Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

ZANZARE MENO PUNGENTI CON I RIMEDI NATURALI

Detestate, demonizzate, tanto odiate: le zanzare. Eppure si tratta sempre di insetti, creature che hanno una loro funzione, vita, utilità, ma per poterle apprezzare sotto questa luce occorre prima sapere come proteggersi. Meglio farlo attraverso rimedi naturali come la citronella, l'aloe, la lavanda, e i pipistrelli

Non esistono più le zanzare di una volta.  “No me moleste mosquito.../ Just let me eat my burrito!” cantavano i Doors nella canzone “The mosquito”, ovvero le zanzare degli anglofoni, dall'album Full circle, del 1972, secondo disco realizzato dopo la morte di Jim Morrison.

E le zanzare di oggi sembra siano molto più fastidiose di allora. Sopravvissute al rigido inverno, le prime zanzare del 2010 ronzeranno in Europa già a metà maggio e, come annuncia La Repubblica, dureranno per dodici generazioni, il che vuol dire che le avremo attorno per tutta l'estate.

Non vale la pena subire la ridondanza di certi allarmismi, perché la natura stessa mette nelle nostre mani la chiave per proteggerci da questi ronzanti insetti.

 

Puntura di zanzara: prevenirle con i rimedi naturali

Per prevenire la puntura delle zanzare sono utilissime lozioni con oli essenziali a base di citronella, rimedio naturale che potete trovare in erboristeria. Eliminate tutti i ristagni d’acqua sia in casa che su balconi, terrazzi e giardini.

Ad esempio i sottovasi e gli innaffiatoi sono uno dei luoghi ideali in cui le zanzare tigre depongono le uova. Se avete cisterne di acqua che non potete svuotare, copritele con coperchi o zanzariere ben tese, in modo che le zanzare non possano entrare per deporre le uova.

Un “rimedio della nonna” è quello del filo di rame, che potete riporre nei piccoli contenitori (ad esempio, i soliti sottovasi): è sufficiente il rame dei fili elettrici, ma usatelo solo se proprio non potete eliminare il ristagno d’acqua.

La catambra, pianta molto bella che pare sia un efficace rimedio naturale contro le zanzare, è stata brevettata da un vivaio in provincia di Brescia e assicurata come “antizanzare”, grazie all’elevata concentrazione di catalpolo (una sostanza naturale) con cui eserciterebbe una potente azione repellente contro zanzare e insetti volanti a sei zampe.

Una novità curiosa dagli States: l'università della Florida sta mettendo a punto un nuovo preparato a base di acilpiperidine, presente in natura tra i principi attivi del pepe usato comunemente in cucina. Sembra che nessun volontario sia stato punto dopo aver eroicamente tenuto il braccio in un tubo di vetro dove ronzavano circa 500 dei famelici insetti.

 

3 oli essenziali contro gli insetti, per prevenire e curare le punture

 

Se le zanzare hanno già colpito

Colpiti ma non affondati. Con grandi rigonfiamenti rossastri che ci pregano di essere grattati. Ma voi, no, non lasciatevi tentare. Il prurito è una reazione allergica della pelle a un componente anticoagulante iniettato dal pungiglione delle zanzare al momento della puntura.

Come per tutti gli allergeni, la forza della reazione è differente da persona a persona e dipende anche dalla specie di zanzara che ha punto.

Per attenuare il prurito, passate sopra alla pelle dell'aglio tagliato a metà: il bruciore d'impatto lascerà spazio a una sensazione di sollievo dal prurito e alla scomparsa del gonfiore. In alternativa, tagliate una fettina di limone e strofinatela sulla puntura; lo stesso effetto si può ottenere anche passando sulla pelle una fettina di cipolla.

Ancora, versate mezzo cucchiaino di sale in mezzo bicchiere di acqua e tamponate le zone irritate. Preparate un impasto di acqua e bicarbonato di sodio e applicatelo sulla zona che è stata punta.

Se poi avete a disposizione delle foglie di lavanda sfregatele delicatamente sulla parte colpita per alleviare l'irritazione oppure allo stesso scopo potete utilizzare dell'olio essenziale di lavanda da tamponare sulla pelle. Infine, tra i rimedi naturali, infallibile è l'aloe vera: applicate sulla zona colpita una piccola quantità di succo o gel per lenire la sensazione di fastidio derivante dalla puntura.

 

Utilità delle zanzare

Ma questi insetti sanno essere solo fastidiosi o possiamo azzardare qualche ipotesi sull'utilità delle zanzare? Le zanzare, comparse sulla terra molto prima di noi, occupano un loro posto in natura, e partecipano alla stabilità degli ecosistemi, sopratutto di quelli delle cosiddette zone umide.

Con il loro regime alimentare a base di nettare, le zanzare sono agenti dell'impollinazione delle piante, come l'ape e la farfalla. Le larve di zanzara sono inoltre una fonte di alimentazione per alcuni pesci, in particolare sono apprezzate dai goumari, da alcuni uccelli, e dai pipistrelli, che ne divorano fino a un milione per singolo esemplare e spesso vengono usati come veri e propri strumenti, o meglio alleati, per la bonifica delle aree cittadine. Dunque, le zanzare "servono", nel senso che partecipano da protagoniste all'economia della natura.

 

Come fare una trappola ecologica anti zanzare

 

Immagine | Misterysnake

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: