Logo

Rimedi naturali

GLI ANTINFIAMMATORI NATURALI, QUALI SONO E A COSA SERVONO

Gli antinfiammatori naturali sono piante in grado di ridurre un’infiammazione. A differenza dei farmaci antinfiammatori di sintesi (FANS e steroidei) quelli di origine vegetale non hanno controindicazioni, non sono gastrolesivi e possono essere assunti per lunghi periodi di tempo

Gli antinfiammatori naturali, quali sono e a cosa servono

Gli antinfiammatori naturali sono erbe e piante officinali in grado di intervenire sui meccanismi e le cause che provocano l’infiammazione dei tessuti, siano questi tessuti ossei, vasi sanguigni o tessuti epidermici.

 

Che cosa è l’infiammazione

L'infiammazione o flogosi è un meccanismo di difesa non specifico innato, che costituisce una risposta protettiva all'azione dannosa di agenti fisici (traumi, calore), chimici (acidi ecc.), tossici e da agenti di natura biologica (batteri, virus ecc.), il cui obiettivo finale è l'eliminazione della causa iniziale del danno cellulare o tissutale.

Quando un agente lesivo attacca i tessuti provoca un’intensa reazione vascolare, che ha la funzione di distruggere diluire e confinare tale agente, ma allo stesso tempo mette in moto una serie di meccanismi che favoriscono la riparazione o la sostituzione del tessuto danneggiato. 

I fenomeni elementari, che costituiscono la risposta infiammatoria, comprendono vasodilatazione e aumento di permeabilità, che provocano un travaso di liquidi dal letto vascolare al tessuto leso (edema) e l’infiltrazione leucocitaria nell'area di lesione.

La manifestazione delle modificazioni tissutali che subisce un tessuto infiammato consistono in: arrossamento dovuto all'aumento di sangue nell’area (rubor); rigonfiamento dovuto all'edema (tumor); aumento della temperatura (calor); dolore per alterazioni biochimiche locali (dolor); inibizione della funzionalità dell'area colpita (specie se si tratta di un'articolazione) a causa del dolore e degli squilibri indotti dall'infiammazione (es. edema) sull'integrità delle strutture infiammate (functio laesa). Vediamo alcuni antinfiammatori naturali.

 

Scopri le cure naturali per l'artrite, l'nfiammazione dei tessuti molli delle articolazioni

 

Gli antinfiammatori naturali

Parlando degli antinfiammatori naturali è importante ricordare la mancanza di effetti collaterali che può dare il prodotto chimico. Inoltre l'azione del fitocomplesso della pianta è diverso da quello del singolo principio attivo.

Infatti, mentre l'antinfiammatorio di sintesi è più immediato come effetto, ma la sua azione dura solo qualche ora, le piante sono forse più lente nell'esplicare il loro beneficio, ma certamente i loro effetti sono più duraturi, anche considerando il fatto che si possono assumere per periodi più lunghi, senza controindicazioni.

  • Spirea: svolge azione antinfiammatoria, analgesica e antipiretica, perché inibisce la sintesi delle prostaglandine (PGE2), responsabili del dolore e del processo infiammatorio dei tessuti. Viene perciò utilizzata in caso di febbre e in tutte le malattie da raffreddamento; per alleviare gli stati dolorosi causati da artrosi, artrite reumatoide, dolori articolari, mal di denti, mal di schiena e cervicale. Tuttavia a differenza dei farmaci antinfiammatori di sintesi, la spirea non presenta azione ulcerogena (gastrite, ulcera), effetto collaterale di questa categoria di farmaci. La presenza delle mucillagini, infatti, conferisce alla spirea un’azione protettiva per le mucose, in grado di ridurre gli spasmi e i processi erosivi delle pareti gastriche. 

 

Intestino in fiamme? Domalo con gli antinfiammatori naturali

 

Per approfondire:
> La camomilla, un antinfiammatorio naturale

> Gli integratori naturali alimentari antinfiammatori

>  Quali sono i cibi antinfiammatori e quali evitare

 

Immagine | Chiropractic_colorado 

CONTENUTI SU ANTINFIAMMATORI NATURALI PAGINA SUCCESSIVA


Ti potrebbe interessare anche: