Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

ERBE E PIANTE OFFICINALI

ERBE E PIANTE OFFICINALI

Garcinia, quando e come utilizzarla

La garcinia (Garcinia cambogia) è una pianta della famiglia delle Clussiaceae. Dall'azione brucia-grassi, è utile per regolare i livelli del colesterolo e degli zuccheri nel sangue. Scopriamola meglio.

>  Proprietà della garcinia

>  Modalità d'uso

>  Controindicazioni della garcinia

>  Descrizione della pianta

>  Habitat della garcinia

>  Cenni storici

Garcinia

 

Proprietà della garcinia

La scorza del frutto della garcinia contiene vitamine, carotenoidi, flavonoidi, polisaccaridi, pectine e l’acido idrossicitrico (HCA), in grado di inibire l’enzima ATP citratoliasi, di enorme importanza nella metabolizzazione dei grassi.

A differenza del più comune acido citrico, abbondante nei limoni e utilizzato dall'industria alimentare come conservante, l'acido idrossicitrico è estremamente raro in natura e se assunto è in grado sciogliere ed eliminare il grasso in eccesso dall’organismo. Gli studi hanno dimostrato che questo principio attivo blocca la sintesi di acetilcoenzima A, un substrato energetico utilizzato dall'organismo per la sintesi del colesterolo e altri lipidi.

La sua assunzione perciò permette di ridurre la produzione di colesterolo e trigliceridi (fino al 27%) a partire dagli zuccheri, per la sua attività ipocolesterolemizzante. Ha inoltre proprietà lassativa secondaria, dovuta, non a un’azione diretta sull’intestino, ma all’azione sul fegato, nel processo di sintesi e smaltimento del grasso.

Inoltre l'organismo, avendo a disposizione una grossa quantità di energia derivante dalla demolizione completa dei grassi, attraverso il ciclo dell'acido citrico, non sente il bisogno di ingerire altro cibo e da qui deriva la diminuzione del senso di fame. La Garcinia, evitando che si formi accumulo di tessuto adiposo, è consigliata in caso di obesità per la sua proprietà dimagrante e coadiuvante nel controllo del peso, nei regimi alimentari dietetici.

 

Modalità d'uso

USO INTERNO: 
500-1000 mg al giorno di estratto secco sottoforma di compresse o capsule in due somministrazioni a metà mattina e a metà pomeriggio.

 

Controindicazioni della garcinia

La garcinia non presenta nessuna controindicazione o effetto collaterale particolare. Nonostante questo, si consiglia comunque cautela in caso di gravidanza e allattamento, e di consultare un medico prima dell'assunzione. 

 

La garcinia tra gli integratori naturali per dimagrire: scopri gli altri

Integratori naturali per dimagrire

 

Descrizione della pianta

Piccola pianta legnosa sempreverde di modeste dimensioni con fiori sono unisessuali, sessili e ascellari. Le foglie sono verde scuro, lucide, a forma ellittica o ovale. Il frutto può assomigliare a una piccola zucca gialla.

 

L'habitat della garcinia

Originaria delle foreste del sud-est asiatico e delle zone a clima tropicale dell'India meridionale, dell'Indocina, della Cambogia e delle Isole Filippine e Vietnam.

 

Cenni storici

La Garcinia come molte Clusiacee, produce una resina di gomma arancio-marrone usata una volta come pigmento in polvere. Alcune oleoresine sono state sfruttate per le loro proprietà fisico-chimiche (isolanti, adesive, protettive) o medicinali. 
La buccia del frutto è utilizzata da secoli dalle popolazioni asiatiche che la consideravano il migliore brucia-grassi naturale, per la sua capacità di inibire l’assorbimento e l’accumulo del tessuto adiposo. 

 

LEGGI ANCHE
La garcinia tra i rimedi contro il colesterolo alto: scopri gli altri

 

Altri articoli sulla garcinia:
>  Come perdere peso con la garcinia

>  Una giornata in compagnia delle erbe dimagranti

 

Immagine | Garciniacambogiaxt.ca

 

In collaborazione con Erboristeria del Pigneto


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy