Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

SOSTANZE NATURALI E PRINCIPI ATTIVI

Proantocianidine: proprietà, uso, controindicazioni

A cura di Maria Rita Insolera, Naturopata

 

Le proantocianidine sono una famiglia di antiossidanti presenti nei vinaccioli, nel vino rosso e nella corteccia del pino marittimo francese, molto più potenti delle vitamine C ed E, da tempo considerate antiossidanti di altissimo livello. Scorpiamole meglio.

>  1. Che cosa sono le proantocianidine

>  2. Principali funzioni delle proantocianidine

>  3. Dove si trovano

>  4. Controindicazioni delle proantocianidine

 

Vino rosso ricco di proantocianidine

Vino rosso

 

Che cosa sono le proantocianidine

Le proantocianidine sono composti polifenolici dall’elevatissima azione antiossidante, utile per il microcircolo e la circolazione sanguigna.  

Molto diffuse in natura, le proantocianidine risultano utili nella prevenzione dalle malattie cardiovascolari, e hanno proprietà antinfiammatoria, antimutagena e antiedematosa.

 

Principali funzioni delle proantocianidine

La funzione principale delle proantocianidine è quella di contrastare l’azione dei radicali liberi. Esse agiscono grazie alla loro capacità di riciclare la vitamina C, di salvare la vitamina E dall’ossidazione e di estinguere una gamma di radicali liberi più ampia rispetto alla maggior parte degli altri antiossidanti. Eliminando i radicali liberi, le proantocianidine riducono gli effetti a essi correlati. In particolare:

  • Proteggono il cuore, riducendo il rischio di malattie. Riducono i grassi nel sangue, agiscono da emolliente sui vasi sanguigni, riducono la pressione sanguigna, prevengono la formazione di trombi.
  • Rafforzano e riparano il tessuto connettivo: contrastano la decomposizione del collagene e riparano i danni dei radicali liberi.
  • Agiscono come schermo solare naturale: i raggi del sole distruggono fino al 50% delle cellule cutanee; le proantocianidine riducono questo valore al 15% circa.
  • Migliorano la circolazione, rafforzando le pareti dei vasi sanguigni. Il loro impiego è dunque utile per chi ha un sistema circolatorio compromesso, come infartuati, diabetici, artritici, fumatori, utilizzatrici di contraccettivi orali e persone affette da insufficienze cardiovascolari.
  • Migliorano la funzione cognitiva. Riuscendo ad attraversare la barriera ematoencefalica, le proantocianidine sono in grado di combattere i radicali liberi direttamente all’interno dei vasi del cervello. Il risultato è un miglioramento dell’acutezza mentale e una minore esposizione all’apoplessia.
  • Moderano le reazioni allergiche e infiammatorie. Le proantocianidine inibiscono la produzione di istamina, infatti vengono utilizzare nel trattamento delle allergie.

 

Puoi approfondire le proprietà del picnogenolo, un tipo di proantocianidine

 

Dove si trovano 

Le proantocianidine sono state scoperte inizialmente in estratti di corteccia di pino marittimo. Successivamente, grazie a ulteriori studi, si è scoperto che i semi della Vitis vinifera sono molto ricchi di queste molecole, in particolare, quelli che appartengono alla varietà rubra.

I principi attivi contenuti nelle foglie raccolte in autunno, quando assumono sfumature rosseggianti, da cui trae origine il termine “vite rossa”, appartengono alla categoria dei polifenoli, in particolare dei bioflavonoidi (antocianidine e proantocianidine), e svolgono un'intensa attività antiossidante e antinfiammatoria.

Gli estratti secchi ricavati dai semi di Vitis vinifera possono raggiungere titolazioni pari all'85-90%. Le proantocianidine si trovano principalmente nella corteccia di pino, nei semi dell’uva e nel vino rosso, ma anche in agrumi e mirtilli. Gli estratti di proantocianidine sono disponibili come integratori sotto forma di compresse.

 

Controindicazioni delle proantocianidine

Le proantocianidine sono praticamente prive di tossicità, tuttavia è da evitare l’assunzione in caso di gravidanza e allattamento.

Alle proantocianidine contenute nell'estratto dei semi di uva sono state attribuite proprietà anticoagulanti, è quindi sconsigliato associarle a farmaci antiaggreganti piastrinici.

 

Proprietà, uso e controindicazioni della vite rossa, ricca di proantocianidine

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy