotensivo.
Crataegus Oxyacantha è il suo nome scientifico e il suo portamento è di un arbusto spinoso che cresce spontaneo in quasi tutta la nostra penisola.

Sin dai tempi antichi è utilizzato per aiutare il cuore e per calmare il corpo tanto che è uno dei rimedi tradizionali dell'erboristeria europea.

La composizione del fitocomplesso del biancospino vede presenti molti antiossidanti come i flavoinoidi ed altri principi attivi specifici come i proantocianidoli e la vitexina.

Questi principi attivi del biancospino agiscono direttamente sulle pareti delle arterie e dei vasi sanguigni riuscendo a dilatarle e rilassarle. Queste azioni hanno un ottima ripercussione  per abbassare la pressione sanguigna e per distendere il corpo.

La presenza dei flavonoidi rende il biancospino un ottimo antiossidante che riesce a contrastare i radicali liberi rallentando la loro azione di invecchiamento sulle cellule.

Abbassando così lo stress ossidativo del corpo questi flavonoidi presenti nel biancospino diventano ottimi alleati per abbassare la pressione alta e aiutare tutto l'apparato cardiocircolatorio. Inoltre i flavonoidi agiscono per contrastare il colesterolo cattivo abbassando quindi il rischio di accumulo nel circolo e riescono persino ad avere un azione protettrice del cuore.

Infatti il biancospino è un riequilibratore del ritmo del cuore che oltre a migliorare la funzione cardiaca, regolando il battito e la forza di contrazione del muscolo cardiaco.

La presenza di questi antiossidanti permette anche un'azione diretta sulla dilatazione delle arterie incoraggiando l'aumento del flusso del sangue al cuore e abbassando così la pressione in circolo.

Questo effetto di distensione viene avvertito anche nel caso di un ipertensione nervosa dove è presente uno stato di ansia e nervosismo nel soggetto e questo effetto distensivo aiuta ad abbassare l'ipertensione.

Il biancospino inoltre contiene i proantocianidoli che hanno proprietà cardiotoniche capaci di rafforzare il cuore e tutto l'apparato cardiocircolatorio.

Nei soggetti che soffrono di problemi al cuore come le aritmie questi principi attivi sono capaci di agire direttamente sull'attività contrattile del cuore migliorandone la forza e la potenza oltre che equilibrando il ritmo del battito.

Infine il biancospino grazie alla vitexina riesce ad avere un azione rilassante e sedativa che aiuta in tutte le situazioni di agitazione, stress, ansia e insonnia. Questa sostanza ha anche un azione sedativa che agisce come distensivo sul sistema nervoso.

Il biancospino è un antistress naturale che rilassa tutto il corpo aiutando a riequilibrare la funzionalità del cuore, ad abbassare la pressione e a calmare il corpo a livello psicofisico.

 

Biancospino: modalità d'uso e avvertenze

Il biancospino possiamo trovarlo come forma per tisana in fiori e foglie essiccate da preparare in infusione per almeno 10-15 minuti. Possiamo anche trovare la corteccia o i frutti del biancospino essiccati e questi vengono invece preparati come decotto.

Questi rimedi sono indicati per le persone che soffrono di ipertensione leggera e possono assumere una o due tazze al giorno di questo infuso per migliorare la situazione.

La tintura madre di biancospino è un altro rimedio naturale che possiamo assumere per via orale. Solitamente vengo assunte 20 gocce per 3 volte al giorno di estratto idroalcolico di biancospino diluite nell'acqua. I tempi di assunzione devono essere lontano dai pasti e una volta prima di andare a dormire.

Il biancospino inoltre possiamo acquistarlo in capsule di estratto secco che può essere assunto nelle dose che vengono indicate nell'etichetta dell'integratore naturale. Rispettare il dosaggio, i tempi di assunzione e le modalità è estremamente importante quando cerchiamo aiuto in questi rimedi erboristici perché anche se sono naturali hanno azioni significative sulla fisiologia del nostro corpo e dovremo stare attenti a non abusarne.

I rimedi a base di biancospino possono essere acquistati nei negozi specializzati di prodotti naturali come le erboristerie ma anche la grande distribuzione comincia ad avere uno scaffale dedicato agli integratori naturali per il benessere del corpo.
Il tempo di azione dei rimedi a base di biancospino richiedono almeno qualche settima di trattamento per vedere i primi effetti benefici sulla salute.

Diventa necessaria quindi l'assunzione per almeno un mese di rimedi naturali a base di biancospino. Prima di assumere questi rimedi è sempre bene chiedere informazioni al proprio erborista o fitoterapeuta di fiducia e di avvertire il nostro medico di ogni scelta che concerne il nostro benessere.

Infine la lettura delle etichette dei prodotti che acquistiamo come rimedi e integratori naturali danno tutte le specifiche informazioni che servono per assumerli in tutta sicurezza.

 

Leggi anche Gli effetti collaterali del biancospino >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: