Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

ERBE E PIANTE OFFICINALI

ERBE E PIANTE OFFICINALI

Amamelide, proprietà e uso

L'amamelide (Hamamelis virgianana) è una pianta della famiglia delle Hamamelidaceae. Ricca di tannini solubili e flavonoidi, ha proprietà astringenti e antiemorragiche. Scopriamola meglio.

>  Proprietà dell'amamelide

>  Modalità d'uso

>  Controindicazioni

>  Descrizione della pianta

>  Habitat dell'amamelide

>  Cenni storici

Amamelide, proprietà e benefici

 

Proprietà dell'amamelide

Le foglie e la corteccia di amamelide contengono tannini solubili (acido amamelitannico), principi attivi che possiedono un particolare tropismo nei confronti delle membrane cellulari e delle pareti vascolari, esplicando un'azione vasoprotettrice, utile nelle vasculopatie; e un'azione riepitelizzante, da sfruttare in presenza di dermatiti di tipo allergico.

Inoltre la presenza di flavonoidi e di composti triterpenici contribuisce al tono muscolare delle pareti venose, compromesse nel corso delle infiammazioni. Per questo motivo l'amamelide è considerata un rimedio efficace nel trattamento dei disturbi del sistema circolatorio, come flebiti, varici ed emorroidi, fragilità capillare, capillari dilatati, tendenza alla formazione di lividi, cellulite, dove sia necessaria un'azione astringente

L'amamelide possiede anche proprietà antiemorragiche da utilizzare in caso di metrorragie e nei dolori mestruali con flusso ematico abnorme.  

 

Puoi approfondire tutti i rimedi naturali per l'allergia

Allergia, rimedi naturali

 

Modalità d'uso

La pianta è utilizzata per sia per uso interno sotto forma di infusiestratti idroalcolici (tintura madre), fluidimolli o secchi; e in uso esterno, in cosmesi, per preparare acque distillatecolliridopobarba lenitivi, tonici decongestionanti per la pelle delicata dei bambini, per le pelli con couperose, per lenire gli eritemi solari, per l'arrossamento della pelle del volto, in caso di acne, rosacea, e per creme contro la cellulite. L'Acqua distillata di Hamamelis è una preparazione cosmetica utile nelle infiammazioni della bocca, delle gengive, e per l'arrossamento degli occhi con iperemia, come ad esempio nella congiuntivite allergica. 

USO INTERNO
INFUSO: 1 cucchiaio foglie di amamelide, 1 tazza d’acqua 
Versare la pianta nell’acqua bollente e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 10 min. Filtrare l’infuso e berne 2 tazze al giorno lontano dai pasti.

Tintura madre di amamelide: 40 gocce in mezzo bicchiere d'acqua, da bere 2 volte al giorno, lontano dai pasti.

 

Controindicazioni

In caso di dosaggi eccessivi, l'amamelide può causare danni alla mucosa gastrica e stipsi. 

 

Descrizione della pianta

Simile al Nocciolo, l'Amalelide è una pianta a portamento arbustivo, che può raggiungere l'altezza di 6 m. Le foglie, caduche, di colore verde brunastro, e giallo ocra nella stagione autunnale; sono ovali od obovate, alterne, glabre, lunghe fino a 15 cm e larghe fino a 10 cm, con picciolo corto e robusto; il margine è irregolarmente dentellato e l'apice è brevemente acuminato ed ottuso.

Dalla nervatura mediana si dipartono, ad angolo acuto, da due lati, 5-6 nervature secondarie diritte o lievemente arcuate, che giungono al margine e sono fortemente rilevate sulla pagina inferiore. 

I fiori, che si aprono in genere nei mesi di settembre ed ottobre, sono riuniti a due o a tre in glomeruli ascellari, e posseggono quattro sepali e quattro petali gialli; ogni fiore presenta quattro stami e due stili. I frutti sono delle capsule legnose a due logge, lunghe 10-14 mm, che a maturità si aprono liberando uno o due semi scuri e lucidi. 

 

L'habitat dell'amamelide

Cresce spontaneo nelle coste orientali dell'America del Nord, nelle foreste umide del Canada e degli Stati Uniti Settentrionali 

 

Cenni storici

Gli Indiani d'America lo utilizzavano per le sue proprietà cicatrizzanti e gli attribuivano anche uno straordinario potere magico al punto di considerarlo uno "strumento di lavoro" degli sciamani, durante le loro pratiche rituali e propiziatorie. 

La scoperta dell'amamelide in ambito scientifico è però relativamente recente. Infatti nel 1731 Mark Caterby citò la pianta nella sua opera Natural History of Carolina, Florida and the Bahamas Islands e la fece introdurre in Europa, perché diventasse una pianta ornamentale.

Tuttavia la varietà Virginiana assunse col tempo col tempo sempre più importanza sotto l'aspetto terapeutico per le sue proprietà astringenti ed emostatiche, evidenziate dagli studi che risalgono agli inizi del '900, quando vennero individuati i tannini all'interno delle foglie e della corteccia

 

LEGGI ANCHE
L'amamelide tra gli ingredienti delle tisane per aiutare il metabolismo

 

A cura dell'Erboristeria del Pigneto

 

Immagine | Gobotany.newenglandwild.org

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy