Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

ERBE E PIANTE OFFICINALI

ERBE E PIANTE OFFICINALI

Maca delle Ande, quando e come utilizzarla

La Maca delle Ande (Lepidium meyenii) è una pianta della famiglia delle Brassicaceae. La sua radice è ricca di principi nutritivi essenziali per l'organismo. Scopriamola meglio.

>  Proprietà della Maca delle Ande

>  Modalità d'uso

>  Controindicazioni della Maca delle Ande

>  Descrizione della pianta

>  Habitat dell'açai

>  Cenni storici

Maca delle Ande

 

Proprietà della maca delle Ande

La radice della maca contiene tutti i più importanti principi nutritivi, essenziali al nostro organismo, che la rendono praticamente un alimento completo. Ricca di aminoacidi essenziali (10,2%), sali minerali, vitamine, carboidrati, acidi grassi e fibre, la pianta rappresenta un prodotto naturale completo nella sua composizione chimica.

Grazie a questi costituenti presenta la capacità di migliorare la risposta allo stress e alla fatica, e la resistenza agli sforzi massimali. Queste proprietà, rinvigorente ed energizzante, sono attribuibili alla sua azione sulla glicogenesi, cioè la produzione di glucosio, a partire dalle riserve energetiche, rendendolo disponibile e circolante in caso di attività fisica o intellettuale.

La presenza degli aminoacidi (costituenti elementari delle strutture muscolari) le conferiscono proprietà anabolizzanti, perché aiuta ad aumentare la massa muscolare negli sportivi e quindi è indicata come supplemento alimentare nelle attività ad alto consumo energetico.

Ricca di vitamine A, C e del complesso B, di calcio, ferro e zinco, agisce beneficamente sul sistema nervoso ed è consigliata nella cura dell’anemia di varia natura, per la capacità di elevare il livello di emoglobina; e per rinforzare il sistema immunitario nel combattere tutti i sintomi influenzali come febbre, tosse e raffreddore.

La maca, grazie agli alcaloidi e agli steroli, ha anche una straordinaria azione equilibrante sul sistema ormonale nel suo insieme (ipotalamo, ghiandole surrenali, pancreas) capace di favorire la fertilità sia maschile, che femminile.

Da inserire come ingrediente principale nelle diete afrodisiache è conosciuta, infatti, come viagra peruviano, nelle donne agisce come stimolante della maturazione dei follicoli di Graff e dell’ingrossamento nell’endometrio. È perciò indicata alle donne in tutti i momenti della vita, perché riduce la sindrome pre-mestruale, è utile contro i dolori mestruali (dismenorrea), e regolarizza il ciclo; in gravidanza e allattamento agisce come remineralizzante e come abbiamo visto ha degli effetti benefici sull’utero.

Negli uomini favorisce un incremento del volume seminale, aumentando la quantità di sperma per eiaculazione, e migliora la motilità spermatica.

 

Modalità d'uso

Essendo considerata un alimentola dose di maca da assumere giornalmente non è ancora stata standardizzata in modo rigoroso, e può variare in funzione delle esigenze personali. In media si consigliano da 5 a 20g di radice essiccata (o farina), al giorno.

800-1000 mg estratto secco in compresse o capsule da assumere ai pasti

 

Scopri di più sulle proprietà e l'uso della farina di maca

Farina di maca

 

Controindicazioni della maca delle Ande

La maca delle Ande non ha mostrato particolari controindicazioni o effetti collaterali. Tuttavia si sconsiglia di assumerla senza un consulto specialistico.


Descrizione della pianta

Pianta erbacea annuale di piccole dimensioni, ma per la formazione di radici di accumulo può essere definita perenne. La radice è un tubero carnoso, simile alla rapa, di forma arrotondata, del diametro di circa 8 cm. e lunga fino a 14 cm, di colore variabile dal giallo a rosso scuro.

Le foglie sono basali piccole e alterne sui rami laterali. I fiori sono piccoli e apicali di colore giallo.

 

L'habitat della maca delle Ande

Nativa della Cordigliera delle Ande del Perù e della Bolivia, cresce tra i 2500 e 5000 m. in condizioni impossibili: venti molto forti, escursione termica estrema (dall’intenso calore del mattino al freddo gelido della notte) temperature sotto zero e luce solare molto intensa, su terreni molto poveri e rocciosi.

In questa zona ostile, dove c’è poco ossigeno, esistono rare vegetazioni; crescono solo patate amare e Maca. Non esistono alberi, ma solo piante di basse altezze.

 

Cenni storici

Nelle tribù precolombiane del Perù, come hanno dimostrato i numerosi ritrovamenti archeologici, la maca veniva considerata come un dono degli dei. Inoltre si coltivava come alimento, e a volte era usata come condimento nelle cerimonie di danza religiosa.

Il frate Antonio Vásquez de Espinoza in una descrizione dell'anno 1598 fa menzione del consumo di questa pianta da parte delle popolazioni locali, che la utilizzavano come un forte ricostituente afrodisiaco, capace di aumentare il desiderio sessuale tanto negli uomini che negli animali, e in particolar modo di promuovere la fertilità; e ci informa che dopo la conquista del Perù, i colonizzatori finirono con l’utilizzarla come imposta.

Solo nell’anno 1980, si mostrò interesse per questo potente tubero, anche grazie alle tante ricerche fatte da tedeschi e americani. Dopo quella data fu rinominata come: "la coltura persa degli Incas".

 

Quali sono i rimedi naturali per l'impotenza?


Altri articoli sulla maca:

Stress di primavera, in aiuto la Maca delle Ande

La maca tra gli antidepressivi naturale

La maca peruviana: proprietà, benefici e uso

La maca tra i rimedi per la disfunzione erettile



Immagine | Medicinalpedia.com | Blisstree.com

In collaborazione con Erboristeria del Pigneto


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy