Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

BAMBINI E IPERATTIVITÀ: SINTOMI E FATTORI AMBIENTALI

Che cos’è la sindrome da deficit di attenzione e iperattività? Che legame c'è tra gli zuccheri raffinati e questo disturbo? Come si fa a distinguere la vivacità dall’iperattività patologica? Quali sono i fattori ambientali che si possono correggere al fine di prevenire e curare questa sindrome?

Con il nome di sindrome da deficit di attenzione e iperattività, nota anche come ADHD, acronimo che sta per Attention Deficit Hyperactivity Disorder, si indica un disturbo neurobiologico caratterizzato da iperattività, incapacità a concentrarsi e mantenere la concentrazione, impulsività.

 

La sindrome da deficit di attenzione e iperattività: il tipo iperattivo-impulsivo

Gli specialisti identificano tre sottotipi di pazienti con ADHD:

  • iperattivo-impulsivo: prevalgono i sintomi relattivi all'iperattività;
  • disattento: prevalgono i sintomi relativi alla difficoltà a concentrarsi e a mantenere la concentrazione;
  • combinato: sono presenti sia i sintomi dell'iperattività sia quelli della disattenzione, più o meno in egual misura.

Nel presente articolo analizziamo soprattutto il tipo iperattivo-impulsivo e quello combinato.

I sintomi caratteristici dell’iperattività sono i seguenti:

  • Il bambino è spesso irrequieto, si muove in maniera eccessiva e non riesce a stare seduto;
  • Passa da un’attività all’altra senza sosta e senza mai completare la precedente;
  • Non rispetta il proprio turno se è in fila o durante un gioco;
  • Parla continuamente e interrompe gli altri mentre parlano;
  • Non riesce a prevedere le conseguenze delle proprie azioni, è troppo impulsivo e incorre spesso in piccoli incidenti; è frequente che si faccia male;
  • Risponde alle domande prima che queste siano concluse.

 

Bambino vivace o ADHD?

La vivacità non ha nulla a che fare con la patologia. Correre, essere spesso in movimento, saltare, arrampicarsi, avere difficoltà a mantenere la concentrazione in classe o quando si svolgono i compiti a casa, urtare contro un muro senza prevedere le conseguenze, sono tutte cose comuni nell’età dello sviluppo. Come si fa allora a distinguere la normale iperattività nel bambino da quella patologica?

Il bambino con deficit di attenzione e iperattività ha una vivacità e un’impulsività molto sopra le righe e manifestazioni che compromettono le relazioni sociali con i coetanei e quelle con i familiari; una disattenzione cronica e costante che impedisce l’apprendimento e sfocia in un rendimento scolastico molto scarso. Ecco, questi sono i sintomi che possono far sospettare l’esistenza di un disturbo, tenendo sempre ben presente, però, che soltanto un medico può diagnosticare l’ADHD, secondo i criteri del DSM IV, il manuale dell’American Psychiatric Association che descrive e classifica le patologie psichiatriche.

 

Fattori ambientali e iperattività

Le cause della sindrome da deficit di attenzione e iperattività non sono certe e dunque è anche complicato applicare una strategia preventiva. Molti studi insistono sulle basi genetiche dell’ADHD; tuttavia, i trial che sono stati condotti fino a questo momento, hanno messo in luce alcuni fattori ambientali che potrebbero causare l'iperattività nel bambino.

  • Fumo di sigarette e consumo di alcol della mamma durante la gravidanza;
  • Esposizione al piombo, che si può trovare nei materiali con cui venivano costruiti i vecchi edifici;
  • Il consumo eccessivo di zuccheri raffinati. In realtà, il rapporto tra quantità di zuccheri assunti con la dieta e ADHD è piuttosto controverso. Quando si parla delle cause della sindrome dell’iperattività nei bambini spesso si fa riferimento alla questione dello zucchero, ma i risultati degli studi clinici non convergono e alcuni sembrano opporsi a questa teoria.
  • Consumo eccessivo di cibi con additivi artificiali. Un recente studio inglese, pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet, ha sottolineato un possibile legame tra iperattività e il consumo di additivi alimentari, tra cui conservanti e coloranti artificiali. La comunità scientifica è tuttavia in attesa di scoprire di più e di avere conferma di questo legame. 

In virtù di questo possibile legame tra iperattività e consumo eccessivo di zuccheri raffinati e additivi alimentari, alcuni medici consigliano, a supporto di una terapia contro l’ADHD, un’alimentazione naturale il più possibile priva di questi ingredienti.

 

Può interessarti anche l'intervista ad Assia Federici, insegnante di sostegno dei bambini con Bisogni Educativi Speciali

 

Immagine | Carly & Art

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: