Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

COLORAZIONI NATURALI DA FRUTTA E VERDURA

Sapevi che si possono estrarre colori naturali da frutta, verdura, fiori e foglie? Ecco come

I colori naturali possono essere estratti e ottenuti da molte fonti vegetali come dalla corolla dei fiori, dalle foglie, dai frutti, dagli ortaggi, dalle spezie e da qualche radice.

Vediamo come estrarli e usarli per decorare ad esempio le uova di Pasqua.

 

Estrarre il verde dalla clorofilla

   > Le foglie di bietola e spinacio sono quelle che meglio possono donare il colore verde della clorofilla. Basta schiacciarle o frullarle, lasciarle immerse con un pochino di alcool alimentare e poi passare sul fuoco per far evaporare la parte liquida del succo e otterremo la clorofilla pura.

   > Altre tonalità di verde si ottengono dal tè verde, dal cavolo verde, dal prezzemolo, dalle alghe e dalla menta.

 

Estrarre il rosso, viola e blu

  > Con la barbabietola si ottiene un bel rosso violaceo intenso e che tinge veramente bene.

  > Il cavolo rosso va schiacciato nel mortaio e, ottenuto il succo, possiamo aggiungerci succo di limone per vederlo tingere di fucsia oppure, con una puntina di bicarbonato che è basico, lo vedremo virare al blu intenso. Potremo poi utilizzare i metodi descritti di seguito per utilizzarlo come colorante naturale.

  > Mirtilli, more, ciliegie, lamponi e fragole creano sfumature rosso, rosa, viola e blu veramente suggestive!

 

Scopri le proprietà, i valori nutrizionali e le calorie delle more

 

Estrarre il giallo, arancione e marrone

  > Da fiori come calendule, tagetes, nasturzi e altre corolle sono ottenibili i colori che variano dal giallo chiaro all'arancione.

  > Le spezie come zafferano e curcuma o curry sono anche esse utili per la colorazione dal giallo all'arancione intenso. Anche il caffè e il cacao in polvere sono già pronti per l'uso come colori naturali.

  > Frutta e verdura donano questi colori nelle carote, arance, mandarini e persino nell'ananas. Per gli agrumi si può tagliare la buccia e frullarla in modo molto omogeneo.

  > La cipolla sopratutto rossa tinge di un bel marrone rosato caldo e diffuso ed è ottimo per tingere durante la bollitura delle uova sode per la festa di Pasqua. Basta aggiungere all'acqua di cottura le bucce delle cipolle rosse e le uova prenderanno una colorazione più scura.

 

Sai che ad ogni colore di frutta e verdura corrisponde una proprietà?

 

I metodi estrattivi dei colori naturali

Prendendo il vegetale che ci serve per ottenere il colore, possiamo iniziare tagliandolo a pezzetti e schiacciandolo bene nel mortaio o frullandolo con un mixer o frullatore casalingo. Otterremo un succo colorato che potrà già così essere utilizzato come acqua colorata per dipingere a pennello (acquerello).

Oppure, aggiungendo un po' di maizena o di farina, possiamo creare un impasto più solido con la stessa consistenza delle tinte commerciali.

Ovviamente questi colori vanno utilizzati velocemente perché, essendo freschi, oltre a ossidare e quindi virare in altri colori, potrebbero formare muffe degradandosi velocemente.

Un altro metodo è con estrazione di un solvente. Preparare un contenitore, meglio se di vetro, e inserire il vegetale tagliato a pezzetti dal quale vogliamo ottenere il colore naturale; successivamente lo lasceremo macerare in acqua o alcool o olio. A seconda del vegetale di partenza serviranno più o meno giorni di estrazione e con questo metodo otteniamo un colore già in base idro (acqua) o tintura (alcool) o oleoso (olio).

Altro procedimento è, partendo dal succo ottenuto con il pestello, la riduzione sul fuoco facendo evaporare parte dell'acqua o del alcool che abbiamo aggiunto per aumentare l'estrazione. Riducendo il volume con l'evaporazione del solvente otterremo un composto quasi solido pronto per essere utilizzato per la colorazione.

I metodi sono differenti per l'estrazione anche in base all'uso che si farà del pigmento naturale.

 

Le uova sode decorate con colori naturali

Per preparare le uova di Pasqua colorate servono ovviamente le uova di gallina fresche, da decidere se colorarle dopo averle cotte e rese sode oppure se colorarle mentre avviene la cottura in acqua.

Nel primo metodo si preparano le uova sode con una ricetta classica di bollitura di minimo 8 minuti e poi una volta raffreddate potremo dipingere con il pennello e i colori naturali estratti da piante, fiori, verdure e frutta.

Nel secondo metodo le uova fresche vengono avvolte, una per una in un collant pulito e si può aggiungere una decorazione appoggiando sulla superficie dell'uovo qualche forma di foglia, fiore o altro materiale vegetale e il collant legato intorno fermerà queste piccole decorazioni.

Si mettono a bollire in acqua colorata con estratti vegetali. Ad esempio con fette di barbabietola per il rosso-viola, bucce di cipolla rossa per ottenere l'uovo di color marrone-violaceo o cavolo cappuccio per tonalità blu-viola. Le uova sode tinte del colore scelto avranno, una volta tolto il collant, le decorazioni delle formine aggiunte e le tonalità saranno più chiara sotto la formina e più scure intorno creando così variegature molto suggestive!

 

I colori possono essere utilizzati inoltre

  • per tingere la stoffa e i tessuti

  • per donare colorazioni ai prodotti cosmetici fatti anche in casa

  • per colorare prodotti artigianali come ad esempio il sapone

  • per tingere materiali di casa, ad esempio per proteggere il legno dei mobilio

  • per dipingere capolavori su carta, tela o altri materiali degli artisti di ogni età

 

I coloranti tra gli additivi alimentari: scopri gli altri

Cosa contiene l'inchiostro dei tatuaggi

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: