Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

L'ARGILLA VENTILATA, GLI USI DI UN'ARMA SEGRETA

Verde ha fini curativi, bianca per usi cosmetici. La si trova in commercio in forma macinata, grossa o ventilata. Consigli e dritte su come impiegare al meglio il prezioso prodotto naturale che è l'argilla ventilata

L'argilla fa bene; lo sapevano gli egiziani, la usava Gandhi, l'hanno studiata uomini di alta spiritualità e dalle straordinarie doti guaritrici come Sebastian Kneipp, Louis Kuhne, Adolf Just, il nostro padre Garofalo.

Oggi, recandoci in una qualsiasi erboristeria o negozio che venda prodotti curativi e cosmetici di origine naturale, ci troviamo di fronte a definizioni che fanno riferimento alla granulometria del prodotto e che ci lasciano nel dubbio.

Scopriamo cosa si intende per argilla ventilata e quali sono le sue proprietà e applicazioni.

 

Cos'è l'argilla ventilata

Le argille che si trovano sul mercato sono confezionate secondo una differente granulometria. Esiste l'argilla macinata grossa, che viene usata soprattutto per impacchie  cataplasmi di grandi proporzioni o per bagni, pediluvi o maniluvi argillosi; l'argilla macinata fine somiglia a una terra normalmente sciolta ed è utile per applicazioni di normali proporzioni.

Infine, l'argilla ventilata, ovvero l'argilla che viene trattata in uno speciale cilindro dotato di un potente getto d'aria che separa i granuli d'argilla dalla sua polvere. L'argilla ventilata ha un forte potere assorbente, elimina le scorie, cicatrizza le ferite e le ulcerazioni, purifica l'organismo.

 

Come usare l'argilla: 6 usi interni ed esterni

 

Impieghi dell'argilla ventilata

Uso interno dell'argilla ventilata

L'argilla ventilata è l'argilla per uso interno per antonomasia: si usa per preparare la bevanda assumibile per via orale, per polverizzazioni, frizioni, per confezionare pillole o compresse, dentifrici, saponi.

L'argilla da bere va preparata alla sera: si riempie un bicchiere con 3/4 di acqua fredda, si versa un cucchiaino raso di argilla e si mescola a lungo con un cucchiaio in legno. Le prime volte si beve solo il sopranatante, una volta fatta l'abitudine, si può anche bere l'argilla sedimentata. Per fare sciacqui e gargarismi con l'argilla ventilata (in caso di affezioni del cavo orale o della gola), occorre scioglierne 1 cucchiaino (mai di metallo o plastica) in un bicchiere e lasciarlo riposare per un paio d'ore, agitare fortemente il liquido senza sciacquarsi dopo aver fatto i gargarismi. L'argilla ventilata viene usata anche per irrigazioni e lavande vaginali.

 

Uso esterno dell'argilla ventilata

Ma l'argilla ventilata è valida anche per applicazioni esterne mirate a curare ferite, infiammazioni, edemi, gonfiori. In una bacinella di ceramica (mai di plastica, vetro o metallo) mettete un po' d'argilla ventilata, unite acqua e mescolate con un cucchiaio di legno (mai usare cucchiai di plastica o metallo). Applicate sulla parte da trattare per 45 minuti, al termine dei quali occorre controllare se è molto calda (nel quale caso significa che l’argilla ha estratto parecchia infiammazione); togliete l'argilla con acqua tiepida. Il trattamento va ripetuto almeno una volta al giorno, meglio se due.

Alcuni accorgimenti: una volta utilizzata, l'argilla deve essere buttata, poiché nell'uso si impregna di impurità; la cura con l'argilla, l'argilloterapia, deve avvenire gradualmente, in modo che il corpo tragga il giusto beneficio; spesso il trattamento a base di argilla ventilata assunta per via orale viene preceduto dall'assunzione di tisane lassative, l'eliminazione di cibi ricchi di grassi e di proteine animali, l'incremento del consumo di frutta fresca.

 

L'argilla ventilata per i massaggi: come usarla

 

Per approfondire:
>  L'uso cosmetico dell'argilla

>  Proprietà, uso e controindicazioni dei fanghi bentonici

 

Immagini | Wikipedia

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: