Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

MALINCONICI? PROVATE LO YOGA DELLA RISATA!

Molte intramontabili pagine del celebre “Nome della Rosa” hanno come argomento di speculazione proprio il riso. Nell’invitare il lettore a cimentarsi con questo classico della letteratura, qui affrontiamo il tema da tutt’altro punto di vista, ma condividendo una delle tesi del libro: l'importanza di ridere, soprattutto per combattere la malinconia. Scopriamo lo yoga della risata

Il trend più consolidato nell’evoluzione dello yoga in occidente è quello che vede un graduale, ma inesorabile, spostamento della disciplina verso declinazioni sempre più “ginniche” e meno introspettive: l’acroyoga, il power yoga, il yogilates vanno tutti in questa direzione.

Desta pertanto particolare attenzione il tipo di yoga che ci apprestiamo a presentarvi: ormai quasi al compimento del suo ventesimo anno, ecco a voi lo yoga della risata!

 

Da un'intuizione alla metodologia: come nasce lo yoga della risata

Lo yoga della risata non è dunque una tipologia di yoga recente, ma sicuramente è meno nota delle sue parenti “fitness-style” e, al contrario di queste ultime (nella maggioranza dei casi), non è stata partorita da istruttori alla moda, ma è frutto della ricerca del medico indiano Madan Kataria.

Il presupposto della sua intuizione risiede nel fatto che il cervello non distingue tra risata autentica e risata “forzata” tanto da reagire ad entrambe nello stesso modo: in altre parole, tra la risata che nasce quando ascoltiamo una battuta divertente o quando vediamo un film comico e quella che ci disegnamo sul volto guardandoci allo specchio, per il nostro cervello, non c’è alcuna differenza.

Perché dunque non sfruttare questa modalità al fine di ottenere i benefici di un riso vero attraverso un riso auto-indotto? Il dottore mette in pratica questa riflessione e organizza dei veri e proprio meeting per attuarla. Nascono così i club della risata e, con essi, la sistematizzazione di una metodologia che prende il nome di "yoga della risata".

Inevitabili però le iniziali difficoltà: se far piangere è (relativamente) facile, ridere è tutta un’altra storia. Come ci si “forza” a ridere? Cosa ci fa ridere? Come superare gli imbarazzi inevitabili che questa proposta del dott. Kataria porta con sé?

 

Curare la malinconia autunnale con i rimedi di erboristeria

 

A lezione di yoga della risata

Il sito ufficiale dello yoga della risata ci aiuta a comprendere come si articolano queste allegre classi. Innanzitutto si parte proprio con degli esercizi disinibenti e buffi, come parlare "gibberish" (emettere suoni senza senso) oppure battere le mani e vocalizzare ho, ho, ha, ha.

Il cuore della lezione sono i cosiddetti “esercizi di risate” diretti e guidati dall’insegnante che fornisce di volta in volta le indicazioni necessarie. Controllo del respiro, stretching, meditazione e rilassamento finale sono tutti elementi che ricorrono frequentemente nella lezione.

Questa metodologia di yoga apporterebbe notevoli benefici, tanto a livello fisico che mentale: è un ottimo antistress, ossigena il sangue, stimola il sistema immunitario e le funzioni respiratorie.

Ha una sua valenza nel miglioramento delle relazioni inter-personali perché agisce sul proprio atteggiamento mentale aiutando ad affrontare le situazioni con maggiore leggerezza a tutto vantaggio del rapporto con se stessi e con gli altri. Impliciti i benefici sull’umore e sulla sensazione di allegria che questa disciplina reca in se stessa e regala a chi la pratica.

 

Una disciplina che ci mette in gioco

Come appare chiaro da questa breve introduzione, ci troviamo di fronte ad una pratica che definire “yoga” è un po’ azzardato, quantomeno nell’accezione più immediata del termine (infatti, non a caso, una sezione del sito è utilizzata proprio per spiegare l’accostamento). In ogni caso, indubbiamente non presenta controindicazioni ed è adatta a tutte le età.

Trovo molto interessanti gli studi che supportano la validità scientifica di questo metodo così come la filosofia alla sua base che esorta a guardare la vita con maggiore positività nonostante l’epoca buia nella quale viviamo: il motto dei club della risata è infatti “Fai finta fino a quando non è reale” ovvero, spiega il sito “Immaginate la chimica della felicità, fino a quando non è reale”.

Senza arrivare alle esagerazioni irrazionali o fideistiche, effettivamente imparare a cambiare la prospettiva molte volte è assai utile specie se si esercita la capacità di cogliere i lati luminosi dell'esistenza.

È però altrettanto vero che, a mio avviso, non tutti sono portati o disposti a mettersi tanto in gioco quanto questa attività richiede: sia per timidezza, carattere, inibizioni personali molti potrebbero trovarsi in difficoltà di fronte ad una metodologia che, con forza, esorta ad uscire dalla propria “confort zone” e ad affrontare molte inibizioni. Tale confronto con se stessi può essere stimolante e entusiasmante, ma non è detto sia privo di frustrazioni.

Questo articolo vi ha incuriosito e volete provare a lasciarvi andare? Ecco i vari club della risata in Italia. Se invece siete indecisi… provate a pensare che: “Chi ha il coraggio di ridere è padrone del mondo”…

Per chi fosse interessato, di seguito troverete molti interessanti video riguardanti lo yoga della risata!

 

Malinconia autunnale? Qualche altro consiglio pratico per scacciarla

I benefici dello yoga sull'umore

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: