Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

TINTURE MADRI

Tintura madre di Meliloto

 

 

 

Proprietà della tintura madre di meliloto

Le sommità fiorite del Melilotus officinalis contengono flavonoidi, tannini e glucosidi cumarinici, che per idrolisi enzimatica, rilasciano cumarine. Tra queste quella maggiormente rappresentata è il melilotoside, il quale si trasforma poi in cumarina. il cui effetto principale è quello sul drenaggio linfatico.

La tintura madre di meliloto è perciò indicata nel trattamento dell'insufficienza venosa e linfatica, in presenza di edemi e gonfiori agli arti inferiori, ritenzione idrica, vene varicose, flebiti, gambe pesanti, emorroidi e celulite, in quanto migliora la microcircolazione periferica; la circolazione venosa e linfatica, rinforza le pareti delle vene e fluidifica il sangue.

Inoltre l'estratto idroalcolico della pianta possiede proprietà calmanti, spasmolitiche utili in caso di insonnia, stati di nervosismo e irritabilità 

 

LEGGI ANCHE LE TISANE PER DORMIRE

 

Descrizione della pianta

Il meliloto è diffuso in tutta l'Europa a clima temperato, cresce nei campi o nei luoghi incolti e semiassolati. Pianta erbacea annua e biennale ha uno o più fusti eretti o prostrati, glabri, portanti foglie alterne, trifogliate, oblunghe a margine seghettato. I fiori gialli sono raccolti in racemi a forma di spiga, ascellari. Il frutto è un legume glabro, verdastro a maturità. 

 

Preparazione

La “droga” (parte utiilizzata) corrisponde alla parte aerea fiorita, raccolta in tarda primavera-estate. Si utilizza la pianta fresca, poiché secca perde buona parte delle sue proprietà. La tintura madre di meliloto si prepara con rapporto in peso droga: solvente di 1:10 e gradazione alcolica di 55% vol

 

Utilizzo

Le tinture madri non presentano controindicazioni se non quelle della pianta stessa, diluite in poca acqua possono essere somministrate a tutti, l'alcool in esse contenuto viene così diluito, per cui risulta innocuo. Da usare con prudenza nei soggetti sottoposti a terapie basate su farmaci anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici o farmaci antinfiammatori. L’abuso può causare cefalea e nausea.

Uso interno: 40 gocce in poca acqua tre volte al giorno lontano dai pasti

 

In collaborazione con Erboristeria del Pigneto

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy