TUTTE LE GUIDE

ERBE E PIANTE OFFICINALI

Erisimo, quando e come utilizzarla

L’erisimo (Sisymbrium officinale) è una pianta della famiglia delle Brassicaceae. Nota per le sue proprietà antinfiammatorie e antisettiche, è utile per l'apparato respiratorio. Scopriamola meglio.

>  Proprietà dell'erisimo

>  Modalità d'uso

>  Controindicazioni dell'erisimo

>  Descrizione della pianta

>  L'habitat dell'erisimo

>  Cenni storici

Erisimo

 

 

Proprietà dell'erisimo

L’erisimo, detto anche “erba dei cantanti”, deve il suo nome all’azione antinfiammatoria e antisettica sulle vie respiratorie, in particolare il suo utilizzo è consigliato nel trattamento delle infiammazioni della gola, nei casi di afonia e disfonia (abbassamento o perdita momentanea della voce) conseguente a laringite, faringite e tracheite.

Le attuali conoscenze tendono ad attribuire queste proprietà alla presenza di mucillagini e a composti solforati, simili a quelli del rafano, che conferiscono all’erisimo attività fluidificante ed espettorante delle secrezioni bronchiali. Per questo motivo si rivela un ottimo rimedio per la tosse di varia natura; e per lenire la secchezza o le infiammazioni delle gole dei fumatori, degli attori e di coloro che lavorano con la voce.

 

Modalità d'uso

INFUSO1 cucchiaio raso parti aeree di erisimo, 1 tazza d’acqua 
Versare l’erisimo nell’acqua bollente e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 10 min. Filtrare l’infuso e berlo addolcito con del miele, in caso di mal di gola, tosse e raucedine.

- Tintura madre di erisimo: 30 – 40 gocce, 2 – 3 volte al giorno diluite in un po' d'acqua


Controindicazioni dell'erisimo

Si sconsiglia l'uso dell'erisimo in caso di allergia accertata alle Cruciferae e per i soggetti ipotiroidei. 

 

Scopri anche che cos'è e come si usa la tintura madre di erisimo

Tintura madre di erisimo

 

Descrizione della pianta

Pianta annuale con fusto eretto (60 cm) e ramoso. Le foglie basali sono picciolate, pennate, con lobi dentati, mentre quelle superiori sono intere e astate.

I fiori di colore giallino hanno dimensioni molto modeste e sono raccolti in grappoli. Il frutto è una siliqua di forma allungata, che contiene una ventina di semi oblunghi e scuri.

 

L'habitat dell'erisimo

È comune nei terreni incolti, ai bordi delle strade e vicino ai centri abitati sia in pianura, che in montagna.

 

Cenni storici

Il nome "Erisimo" deriva dal greco Eruo “io salvo” e Oimos “il canto” e per questa sua caratteristica era conosciuto sin dall’antichità; ma soltanto nel XVI secolo fu accuratamente studiato.

La pianta, infatti, per le sue proprietà curative divenne la pianta degli oratori, degli attori di teatro e dei cantanti durante il Rinascimento. Si racconta che nel 1951 il famoso tenore Tito Schipa due ore prima di entrare in scena fosse completamente afono e che, grazie a un decotto di erismo fu in grado di esibirsi.

 

LEGGI ANCHE
L'erisimo tra gli integratori antinfiammatori contro i mali di stagione

 

Altri articoli sull'erisimo:
L'erisimo tra le erbe per il mal di gola

 

Immagine | Www7a.biglobe.ne.jp

In collaborazione con Erboristeria del Pigneto