Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

SIDR, UNA POLVERE PER AVERE CAPELLI SANI

Polvere di noci di Reetha, polvere di foglie di Sidr, polvere di Shikakai: ecco come si possono ottenere capelli sani e lucenti grazie a shampoo del tutto naturali e senza schiuma!

Sidr, lo shampoo naturale

Botanicamente noto come Zizyphus Jujuba, il Sidr è un bell'albero da frutto, conosciuto anche come dattero cinese, diffuso in tutta l'Asia, in particolare in India, Pakistan e Yemen. Dalle foglie essiccate si ottiene la polvere di Sidr, una base morbida e impalpabile di colore verde chiaro e dalla consistenza simile al talco. 

Le donne orientali e mediorientali ben conoscono le sue proprietà curative: ricche di saponine, mucillaggini e vitamine, ma anche di nutrienti quali tannini, ferro e sali minerali preziosi, le foglie di Sidr vengono spesso commercializzate essiccate o ridotte in polvere in sacchetti che a volte riportano l'etichetta di Henné neutro, anche se di questo non si tratta. 

Proprio in virtù della presenza di saponine, il Sidr può essere considerato proprio uno shampoo completamente naturale e sostituire quello classico.

A differenza di quest'ultimo è delicato, non aggredisce i capelli, ma li pulisce nutrendoli al tempo stesso, e non fa schiuma. Inoltre, dalle donne orientali viene usato per ridare volume e corposità ai capelli sfibrati e danneggiati, lasciandolo in posa anche una buona mezz'ora, cosa che aiuta anche a purificare la cute in profondità. Ecco come si prepara.

 

Sidr: la ricetta per capelli sani

Per la ricetta base dello shampoo naturale al Sidr bastano pochi minuti e pochi ingredienti: dell'acqua calda e una confezione di polvere di Sidr da circa 40-70 grammi se hai i capelli medio-corti, dai 70 ai 100 se sono lunghi e qualche attrezzo non metallico.

Preparazione
Mettere la polvere di Sidr in una ciotola non di metallo e aggiungere lentamente dell'acqua calda: mescolare con una frusta di plastica o legno o un cucchiaio di legno o ceramica per qualche minuto e aggiungere l'acqua calda necessaria a formare una pastella liscia e omogenea.

Lasciare a riposo il tutto almeno cinque minuti: il Sidr rilascerà delle mucillaggini che renderanno il composto più viscido, gelatinoso e morbido. Bagnare i capelli leggermente e spalmare questo preparato. Massaggiare quindi a fondo con i polpastrelli, bene sulla cute, lasciare in posa qualche minuto e poi risciacquare.

Si può terminare aggiungendo una noce di balsamo o di trattamento idratante naturale. 

Attenzione: spesso si pensa, erroneamente, che i prodotti vegetali siano privi di controindicazioni. Bisogna sempre prima effettuare la prova di sensibilità cutanea nell'incavo del braccio, mettendo il preparato 48 ore prima dell'applicazione sui capelli. In soggetti predisposti, è sempre infatti possibile una reazione allergica.

 

Leggi anche Fieno greco, un toccasana per pelle e capelli >>

 

Capelli sani con oli ed erbe

Nella cultura indiana lo Shikakai - una delle erbe indiane più utilizzate per la cura del corpo, pelle e capelli, soprattutto per le sue proprietà riequilibranti - e la polvere di Sidr fanno parte anche dei trattamenti ayurvedici per il corpo.

Ecco un simpatico video Youtube di Olivia Rose che illustra la differenza d'uso dell'una rispetto all'altra, particolarmente dedicato a donne con capelli afro

Partendo dalla ricetta base dello shampoo di Sidr, per ammorbidire e ottenere un effetto più setoso si può aggiungere anche qualche goccia di olio vegetale (jojoba, oliva, avocado), come anche un cucchiaino di aceto di mele o un paio di gocce dell'olio essenziale naturale adatto per la cura e il benessere dei capelli, come quello di lavanda, camomilla o mirra.

Si trova facilmente on line, una bustina di SIdr da 100 g costa circa 5 euro; si trova anche nelle migliori erboristerie e negozietti etnici di prodotti indiani.

 

Leggi anche Consigli ayurvedici per la bellezza dei capelli >>

 

Foto: Alberto Giacomazzi / 123rf.com

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: