Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

LA GRANDE BELLEZZA DELLO YOGA SECONDO IL FOTOGRAFO ROBERT STURMAN

“Ho visto un angelo nel marmo e ho scolpito fino a liberarlo”, disse Michelangelo. Con lo stesso spirito intuitivo, Robert Sturman aspira a cogliere e trasmettere con la sua macchina fotografica l’armonia e la poesia insiti in una posizione yoga

Le sue foto, personalmente, le ho trovate belle da togliere il fiato. Non ho la competenza per farne un’analisi tecnica, ma, a livello emotivo, mi sembrano davvero potenti e evocative.

L’autore degli scatti in questione è Robert Sturman, fotografo californiano, che ha deciso di consacrare la sua arte allo yoga: è infatti noto e famoso negli Stati Uniti per le sue foto di maestri e praticanti yoga intenti ad eseguire questo o quell’asana.

Artista poliedrico e curioso, si è lasciato coinvolgere in vari progetti riguardanti questa disciplina: ha prestato la sua macchina fotografica per raccontare l’esperienza dell’Africa Yoga Project in Kenya oppure per portare fuori dal carcere la pratica yoga di un gruppo di detenuti in California.

Vi invitiamo a visitare il suo sito per lasciarvi affascinare da tanta armonia e bellezza. Nel frattempo, godetevi questa intervista che ha gentilmente rilasciato a tutti i lettori di cure-naturali.it.

 

In un’intervista al New York Times hai raccontato come è nata questa idea di fotografare degli yogi. Hai fatto un’affermazione in merito che mi è piaciuta molto: “Lo yoga mi ha dato l’opportunità (…) di studiare la 'Poesia degli asana'”. Cosa intendevi dire?

Lo yoga è meraviglioso da guardare. Tutti gli asana ci fanno sentire dei fedeli che aspirano, anelano a qualcosa di più grande di se stessi, a essere il più aperti e vivi possibile. Dalla prospettiva di un artista, questa è poesia figurativa al suo stadio più elevato.

Sono convinto che se Michelangelo avesse conosciuto degli yogi, le strade di Roma sarebbero costellate di marmi raffiguranti persone in urdhva dhanurasana (posizione dell'arco o della ruota, ndr) o in virabadrasana (posizione del guerriero, ndr).

 

Prima che il tuo progetto partisse, come hai avuto l’ispirazione di capire il potenziale artistico insito nello yoga?

Io sono un artista e praticavo yoga ben prima di consacrare la mia vita nella celebrazione della bellezza degli asana. Volevo essere un essere umano più centrato, radicato e trovare qualcosa alla quale aggrapparmi per mantenere una salute eccellente, consapevolezza costante e attenzione al respiro, così ho scelto lo yoga.

Qualche tempo dopo aver iniziato la pratica, ho realizzato quanto fosse fantastica questa disciplina e ho iniziato a focalizzare su di essa anche il mio lavoro artistico.

robert sturman foto

 

Hai fatto delle esperienze molto interessanti in Africa e in carcere. Due contesti molto diversi, ma con unico denominatore comune, lo yoga. Ce ne puoi parlare?

L’artista è portato costantemente a operare su molteplici livelli. Se il mio lavoro può essere visto come uno studio e una celebrazione degli asana, in realtà io vorrei renderlo dinamico in modo da arrivare verso coloro che non hanno nulla a che fare con lo yoga. Mi occupo di umanità, sopra ogni altra cosa.

Così, con lo yoga descrivo questa umanità, sia che si tratti dei Masai che praticano ai piedi del Kilimangiaro, che dei detenuti negli Usa. Sono storie che vanno raccontate e la poesia figurativa dello yoga mi aiuta a farlo con un linguaggio molto più espressivo e visuale.

 

yoga in prigione

 

Se tu avessi il potere “magico”  di scattare la foto yoga perfetta, quale senso vorresti trasmettere o simboleggiare? Pensi che qualcuna delle tue foto abbia raggiunto questo ideale?

La foto yoga perfetta, per me, rappresenta un individuo immerso nella sincerità del suo cuore. Mi piacerebbe considerare tutto il mio lavoro come un'unica grande foto che descrive proprio questo. E sì, credo che noi (io e le persone con le quali lavoro) ci siamo riusciti.


Hai detto che lo yoga ti ha cambiato la vita. In che modo?

Lo yoga mi aiutato a trovare la pace e, nell’incanto della tranquillità, la creatività è nata. Amo lo yoga. Amo srotolare il tappetino e dedicare del tempo a me stesso per tirare fuori tutto ciò che offusca ai miei occhi una visione chiara della vita, che abbia a che fare con il dolore, la tristezza, la gioia… con tutto. Lo yoga mi rende un uomo migliore

 

Anche la fotografa Amy Goalen si è appassionata di yoga... al maschile! Leggi l'intervista

 

 

Nel video che segue, Robert Sturman nel suo studio di Santa Monica parla di sincerità e del segreto del fotografo.

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: